venerdì 13 agosto 2010

E' faticoso

Scrivo poco, lo avrete notato.
Mi domando perché. E non so darmi risposta. O meglio, non so darmi la risposta che mi piace. Per non farmi male, non mi rispondo.
E' faticoso vivere in un luogo non tuo. In un luogo che non hai potuto scegliere.
E' faticoso vivere in un paesino, quando sei abituato ad una città.
E' faticoso vivere la tua città che è diventata un non luogo. Ma tu vuoi viverla a tutti i costi.
E' faticoso vedere le persone spaesate, sgomente, tristi e rassegnate. Incerte del domani.
E' faticoso constatare che chi lotta con te viene strumentalizzato dai soliti meccanismi dell'Italia del berlusconismo. Anche quello di sinistra.
E' faticoso vedere i personalismi esasperati che bruciano la spontaneità della partecipazione.
E' faticoso stare insieme a chi non è propenso all'ascolto. A chi si parla addosso e pretende di indicarti la strada giusta. Invece di cercarla insieme con te.
E' faticoso prendere atto che gli sforzi della cittadinanza attiva a nulla valgono. Chi deve decidere, amministrazione comunale in testa, pur riconoscendo, solo a parole, i meriti dell'assemblea cittadina, ti passa sopra come un treno. Decide. Nelle stanze chiuse. Con i soliti noti. In barba alla partecipazione dei cittadini ed alla trasparenza delle amministrazioni. Sbandierate come valori propri, ma lontane anni luce dalla politicuccia di quart'ordine che neanche un terremoto è riuscito a smuovere.
E' faticoso riconoscere che, se mostri dissenso, sei sotto schiaffo. Anche di alcuni che si dicono tuoi compagni di cammino.
E' faticoso esercitare la democrazia in questo scorcio di estate.
E' faticoso decidere di restare a lottare. Di non chiudersi nel proprio guscio. A stare a guardare.
Vai avanti, ché hai le spalle forti.
Buon Ferragosto a tutti.
Che la mezza estate vi porti serenità e voglia di partecipare.
Anche se è faticoso.

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Benvenuta Anna..in questa umanità di m..da!
2 possibilità....
1:affogare!
2:nuotare!
Fino a che il genere umano sarà attratto dai propri miseri e meschini bisogni ed interessi...cioè per sempre!
Troppo pochi i fari nel buio!
Pessimistica visione....ma oggi la penso così!
Sarà il ferragosto....
Baci
Watka Yo Ota

Inneres Auge ha detto...

è faticoso avere Gianni ed Enrico Letta a rappresentarci.

giuseppe vinci ha detto...

E' faticoso testimoniare un'altra "politica", la pratica di una costituzione non solo democratica, quanto aristocratica, che si fondi, non tanto sull'aristocrazia del "possesso" quanto su quella della conoscenza di sé e degli altri.
E' faticoso condividere la consapevolezza.
E' faticoso, ma questo a noi lo dobbiamo, se non vogliamo essere sfiancati dalla fatica del vivere.

Franco Giannini ha detto...

E' faticoso affermare che putroppo hai ragione...
E' faticoso trovare una parola che ci dia conforto...
E' faticoso pensare che malgrado tutto...le cose cambieranno, perchè mi
E' faticoso anche nel non dire "...si, ma in peggio!!
Buon Ferragosto... SOLO a chi non se può permettere uno come si dovrebbe e vorrebbe.

Federico ha detto...

ricevuto, Anna. :-)

Anna ha detto...

Federico,
hai capito che quello che ho scritto è anche per te.Le cose che non ci piacciono si tenta di cambiarle partecipando. Stando a guardare, si accettano. Anche se non si avallano.E noi non possiamo permettercelo.Spero di non averti perso. Non come amico, ché so di averti sempre, ma come compagno combattente.
Un abbraccio.

Anonimo ha detto...

E' faticoso arrendersi...
E' faticoso lasciarsi andare...
E' faticoso restare a guardare...
E' faticoso abbandonarsi al rimpianto, all"avrei potuto", "avrei dovuto"...
E' faticoso smettere di usare il cervello...
E' faticoso non ascoltare la propria coscienza...
Siamo come kamikaze, non abbiamo nulla da perdere, non ci interessano le parole degli altri...

www.dariopetrolati.it ha detto...

era da un pezzo
da troppo onestamente
dopo lo "sforzo" dei libri raccolti e rimessoti dopo averti sempre letto lo stesso mi accingo ora che è uno stupido feroce ferragosto a dirti che sono incazzato per te per questo paese corrotto complice
e la mia solidarietà troverei stucchevole come altre impossibili espressioni.
è grave e impossibile a sopportare vedere come la indifferenza della cittadinanza tira avanti si lamenta ma va al mare fa colonne di auto per andare in ferie.
forse ci vorrebbe un massacro totale che ci coinvolga tutti per darci na scossa muoverci per tentare di riavere forse la dignità perduta.
a te anna
una parola a parte
un pensiero che non serve a nulla
un abbraccio di comodo
non so anna
proprio non so più nulla
c'è troppa tanta solitudine nell'aria
ciao donna
solo da ammirare .
dario.

idea ha detto...

Buon ferragosto Anna, anche se è faticoso. Hai proprio ragione, sai. Ti abbraccio forte. Miryam

Rebelde ha detto...

Cara Anna, la frustrazione purtroppo è uno dei sentimenti più deleteri per lo spirito e per il fisico. Porta alla depressione se non si è in grado di farsela scivolare addosso e di conseguenza toglie forze e volontà, soprattutto a chi sin' ora ha lottato per se stesso e per gli altri. Occorre reagire. In momenti come questo occorre un gran colpo di reni per tenersi in carreggiata.
Poi io dico che non vale la pena farsi ulteriormente rovinare la vita dagli elementi e dalle situazioni che descrivi nel tuo post. Il mondo non finisce domani anzi, continuando a lottare si ha la sensazione che ricominci ogni giorno.
Non ci credo che mediti di tirare i remi in barca e di unirti alla schiera di coloro che si sono dati per vinti sin dall' inizio. Vorrebbe dire morire dentro, vorrebbe dire vivere una vita vuota di passione e piena di rimpianti. Solo la lotta, la partecipazione critica e costruttiva, indipendentemente dal risultato che si raggiunge, può dare a te e a tutti coloro che partecipano, la voglia di andare avanti verso gli obiettivi che vi siete posti. E sono nobili e importanti.
Un abbraccio. Aldo

Anonimo ha detto...

e' faticoso vedere la differenza tra i terremotati del nord e quelli del sud...

Artemisia ha detto...

So che troverai la forza per vincere la comprensibile stanchezza. E comunque, per quello che può servire, noi siamo qua.