venerdì 9 ottobre 2009

Intervallo

Uso la penna per questo post. Domattina lo trascriverò sul blog. Un post a penna deve essere per forza un post che esce dal cuore. Ho una casa, stavolta per davvero. Una casa dopo sei mesi sotto il cielo, e il sole, e la pioggia. E le stelle. Il cielo e le stelle son belli, ma un tetto è sicurezza. E vita. E programmi. Seppur minimi. La casa è umile, ma dignitosa. Costa molto più di quanto vale. Ma oggi una casa a L'Aquila vale oro. Non c'è il gas, forse arriverà fra dieci giorni. E alla notte è troppo freddo per dormire in un container da cantiere. Allora ho preso tutto il coraggio che mi è rimasto e son partita. Ci vuole coraggio per partire. Quando si lascia indietro il nulla. Coraggio, se sai che a quel nulla tornerai. Il nulla nel quale vuoi provare a costruire di nuovo qualcosa. E' una scelta. Non ponderata, quasi inevitabile. Non potrei fare altrimenti. Sento e so di voler continuare il mio cammino con quelle anime gemelle che non vogliono abbandonare la nostra terra in mano ai barbari invasori. Ed ai nuovi barbari colonizzati da TV ed imbonitori. Un sogno quello di pensare di poter incidere sulle future scelte? E che sogno sia. Ho raggiunto, con mille paure, un luogo della mia anima. Un luogo che mi appartiene non meno della mia città. E qui, ora, ho ritrovato la mia identità. E un minimo di serenità. Fuori dal terremoto, Anna è la stessa. Anche se con la vita spezzata. Anche se mesta e malinconica. E allora, davanti al mare, su questo terrazzo, assumo in pieno l'impegno preso con me stessa. Provo a ricostruire. Ma a ricostruire il vero. Non scenografie di film di quart'ordine. Le cose vere si ricostruiscono partendo dalle persone. E dalle identità. E dalle vite di ognuno. Accetto la sfida che la sorte mi ha riservato. Il mare è calmo sotto il cielo umido. Mi addormento pensando che posso ancora provare ad essere felice. L'affetto di amici attenti e discreti, il canto di una sorgente conosciuta. E la risacca, sotto la finestra. Che mi culla. E l'idea che, nonostante tutto, in questa Nazione che stento a riconoscere, la giustizia è ancora uguale per tutti.
A presto.

44 commenti:

NADIA ha detto...

hola querida :D
il coraggio non ti è mai mancato e anche stavolta riuscirai a venirne fuori ti abbraccio forte!!!

radha ha detto...

mare...amare...sempre...

Raffale Fabozzi ha detto...

siamo tutti con te!

Raffaella ha detto...

le tue parole sono sempre commoventi e anche quando trasmettono tristezza infondono coraggio. sarà dura, anna, come lo è per i miei familiari,ma l'amore per la nostra città è più forte di tutto. si deve ricominciare da dove si è lasciato, questa è solo una pausa, un raccogliere tutte le forze per ripartire da zero. ce la farai, ce la farete tutti, piano piano si aprirà uno squarcio nel cielo e vi darà modo di rivedere il sole.siete forti e coraggiosi, gli attimi di sconforto ci sono e ci saranno per lungo tempo ma l'amore, la forza, l'onesta, alla lunga pagano sempre. vi voglio bene.
raffaella

Patrizia ha detto...

Anna scusa se invado il tuo blog, ma mi sembra importante e al momento non ho altro mezzo di comunicazione. Riporto lo stesso messaggio che ho lasciato nei commenti sul tuo post precedente.

Cara Anna,
sono Patrizia ex ospite della tendopoli di piazza d'armi attuale ospite della scuola sottufficiali della GdF (sfollata). Ti scrivo per segnalarti una cosa gravissima che si verifica da ieri mattina. "Qualcuno" ha messo dei filtri nel server in uso quì e quindi non possiamo accedere ne' a facebook, ne' a you tube, ne'ai meetup di beppe grillo e non solo il suo, e risultano spariti anche alcuni video quì sul tuo blog e altrove. Persino sul sito del capoluogo.it.
Sono andata a chiedere spiegazioni al dicomac, ma ovviamente non sono stati affatto...come dire...credibili. Dicono che ci stanno lavorando, ma io non ci credo. Prove tecniche di controllo sull'informazione via internet. Luigi ha gia scritto a tutti quelli che ha nella rubrica, compresi alcuni giornali, ma non tutti. Ti prego di diffondere questa notizia grazie.
Pat

sR ha detto...

mai come oggi è stupendo leggere queste tue parole!
brava Anna!

Anonimo ha detto...

un abbraccio silenzioso...
chiaretta

antonio ha detto...

Sai, mi piace molto come scrivi.

mIsi@Mistriani ha detto...

sapevo che sarebbe arrivato questo momento,prima o poi...

che sia solo la prima vera tappa...per te e per chi è in condizioni simili alla tua..
un abbraccio

idea ha detto...

Brava Anna! Addormentati e sogna. Vivi serena e respira l'odore del mare, lasciati cullare dalle onde. Riposati. "Ogni giorno ha la sua pena. Quanto basta per arrivare a sera". Domani ti sveglierai e tutto sarà migliore. E non sarà solo un sogno.
Ti abbraccio forte.
Miryam

Anonimo ha detto...

Watka Yo Ota dice:
Cuore di Guerriera molto più vasto della tristezza che contiene.
Grandi Braccia le Sue Parole aprono ed abbracciano tutti noi...
Watka Yo Ota
p.s.
@ Pat
Come facciamo a tenerci informati sulla Tua situazione?Potrebbero bloccare anche l'accesso in questa Landa di Libertà!

Manicomio ha detto...

salve Anna,

felice di questa notizia spero che la strada in salita cominci a far vedere un po' di cambiamenti verso il meglio. vero è che la Giustizia c'è ancora, ma stenta ad apparire e quando lo fa, pare sempre un miracolo. vuol dire che siamo i soliti che ancora credono nei miracoli... un saluto e buon trasferimento,

Salvatore

la sorella bionda ha detto...

E' giusto che sia cosi ora.
E' arrivato il tuo momento,di ricostruire,piano piano,ciò che la vita per un pò ti ha negato.
Non avere sensi di colpa,e cerca di ritrovare la serenità,la vera cura ai mali della vita.

Ti sono vicina Anna.

AleV ha detto...

Anna, non mollare. non molliamo. dobbiamo ricostruirLa noi, ormai lo sappiamo. un abbraccio

Alessandro

Lello ha detto...

Tesoro, goditi l'amata arethusa... te lo meriti proprio!!!
Un bacio ad entrambi

Anna ha detto...

@Patrizia,
ho perso il numero del tuo cellulare, altrimenti ti chiamerei. Da qui mi è difficile divulgare la notizia che mi dai poichè non ho connessione , se non quella della mia amica, ma solo per pochi minuti. Chiamo Alberto e glielo dico. Ma devi darmi di nuovo il tuo numero. Mandami un sms.

cristiana ha detto...

Sono veramente felice per te.
A presto Cristiana

Nemo ha detto...

I tuoi post sono sempre usciti dal cuore...

luisa ha detto...

Quando perdi tutto o quasi, ma riesci a non perdere te stesso è l' inizio di un novo inizio, guarda il futuro con fiducia in te stessa.
Lo so bene che vi sono giornate in cui non credi più a niente, lo so...
E' importante però credere in un futuro migliore.
Un abbraccio Anna

Faber ha detto...

Io e la mia famiglia vi siamo vicini .
un abbraccio Faber

Luciano B. L. ha detto...

Felice per la tua meritata sistemazione provvisoria.
Costernato per quest'altra notizia che spero commenterai adeguatamente, quindi copio e incollo:
(ANSA) - TORINO, 8 OTT - In un paese falcidiato da sempre da disastri, il sistema funziona perché fa squadra. Lo ha detto Guido Bertolaso che questo pomeriggio è stato premiato dall'Anci con una targa di riconoscimento per il lavoro svolto in Abruzzo e in altre occasioni in cui è stato necessario l'intervento della Protezione Civile.

La targa è stata consegnata a Bertolaso dal sindaco Chiamparino, il quale ha detto che in occasione del terremoto dell'Abruzzo è stato sperimentato, attraverso l'Anci un raccordo tra potere centrale e decentrato che ha funzionato, "é l'Italia - ha detto Chiamparino - che molti comuni vorrebbero".

Bertolaso nel suo intervento ha parlato del suo lavoro come di una missione e di un sistema che a livello mondiale ci è invidiato da tutti. Ha avuto parole di grande riconoscimento per le forze dell'ordine e le forze armate per i vigili del fuoco e i tantissimi volontari che offrono il proprio contributo nella Protezione civile e ha parlato dei sindaci come dei 'grandi Bertolaso' ". Ha infine detto che l'operato della Protezione Civile si può migliorare cercando di lavorare molto di più sulla prevenzione anche se - ha ammesso - è difficile perché costa molti soldi e "non si vede". Infine parlando dei funerali che si sono svolti oggi a Messina per le vittime del nubifragio ha detto che la sua speranza è che ci sia servita come lezione per evitare in futuro gli stessi errori. (ANSA).

serenella ha detto...

M'è venuto un groppo alla gola, Anna, leggendoti. Ti sento serena, dopo tante traversie. Certo che puoi provare ad essere felice. E' un diritto di tutti gli esseri umamani. Certo che c'è un minimo di giustizia.
Un abbraccio forte forte.

ps: che bella invenzione il blog.

Anonimo ha detto...

la serenità ritrovata. il "luogo" dell'anima, il mare, la sua presenza eterna e viva, la forza delle cose vere,essenziali che non passano...mentre passano, come le scorie, come gli spurghi negli scoli... le bugie, le autoesaltazioni, le truffe,gli imbrogli....grazie per queste sensazioni ed emozioni.

Vale ha detto...

Bello leggere nelle tue parole una calma ritrovata, il desiderio di riominciare a sperare... sono contenta per te, Anna, prenditi il tuo meritato riposo e lasciati cullare dalle onde del mare. Lascia i tuoi propositi a quelle stelle che ora puoi guardare dalla finestra. La Giustizia, arriva sempre prima o poi ... Sarà così vedrai, passo dopo passo...
Un forte abbraccio,
Vale
@Pat Passo su FB la notizia...purtroppo potrò fare campagna di informazione passiva...

Mary Valeriano ha detto...

Una casa é molto, una casa ti fa sentire gente. Sono felice che tu abbia trovato un luogo, che ti permeta di sentirti arrivata da qualche parte.
Un bacione :-)

Anonimo ha detto...

In bocca al lupo!

ciao
Marisa

Anonimo ha detto...

sulla prevenzione anche se - ha ammesso - è difficile perché costa molti soldi e "non si vede". Infine parlando dei funerali che si sono svolti oggi a Messina per le vittime del nubifragio ha detto che la sua speranza è che ci sia servita come lezione per evitare in futuro gli stessi errori. (ANSA


anche i suoi che non son da poco

Pico ha detto...

Prima o poi ero certo che avrei letto anche questo: ti auguro ogni bene.
Hai scritto e descritto tanto di quello che ti accade intorno e anche dentro finora, e credo che una certa stabilità ad una persona come ti sei mostrata dia semplicemente la possibilità di continuare a farlo con un po' più di sicurezza.

Artemisia ha detto...

Sì, Anna è la stessa e il coraggio certo non le manca. Goditi questo intervallo, carissima Anna.
Un bacione

Anonimo ha detto...

Anatema?
Stiamo assistendo a una disgregazione di tessuto sociale...di cultura..di storia...di affetti...deportazione forzata e non...con tanti propositi di ritorno...ma nn tutti lo faranno...la Città è stata sottratta alla sua Gente...la loro storia..le loro passeggiate in centro..o le colazioni in piazza..
Non è stata data la possibilità di ricostruire partendo dalla loro unità di Gens..Li stanno dividendo...separando..con l'inganno...le buone e le cattive maniere..con la disperazione e la stanchezza....Ci vogliono dividere...perchè è da qui che i Topi e i Sottotopi prendono la loro forza.
Chi ha deciso tutto ciò...avrà ciò che merita...in buona(?) o cattiva fede...e nn pagheranno con la vergogna...poichè la vergogna è degli Umani...pagheranno con la sofferenza...perderanno ciò che hanno sottratto e molto di più....
avranno incubi e si chiederanno il perchè...la loro menzogna li soffocherà...la loro viltà li seppellirà.
Watka Yo Ota

Claudio ha detto...

E' bello sapere che malgrado tutto si può sempre andare avanti. Auguri per questa parentesi di nuova vita.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Casa all' Aquila? Sono felice che ci sia riuscita.

Ti abbraccio fortissimo
Daniele

Sandro Pascucci ha detto...

x PATRIZIA:

ti sei, quindi, persa questo:

La 2da Giornata per la Sovranità Monetaria - COME RICOSTRUIRE L'AQUILA A COSTO ZERO.

dal 9 al 11 ottobre a L'Aquila, in P.zza Italia (via del Beato Cesidio - DAVANTI la GdF).

info: http://www.signoraggio.com/signoraggio_calendario_2giornata.html

a volte penso sia meglio USCIRE in STRADA che stare davanti al PC, proprio per EVITARE pericolose CENSURE..

Sandro Pascucci ha detto...

x anna e patrizia: se potete inviatemi un vostro contatto, perché la faccenda della ricostruzione "a costo zero" non è terminata.

grazie.

sandro

Cane Sciolto ha detto...

Siamo con te

http://www.canisciolti.info

Anna ha detto...

@Sandro,
ho letto della ricostruzione a costo zero. Pura utopia, ma le utopie mi piacciono.
Il mio contatto è scritto qui a lato. Te lo ripropongo qui
the_brain1@hotmail.it

silvano ha detto...

Anna mi fa molto piacere che tu abbia trovato casa vera. Sul mare leggo quindi non a L'Aquila, ma l'importante è che sia una casa, la vostra casa e che sia uno dei luoghi della tua anima.
ciao, silvano.

marina ha detto...

cara anna, ti abbraccio con tanto tanto affetto
come sempre, marina

Anna ha detto...

@Silvano,
la casa è a L'Aquila. Sul mare son scappata fin quando non avrò gli allacci delle utenze nella casa aquilana.

Maria Cristina ha detto...

@patrizia :
Ciao!! Come va??
Ho letto la tua notizia l altro giorno e l'ho diffusa in tanti mi hanno risposto
macry80@hotmail.com oppure puoi scrivere ad : www.energiamessinese.it

Sandro Pascucci ha detto...

Sto cercando di coinvolgere le associazioni locali de L'Aquila e limitrofe per un convegno sul tema LA MONETA. in particolare: RICOSTRUIRE L'AQUILA A COSTO ZERO.

ho iinvitato alcune associazioni locali ed altre ne inviterò. se volete aiutarmi a raccogliere info (mail, URL, telefoni ecc..) ve ne sarei grato.

potere vedere l'andamento dei lavori qui: http://www.primit.it/forum/phpBB3/viewtopic.php?f=7&t=19&start=10#p1369

x anna: ti ho mandato una copia in mail, grazie!

Patrizia ha detto...

Buongiorno a tutti!
Il blocco alla rete della GdF è stato rimosso stamattina, finalmente. Un grazie grandissimo a tutti quelli - e sono stati tanti - che hanno fatto girare la denuncia di questo scempio e fatto pressione anche a livello giornalistico.
Teniamo duro...
Patrizia

@enio ha detto...

@anna
Sul mare son scappata...


nella casa sul mare, tu paghi l'affitto o sei a totale carico dello stato e quindi della comunità ? Sei insieme a tanti altri che hanno perso l'alloggio per il terremoto o sei con quelli che avendo una seconda casa, nell'attesa sono ospitati nell'albergo sulla costa ? Continui a prenderti il sole e a scrivere nel tuo blog, mentre noi, in città, lavoriamo ormai da tre mesi? Ti trovi bene ? I confort sono di tuo gradimento ? Facci sapere sul tuoi blog...

Anna ha detto...

@enio,
sono costretta a rimarcare, con rammarico, che perdi sempre delle ottime occasioni per tacere. Non ti ho risposto all'intervento precedente a questo poiché ho ritenuto che il tuo scarsissimo spessore e la mancanza di sensibilità non meritassero repliche. Venivi a parlare di ricerca di notorietà attraverso un blog in casa di chi ha ben altri pensieri e problemi da affrontare giornalmente. Primo di tutti quello della sopravvivenza, ché di perdita di identità e punti di riferimento non vengo a parlar con te. So che non capiresti. In merito al tuo ultimo scritto,potresti avere almeno il buon senso di prestare attenzione a ciò che leggi. Sono stata ospite da amici per 10 giorni, in attesa che venissero allacciate le utenze nella casa che ho preso in affitto. Pigione che pago di tasca mia.Personalmente non ho usufruito di un solo giorno in tenda o in albergo a spese dei contribuenti. Ho vissuto prima in automobile, poi in una roulotte di amici ed infine in un container comprato a mie spese. Il lavoro l'ho perso, sia io che mio marito. Ora stiamo cercando di attivarci per una ripresa. Avremmo desiderato fortemente poter continuare a lavorare come prima del 6 aprile. E non solo negli ultimi tre mesi.Come vedi, è inevitabile che io ti dica che sei un idiota. Prenditelo, te lo sei meritato. Avevi annunciato di avere cose ben più importanti da fare che occuparti dei terremotati aquilani e di questo blog. Sei poi tornato. In cerca di cosa? Di visibilità? Ti esorto ad intervenire solo se hai argomenti che si prestano ad essere discussi.Il qualunquismo e l'attacco gratuito a me ed ai miei concittadini non sono tollerati in questo blog.