domenica 28 febbraio 2010

Partecipazione

Eravamo in 400, domenica 14 febbraio, a dire che, alle 3 e 32 del 6 aprile, noi non ridevamo. Eravamo in 1000, la scorsa domenica, a dire che L'Aquila è nostra. Eravamo in 6.000(dati della questura) oggi a dire"liberiamo L'Aquila dalle macerie". Ed a farlo fisicamente.I numeri parlano da soli. La voglia di partecipazione cresce a vista d'occhio. E siamo stati bravi, superato il nervosismo dei primi momenti, ad organizzare la catena umana che ha passato di mano in mano le macerie raccolte e differenziate in piazza Palazzo, sino alla piazza del Duomo. Corpi e braccia di uomini, donne,bambini che erano voglia di rinascita. E vita vera.Dopo tanta morte e desolazione.La consapevolezza di essere in numero sempre crescente, la percezione netta della volontà di partecipazione, della voglia di rimboccarci le maniche per dare il nostro contributo alla rinascita della città ci ha dipinto i volti di speranza. Ed i cuori di gioia. Siamo tanti, siamo uniti nelle nostre diversità. La lotta per il diritto alla partecipazione è appena iniziata. Ma, quando si sente che non si è più soli, si diventa forti. Le macerie della nostra disgrazia sono assurte, oggi, a simbolo di nuova vita. Gli Aquilani stanno mostrando il loro volto vero, la loro natura di popolo abituato ad affrontare e superare la sofferenza. Non è stata una protesta, ma la manifestazione della nostra volontà. Gli Aquilani, finalmente, ci sono.

21 commenti:

maurice ha detto...

Fantastico, sto vedendo un servizio su SkyTg24. Quanta gente, che lezione di civiltà, che lezione di responsabilità! Voi non state aiutando solo L'Aquila, voi state aiutando l'Italia! Grazie!!

masacccio ha detto...

che la democrazia di base incominci a funzionare?
come in Friuli !!! Contro le diciannove periferie malcostruite e costose.

bolatto ha detto...

complimenti aquilani, non lasciatevi anientare da questi farabutti.
bellissima e significativa l'immagine del bimbo con la cariola rossa e gialla

Pino ha detto...

Bello aver unito tutte quelle persone in una città come L'aquila che, come ricordavi anche tu nel post precedente, non è abitauata a vivere lo spirito di gruppo.
Bravi e GRAZIE!

marcoboh ha detto...

bellissima cosa, bravi, vi penso sempre

Anonimo ha detto...

Siete Grandi Anna...abbraccia Tutti quelli che puoi per noi AQUILANI di Tutt'ITALIA...
Mitica Rinascita di Un Popolo...e nn siamo che all'inizio....
Come vedi il mio nome Lakota non mente...e stanne certa...le cose andranno sempre meglio...manca solo che "qualche" sasso lo lasciaste cadere distrattamente da una tasca passeggiando nei dintorni di palazzo Grazioli...si quello dove si facevano le feste dei BB...non la Banda Bassotti ovviamente...quei Lestofanti di Topolinia avevano un senso Etico senz'altro..
Che Il Grande Spirito sia Accanto a Voi.
Watka Yo Ota

unodicinque ha detto...

molto bello, un esempio per tutti. Un'altra Italia è possibile.

nadia ha detto...

sono Nadia un Aquilana cresciuta in Sardegna ma amo la mia città e la mia gente e sono felicissima di quello che avete fatto, siamo persone in gamba e laboriose , dimostriamolo. Possiamo e dobbiamo ricostruire la nostra BELLISSIMA città come hanno fatto i nostri antenati in altre epoche.Vi sono vicina

Alberto ha detto...

Cronaca appassionata, grazie Anna. Ho preso di peso il post e l'ho portato sul mio blog. Ciao.

giuliana ha detto...

Bellissimo!!!
Questa sì che è voglia di fare!!
Bravissimi!

Giangiacomo ha detto...

Grazie, grazie davvero.
State dando un grosso esempio di civiltà e di coscienza civile.
Vedo voi e credo che ancora ci sia speranza.
Grazie, grazie, grazie.

Mena ha detto...

Ciao Anna, alla fine non ce l'ho fatta ad essere li, ma ho cercato in ongi notiziario...a parte 3 minuti al TG3...NIENTE! che tristezza! cmq siete stati grandi, finalmente gli Aquilani stanno uscendo dal sonno in cui sono stati indotti! e questo grazie a voi che siete in prima linea! mi raccomando non mollate, un abbraccio grandissimo!

la signora in rosso ha detto...

bravi, bravi e ancora bravi!

ivana ha detto...

Orgogliosa di aver partecipato!!! E' stato bellissimo ed alcuni momenti anche commovente!!!

Mammamsterdam ha detto...

Avevo visto le foto dei miei amici e sono felicissima, perché per venirci anche loro con i bambini piccoli, mi posso immaginare.

Ho fatto vedere il primo video di noi non ridevamo alla conferenza sull'Abruzzo della Dante Alighieri di Anversa, spiegandogli quello che c'era dietro.

Guarda che a maggio arriviamo tutte e due. Mamma mi ha spiegato che attrezzatura di cucina da campo ha e secondo me tocca fare una mega spignattata di sagne e
'ndicchie.

(O la pecora alla cottora, se vogliamo rimanere in tema).

Anonimo ha detto...

..."Aldo Braibanti mi spiegava che le formiche hanno la capacità di
unirsi in una super-unità, formata anche da venti milioni di
individui, disponendosi fra loro secondo un disegno simile a un grosso
centro nervoso, producendo, esperienza a noi sconosciuta, un pensiero
collettivo. Spesso sono tentato di immaginare la struttura delle reti
telematiche (quelle che attualmente permettono l'invisibilità alla
mondializzazione del capitalismo) "detournata" dalla sovversività e
dalle tensioni della controcultura, dove l'intelligenza alternativa
che oggi occupa le piazze e le "aree dismesse", sia capace di occupare
le reti planetarie a un livello più alto e formare un corpo collettivo
capace non solo di lottare contro il lavoro salariato e contro lo
sfruttamento, ma anche capace di configurare una nuova coscienza
antagonista a quella denaro-centrica, che si abitui a considerare il
nostro pianeta come una creatura vivente formata da condizioni
biologiche e libido differenti fra loro, tante quante sono le
innumerevoli forme di vita che ne costituiscono la totalità
dell'esistenza."

- Alberto Grifi -

Raffaella ha detto...

ciao anna, che bella giornata ieri, sono venuta con mio marito e mia figlia, mio figlio più grande non è potuto esserci perchè aveva nu altro impegno. era molto dispiaciuto. abbiamo trascorso una girnata speciale. ci siamo sentiti arriccchiti dentro...... mi sono sentita parte pulsante della mia città e per un attimo ho dimenticato la morte ed il silenzio spettrale che la contraddistingue ormai da un anno.
grazie a te e a quelli come te che propongono e coordinano iniziative di questo genere. andiamo avanti. saremo sempre di più!

Alessandro Cavalotti ha detto...

L'Italia che mi piace, grazie di cuore.

Matteo ha detto...

A me ciò che preoccupa è che con le tragedie che stanno accadendo in Cile e ad Haiti, noi siamo già nel dimenticatoio. Come sempre accade la gente è troppo impegnata a vedere quello che accade fuori dall'Italia, qui gli interessa solo chi vince il reality show di turno.

Matteo ha detto...

Il grande Giorgio Gaber diceva 'La libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione'. Voi l'avete dimostrato

giosby ha detto...

Emilio Fede è da denuncia!
Ieri sera nel TG4 delle 19 ha detto che c'erano "un centinaio di persone" a partecipare alla protesta delle carriole.

Guardate qui, dal minuto 7:50 !!!

http://www.video.mediaset.it/video/tg4/full/157338/edizione-ore-1900-del-1%C2%B0-marzo.html#tf-s1-c1-o1-p1

La devono smettere di fare un TG di PURA e SEMPLICE PROPAGANDA e chiamarlo GIORNALISMO!
E poi chiudono i talk show!
Allora chiudano il TG4!

Bugiardo!