sabato 26 settembre 2009

Il fallimento


Ormai agli Aquilani appare chiaro: la gestione dell'emergenza nel nostro territorio è stata fallimentare. Le conseguenze sono davanti agli occhi di tutti. La mano forte, quella di ferro, che non ha permesso ai cittadini la partecipazione e che non ha contemplato trasparenza alcuna circa le decisioni prese, sfruttando uno stato di emergenza protratto ad arte, quella che si è arrogata il diritto di determinare le sorti dei disgraziati e di usarli unicamante come cornice pittoresca a copertura di oscuri disegni, ha decretato lo sfacelo di un territorio, di una comunità, della vita di decine di migliaia di persone. I campi sono in via di smantellamento e gli sfollati vengono allontanati dalla città. Gli altri, quelli che raggiunsero la costa, sono ancora lì. L'Aquila è ferita a morte da un evento naturale, gli Aquilani sono feriti a morte da chi ne ha calpestato i diritti. Chi prova a ribellarsi e ad urlare viene tacitato, dal di fuori, dagli Italiani stessi che credono, poiché così, ad arte, a loro è stato dato di credere, che, nonostante il colossale progetto di case arredate e corredate per tutti, ci si lamenti in attesa che il Governo ci conceda sempre più, molto più di ciò che ad altri è stato concesso. Ma i cittadini responsabili, coloro che hanno cercato, nonostante il dolore e lo spaesamento e la paura, di guardare aldilà di ciò che volevano farci credere, lo gridavano da maggio che i moduli provvisori per tutti, e subito, erano l'unica soluzione da attuare per permettere alla comunità di non morire. Un modulo provvisorio costa 500 euro al mq. Una c.a.s.a. ne costa 2.400. Un modulo provvisorio si monta in meno di due mesi. E si monta subito. Non occorrono faraonici pilastri antisismici. Già da luglio gli Aquilani avrebbero potuto riprendere a vivere nella loro città. E l'economia, già boccheggiante, non sarebbe morta. E bambini e ragazzi oggi sarebbero a scuola. La loro scuola. Ma il piano diabolico di imbonimento delle masse continua, pervicace. Le c.a.s.e. pronte son pochissime (guardate la foto, mi aspetto commenti), ma gli elenchi degli aventi diritto sono già stati resi noti. Nomi, solo nomi e codici fiscali. Senza trasparenza sui punteggi. Senza pubblicazione di graduatorie. Tu lì, l'altro lì, non si sa quando. E come si potrebbe esercitare il controllo sulle graduatorie se queste sono inesistenti? Allora il controllo viene esercitato sul vicino, sul conoscente, sull'amico. E la rabbia esplode. Facendo perdere di vista il vero nocciolo della situazione: lo scempio perpetrato su tutti noi. Si pilota la rabbia del singolo verso l'altro singolo. Per occultare il disegno criminale che ha determinato il fallimento del piano di chi avrebbe dovuto aiutarci e proteggerci. Una schiera nutritissima di invisibili, tra i quali anche mio marito ed io, non è rientrata in alcun elenco. Neanche in quello dei non aventi diritto. Le rimostranze non possono essere inoltrate presso alcuno ufficio, ma rese note al Comune esclusivamante tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Di fatto, non risultando, gli invisibili vengono azzerati. Non esistiamo, le case, ovvio, non occorrono. Sarebbe il caso di effettuare il censimento delle migliaia di persone in tale condizione, un censimento fatto dai cittadini stessi. Ma come coordinarci se siamo disgregati? Il piano emergenza è stato fallimentare. Il piano di azzeramento della capacità dei terremotati di unirsi per reagire al sopruso è, invece, riuscito perfettamente. Ma noi non demordiamo. Le assemblee cittadine nei campi in via di smantellamento continuano. E martedì avrà luogo la manifestazione. Saremo tanti? Non lo so. Le persone sono stanche, e avvilite. Ed hanno paura perché tenute sotto il ricatto della consegna delle c.a.s.e. Ma quelli che ci saranno, noi, sappiamo bene di rappresentare la stragrande maggioranza degli Aquilani.

76 commenti:

Diabolik Devil ha detto...

Tristezza per l'Italia, incoraggiamento per gli Aquilani.
Non demordete. La realtà verrà a galla.

fiorella ha detto...

quel che temo è che quel che non è riuscito a spezzare questo diabolico piano, riuscira' a spezzare l'inverno in arrivo, che dalle vostre parti non è certo clemente. e forse è proprio su questo che contano b&b&co...che la neve zittisca le vostre voci e che rimanga solo il ricordo delle c.a.s.e., consegnate agli aquilani a tempo di record (!?!?!?!)
...conpatrioti...sveglia!!!!!

Anonimo ha detto...

Non stare zitti! Non ammorbare con un complice silenzio la vergogna di questi soprusi che siamo costretti a scoprire ogni giorno. Bisogna urlare finchè si ha voce, tutti insieme, in tutta Italia! Zitti, mai!
Resistere, resistere, resistere...

sassicaia molotov ha detto...

Sarebbe interessante riuscire a capire come e quanto nel centrosinistra locale e nazionale ci sia coscienza di questa situazione. Visto che a sentire il poooooooovero Cavaliere l'opposizione ha in mano radio, TV, giornali, telegrafi e piccioni viaggiatori sarebbe una buona occasione per far emergere la realtà della situazione a L'Aquila e zone limitrofe.

nelsoncocker ha detto...

già a Milano farebbero schifo, ma a l'Aquila sono come un uniposca sulla gioconda...

Anonimo ha detto...

Ho preso questo tuo pezzo e l'ho messo qui
www.welfarenetwork.it/blog/
Ti spiace?
Ciao, Deo

Anonimo ha detto...

Forse manca una premessa a questa tua condivisibile opinione. La premessa è la seguente:"Se fossimo in un Paese normale,tutto ciò non potrebbe/dovrebbe accadere".
Ma è normale un Paese che sul cemento ha costruito la carriera personale e politica del suo attuale Presidente del Consiglio?
E' normale che in Abruzzo le maggiori imprese edili che hanno ottenuto appali e subappalti siano di provenienza campana(anzi,casertana e quindi ascrivibili,nella maggior parte dei casi, alla potentissima organizzazione malavitosa dei casalesi)?
E' normale che il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio(dott.Bertolaso) abbia incarichi in ogni dove senza domandarsi perchè e per quale motivo?
E' normale un Paese che se alzi la voce contro questo governo sei tacciato di anti-berlusconismo senza intravedere che si è liberi di pensarla diversamente da Sua Impunità?
Quale conclusione?
Il terremoto è un'occasione propizia per palazzinari e furfanti.
In questo Paese da troppo tempo la verità assomiglia a quello che Sciascia chiamava "il cattivo pettegolezzo".
Qui il Governo sta giocando con i soldi pubblici, con la vita delle persone rimaste senza un tetto e - come se ciò non bastasse - è pronto ad ampliare a reti unificate che la situazione è la migliore possibile.

Umberto

Anonimo ha detto...

@ anna
pensi di non essere in lista per le CASE perché pubblichi post ed hai un blog... questo Blog?
Così andando avanti...mi spiace...ma la vedo dura...occorre trovare una strategia efficace per opporre una resistenza democratica...l'indignazione,la denuncia all'informazione , cercare visibilità,manifestare...è poco con questi giganti di viltà...
OCCORRE una STRATEGIA....
Proponete gente ...ma occhio...i giganti di viltà hanno delatori quà dentro...
p.s.
come stanno le Signore Ludovici?
Baci
Watka Yo Ota

Anonimo ha detto...

...ops...
@ Anna...
Watka Yo Ota

Anna ha detto...

No Gianni, il blog non c'entra. Siamo in tantissimi nella mia condizione. Non ci includono in alcuna lista, non esistiamo. Il motivo, a mio avviso, è quello di fornire dati errati per poter dire che le case ci sono per tutti. Tanto, prima che leggano le nostre raccomandate A/R, alla tv passerà che tutti gli Aquilani hanno un tetto sulla testa. Tutto ciò è vergonoso.

Anonimo ha detto...

Ciao Anna, Sono Una Qualsiasi (Stefania).
Volevo dirti che , ho messo il link del tuo blog sul mio facebook, se non ti va lo levo.
A mio zio,che sta a San Benedetto di Bagno (Bagno) hanno assegnato una casa(non so come) nel Parco Nazionale.
La sua Panda è rimasta sotto le macerie e le sue figlie hanno problemi.In quel paese dove stavano c'è anche mia zia (sua sorella) che è si grande supporto per loro.A lei, naturalmente, non hanno assegnato la stessa zona.ù
Mi sta tornando tutto cio' che hai scritto dall'inizio anche se non ti leggo sempre.
Fammi sapere se devo toglliere il link da Facebook.
Volevo che anche i miei amici sappiano quello che state passando.
Ciao
Una qualsiasi.

Anna ha detto...

@Stefania,
metti pure il link, può farmi solo piacere.
Ricordo che all'inizio eri scettica circa le mie tesi.
Le cose tornano perché, disgraziatamente, erano lampanti già dall'inizio. Tutto sta, mia cara, a ragionare autonomamente, senza farsi influenzare da quello che vogliono farci credere. A noi Aquilani per primi. Purtroppo la mistificazione e la circonvenzione sono le armi occulte di questo governo. Noi siamo la punta di diamante, in questo momento. Ma gli Italiani sono tutti nella stessa barca. Non pretendiamo miracoli, ben sappiamo che non si possono fare. Ma siamo stanchi di tollerare le bugie. Sarà un lavoro durissimo cercare di salvare il salvabile.E, forse, è solo un sogno. Ma stiamo uniti e, mi raccomando, cerca di far capire ai tuoi parenti disgregati che la partecipazione e il cercare di rimanere uniti è l'unica arma che abbiamo. Che non si perdano d'animo e credano sempre che, nonostante tutto, possiamo farcela. Divulga la manifesazione di martedì. E' importantissimo essere in tanti.

adzon ha detto...

...poche parole e sintetiche...
credo che gli aquilani dovrebbero venire a Roma,magari al quirinale,e palesare al "presidente" la profonda ferita alla dignità inflitta dal governo e dal paese tutto,media in testa,alla comunità.

Atty ha detto...

Ciao Anna!...è deprimente vedere di cosa sono capaci.Le prime serate senza contradditorio,giornali che sbandierano fatti non veri,non se ne può più.Lo spettacolo prima di tutto e le case per tutti dove sono? Aquilane e Aquilani tenete duro!!!

Anonimo ha detto...

Che tristezza.
L'unica cosa che possiamo fare è diffondere queste notizie, ma sarà molto difficile far cambiare idea agli italiani ammaestrati dalle tv di regime che gli dicono che gli aquilani pretendono addirittura le seconde case, che stanno ricevendo un mucchio di soldi e che nessuno di loro è senza casa.
:(
ciao
Marisa

Una Qualsiasi ha detto...

Ok! Mi dispiace davvero tanto che comunque ritorna sempre la guerra tra poveri e comunque abbiamo sempre le mani legate! Quante schifezze!!!
Un abbraccio!
Stefy

Anonimo ha detto...

@ Anna
Farai esposto in procura per il mancato inserimento nelle liste di assegnazione?
Potrebbe essere un buon inizio per contrastare questa melma di viltà..
ho notato un declino degli interventi degli anonimi ...che sia scaduto il loro contratto col capo...e nn glielo rinnova?
un abbraccio...
Watka Yo Ota

Anna ha detto...

@Gianni,
ho messo un dispositivo che individua immediatamente l'anonimo e ne registra la matricola del computer. Ecco perchè non ci sono più.
Però voglio aggiungere che, se arrivano qui con discorsi costruttivi, anche se non in accordo con le mie tesi, sono comunque bene accetti.

Anna ha detto...

Ancora una precisazione. Nell'ipotesi remotissima in cui mi venga assegnata la c.a.s.a., io la rifiuterò. Poiché non posso accettare ciò che ho osteggiato sin dalla prim'ora. Ma ne ho pieno diritto e pretenderò di essere inclusa nelle graduatorie.Al contrario, accetterò il modulo abitativo provvisorio, se mai ne prevederanno per noi ed io rientrassi nelle liste dei beenficiari.

guerreronegro ha detto...

Quando non c'era Berlusconi c'era lui che consegnava le case popolari.

Anonimo ha detto...

Finché urlerete, perché il vostro diritto alla dignità non sia calpestato,non dovete dichiarare il fallimento.Forza Anna e Aquilani tutti, la gente di buon senso è sicuramente pronta ad urlare con voi.Un caldo abbraccio a tutti Voi
adele falabella

il monticiano ha detto...

Sin dai primi giorni del terremoto ti ho seguito su indicazione di alcuni blogger amici in comune ed anche su FB.
Condivido completamente il tuo post e ti assicuro che sono vicino a te agli altri cittadini che hanno subito questa terribile tragedia del terremoto. Avete tutta la mia sincera solidarietà. So bene che queste sono soltanto parole, ci vogliono i fatti e chi approfitta della vostra situazione per mettersi in mostra e non fa nulla di concreto io lo considero uno sciacallo.
aldo il monticiano.

per ricominciare ha detto...

http://mail.google.com/mail/?ui=2&ik=b0bccdc05d&view=att&th=123f82c71d02a92b&attid=0.1&disp=inline&realattid=f_g02t7x8q0&zw

Carissima Anna, scusa la confidenza. Ma è da tempo che leggiamo il tuo blog dopo il terremoto che ha devastato la vostra terra, e ci sembra di conoscerti da una vita.
Ti ringraziamo per i tuoi resoconti appassionati che ci fanno sentire a voi più vicini e partecipi e che ci fanno vedere la realtà attraverso i vostri occhi.
Senza conoscerci, noi, jj, auryn e spizza (sono i nostri buffi nick del blog che frequentiamo e che ci ha fatti incontrare), abbiamo deciso un giorno di non assistere solamente sdegnati a tutto ciò che vi ha colpiti. Ci siamo!
Giano

La tua battaglia non è personale, forse lo è stata ma di certo ora non è così. Quello che scrivi non serve a te soltanto. Non serve agli aquilani e basta. E’una scuola di umanità. Ci fai capire che si può e si deve provarci a lasciare le cose un po’ migliori di come stanno. Altrimenti che senso ha? “PER RINASCERE”
grazie anna, buona vita
jj

…Anna, non mollare ti sono vicina
eleo-spizza

Dicevo giorni fa ai miei “predecessori”: Visto raga’ che il 21 porta bene?
- La tanto attesa pioggia liberatoria, per me, per i randagi assetati e "sporchi", il torrenziale temporale a lavare le strade, propizio..
-il nostro per Ricominciare nel giorno dell'Equinozio..
tutte casualità favorevoli per il nostro sodalizio..
-chè di essere solidali non ci toglieremo mai il vizio!!
auryn

Anna ha detto...

@Ragazzi di "PER RICOMINCIARE",
grazie al cielo avete lasciato un segno qui. Ho bisogno di comunicare con voi, ho smarrito la mail di auryn. Siete impagabili e preziosi. In tutti i sensi....

p.s. il link che accludete non apre nulla, non so è un mio problema

auryn ha detto...

Prova ad aprire la foto con firefox
se non ce l’hai scaricalo da qui:

http://www.mozilla-europe.org/it/?utm_source=google&utm_medium=ppc&utm_campaign=italian&gclid=CKDHhYi9kZ0CFUiCzAod0klG1g

ti ho inviato una mail
:-)

auryn ha detto...

p.s.
la foto è tratta da: donne che corrono coi lupi
non mi ricordo più da quale sito purtroppo. Se è necessario menzionarlo avvisami che faccio una ricerca..

silvano ha detto...

Ciao Anna, la normalizzazione de L'Aquila vedo che va avanti. Gli ignavi sono tanti in Italia e a questo punto penso che siano colpevoli, non mi fanno più pena nè li compatisco. Essere ignavi significa essere attivamente antidemocratici.
Sei brava a non rassegnarti. Spero che riuscirete a cambiare qualcosa anche prima che quel piccolo tirapiedi di Berlusconi che si chiama bluffbertolaso se ne vada. L'Aquila verrà ricostruita prima o poi, ma non da questo governo.
ciao un abbraccio, silvano.

Anonimo ha detto...

Ciao Anna guardo la foto e penso che mancano i fiori di plastica ai balconi e qualche sofficino surgelato in frigo...ma sono cose che con poca spesa gli aquilani potranno rimediare; e pazienza se sarà mortificata la vitalità degli abitatori, la possibilità di ritessere il MONDO...al sistema servono masse tristi e mute.
Adzon ha suggerito una visita degli aquilani al Quirinale e io aggiungo: insieme ad un rappresentante di ogni città, paese, d'Italia.
Mi piacerebbe che il 3 ottobre la stampa libera(?)faccia ammenda del silenzio sull'Abruzzo, sugli abruzzi d'Italia.
Un abbraccio, a testa alta e schiena dritta andiamo ancora
Madda dalla Sardegna

oscar ferrari ha detto...

sui media de L'Aquila ormai non c'è quasi più nulla, molto più importante la stretta di mano di Michelle Obama al Silvietto. E si ha pure il coraggio di protestare per la libertà di stampa...

AleV ha detto...

Anna, però c'è da dire una cosa: le famiglie assegnatarie di c.a.s.e. (c'è anche la mia fortunatamente) sono sottoposte a controlli. e stanno fioccando le rinunce. andando ad incastrare la lista delle famiglie ancora in collocamento, probabilmente solo poche dovrebbero restare fuori. quindi il progetto c.a.s.e. seppur discutibile economicamente e per tempistica, qlk risultato lo darà. I problemi sono sorti ANCHE per la vigliaccheria di alcuni (parecchi a leggere e sentire in giro) nostri concittadini che nonostante non ne avessero i requisti hanno cmq fatto domanda x l'alloggio antisismico (ottenendolo), e solo dietro la minaccia di sanzioni penali hanno rinunciato. per non parlare di quelli che con la casa A si sono fatti i danni apposta (credimi, ce ne sono anche di questi furboni). e la "rabbia" che vedo in giro, non è "rabbia per come è stata gestito il terremoto" (cosa che personalmente ho dai primi momenti), ma "rabbia perchè non mi hanno dato la casetta". si voleva tutti la c.a.s.a., anche chi è stato miracolato dal sisma non avendo danni alla casa. tu parli di invisibili, ma io ti chiedo: hai fatto domanda tramite il censimento apposito? purtroppo già la gestione è stata "particolare", se poi contribuiamo anche noi cittadini si arriva ad un quadro drammatico.

Alessandro

Anna ha detto...

@Alessandro,
certo che ho fatto il censimento. Non starei qui a parlare, se non lo avessi fatto.
Vedi, le tue parole, se lette con attenzione, altro non fanno che confermare ciò che ho scritto nel post. Queste c.a.s.e sono state costrutite su terreni agricoli, espropriati a pochi euro a chi li coltivava. Si son ben guardati dall'espropriare i terreni edificabili, che tali resteranno a ridosso di aree diventate di fatto urbane. E questo a favore di chi? Se sei Aquilano lo sai. E ben si son guardati dall'edificare su aree demaniali e della Chiesa. Vedi? Tu stai qui a pensare che questo e quello hanno fatto domanda per la c.a.s.a., pur non avendone diritto. Ma perdi di vista la gravità della speculazione fatta sulla nostra pelle. Sulla pelle di quelli con casa A, o B,o C, o E, o F, di tutti noi. Alessadro, non fare il loro gioco. Non ti mettere contro i tuoi concittadini. E' quello che loro vogliono.

tootsie ha detto...

non mollare anna, non mollate ragazzi! è già pazzesco quel ke sta accadendo 'visto da fuori', senz'altro neanke lontanamente immaginabile la non-vita ke siete costretti a condurre... a fronte dell'assoluto menefreghismo dei 'media', x lo più ignari, e dei canali cosiddetti 'ufficiali', x lo più ignavi, forse l'unico mezzo x focalizzare i tanti problemi e dubbi ancora irrisolti è proprio il 'passaparola' on line, attraverso i quotidiani indipendenti, i socialnetwork, e ancora forum, blogs, e kissà ke tra i tanti si riesca a risvegliare un pò le coscienze...
... e se condividere links e post su 'fb' non basta, qui le maggiori testate giornalistike presenti in italia e oltre:
http://www.ipse.com/quotit.html
http://www.intrage.it/utilita/giornali_on_line/
dal 23 u.s. va aggiunto anke
http://antefatto.ilcannocchiale.it/
al quale mi sono permessa di scrivere segnalando quanto riportato e l'estrema necessità di kiarezza e verità.
ciao anna, un abbraccio a te e a tutti!!
patty

idea ha detto...

Anna, a volte è davvero difficile aggiungere qualcosa e dirti di non mollare. Ti abbraccio forte. Resisti. Miryam

AleV ha detto...

@ anna. non avevo capito, pensavo tu non avessi fatto il censimento e ti stupissi che la tua famiglia non figurasse nelle liste. certo, allora la situazione è molto grave.
ls speculazione hai ragione che sta avvenendo sulla nostra pelle, ma questo soprattutto per il fatto che i nostri politici, quelli che abbiamo eletto a rappresentarci, o sono "impastati" anch'essi o venendo da situazioni giudiziarie "particolari" non POSSONO essere coinvolti nel processo di gestione dell'emergenza di questi mesi, e ritengo neanche per la fase di RICOSTRUZIONE, quando partirà.
la gestione della fase post terremoto, diciamo esclusi i primi 2-3 giorni, è stata pessima. pessima, perchè le messe in sicurezza sono state realizzate (alcune ancora no) dopo svariati mesi, quindi edifici che si potevano salvare sono andati incontro ad ulteriori e determinanti danni per intemperie e scosse ulteriori.
L'emergenza abitativa secondo me era già emersa a maggio, quando risultò palese che le promesse del premier erano parole al vento. E gli aquilani, dopo i primi giorni, anzichè pensare alla propria città, ai propri concittadini, hanno ben pensato di affittare in nero a prezzi esorbitanti, vendere panini e cibarie varie come se fossero gioielli, farsi i danni da soli dentro case perfettamente agibili "per rifarsi il bagno a scrocco", taroccarsi le agibilità per cercare di farsi avviare prima i lavori, salvo accorgersi dopo del limite di spesa, chiedendo in consiglio comunale di levarlo (ah, la dignità...). e potrei continuare. io non mi pongo contro i miei concittadini, neanche per l'assegnazione delle c.a.s.e., ma dal 6 aprile a oggi mi è sembrata una gara a chi è più furbo, con la ovvia conclusione che e una volta smascherati si fa una brutta figura. e in queste condizioni, secondo te chi protesta lo fa perchè non condivide la politica del governo? non lo credo, neanche per i comitati. un abbraccio Anna, scusa se ti ho annoiato con questi miei pensieri.

Alessandro

Anonimo ha detto...

l’Abruzzo si risveglia incredulo
la neve e il sole
che s’incontrano
e la tua mano è qua
C’è un Presidente
sempre presente
che ci accompagnerà

PAPI

Anonimo ha detto...

Autodeterminazione: libertà per il Sud-Tirolo

Per secoli il Tirolo è stato un Paese unito. Fino a quando nel 1915 l’Italia dichiarò guerra all’Austria e in seguito annetté il Sud-Tirolo. Ciò che ne seguì furono sofferenza, oppressione e violenza. Il Paese venne italianizzato senza pietà e la popolazione venne repressa. I cittadini di lingua tedesca dovettero andare via. Oppressione, opzione, nuovi nomi italiani delle località furono inventati. Ad oggi i nomi storici delle località non sono validi amministrativamente. Vennero eretti innumerevoli monumenti fascisti, sono sempre là!
Ad oggi l’Italia si rifiuta di rimuovere questi marchi di infamia. Dopo la 2a guerra mondiale i Sud-Tirolesi speravano nella Giustizia, tuttavia la speranza andò delusa. Il Sud-Tirolo tornò all’Italia. La repressione proseguì. La polizia terrorizzò la popolazione. Venne nuovamente reso omaggio al fascismo, i motti recitavano: „Siamo in Italia“. L’Italia incoraggiò nuovamente l’immigrazione di italiani. Il Sud-Tirolo si ritrovò in una marcia funebre. Quando tutti gli altri mezzi non furono più utili a niente, il popolo fece ricorso all’ultimo mezzo: la Resistenza. La risposta italiana fu spietata.

Franz Höfler torturato a morte dall’Italia
Luis Amplatz assassinato dall’Italia
Anton Gostner torturato a morte dall’Italia
Jörg Klotz avrebbe dovuto essere assassinato dall’Italia, fuggì gravemente ferito

Molti giovani furono arrestati e torturati spietatamente nelle caserme dei carabinieri. Le vittime furono portate via in catene. I poliziotti torturatori furono promossi. E oggi? Ancor oggi molti dei combattenti per la libertà non possono rientrare nel Sud-Tirolo. Le locandine dei ricercati valgono ancor oggi. Molti italiani rendono ancora omaggio al fascismo. Il Sud-Tirolo deve farsi nuovamente umiliare. Si sputa addosso a chi dimostra in Sudtirolo contro il fascismo … lo si insulta e lo si minaccia. Violazioni del bilinguismo sono all’ordine del giorno. Il Tirolo è ancora un Paese diviso. Tuttavia nessuna ingiustizia dura per sempre. Anche la Germania è stata di nuovo riunificata. Insieme possiamo spezzare le catene. Non si può separare per sempre ciò che deve stare insieme.
Nessun Paese può negarci indefinitamente il diritto all'autodeterminazione; noi stessi dobbiamo avere il coraggio di richiederlo; ognuno di noi è una piccola fiamma, ma insieme siamo un grande fuoco che ci mostrerà la strada per la libertà della nostra Patria Tirolo

Libertà per il Sud-Tirolo

Anna ha detto...

@Alessandro,
come ho avuto modo di dire in più occasioni, non appartengo ad alcun comitato cittadino, poichè sono troppo anarchica per riconoscermi sotto una qualsiasi egida. Ma in mezzo alle persone dei comitati ci sto dall'immediato dopo terremoto. Mi spiace e mi amareggia che si possa pensare che dietro la lotta disperata possa esserci il tornaconto personale. Credimi, chi cerca quello non sta con i comitati che da sempre sono stati emarginati ed additati come inutili facinorosi e stigmatizzati. Chi cerca il tornaconto personale sta, zitto ed acquiesciente, a cercar di mangiare alla greppia. A cercare l'amico dell'amico che lo possa raccomandare, a sgomitare.Poi, francamante, non capisco dove vuole arrivare il tuo discorso. Mi pare che tu voglia dire che, poichè la maggior parte dei cittadini, persino quelli che lavorano incessantemente per cercare di alzare la testa e di farla alzare agli Aquilani, è motivata da interessi non comuni, ma meramente utilitaristici, bisogna sottostare in silenzio a chi ha compiuto questo scempio. Tanto è così che vanno le cose.

Anonimo ha detto...

Roma, 27 set. (Adnkronos) - Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, si rechera' martedi' 29 settembre, alle ore 15,30, a Bazzano (L'Aquila) per la consegna dei primi appartamenti del progetto C.A.S.E. alle famiglie colpite dal terremoto. E' quanto si legge in una nota della Presidenza del Consiglio.

Sposterà Uomini e donne e Amici? :-DDD
Linus

Mammamsterdam ha detto...

Cara Anna,

è un po'che non ti seguo per vigliaccheria, perché non ne posso proprio più, perdonami. E perché mi torna sempre in testa quello che diceva un amico aquilano quest'estate: a ottobre ci sarà la guerra perché la gente finalmente si accorgerà che li hanno presi in giro e finalmente comincerà a parlare.

Ora leggo delle tue massaie (come e quante ne conosco, di queste signore), dei genitori che come atto di amore per la città hanno iscritto i bambini in scuole che non ci sono, non apriranno, che non si sa dove le mettono.

Tutte cose che diciamo e leggiamo da mesi. E stanno succedendo.

Io spero che non ci sia nessuna guerra, spero che tutta la gente esausta da questo gioco possa finalmente avere poche, piccole certezze e ricominicare a vivere, ad elaborare il proprio lutto. Ma so di illudermi.

Per ora ti abbraccio, ti ringrazio di essere lì anche per noi e ci sentiamo.

Barbara

Paola ha detto...

Cara Anna sicuramente già saprai di questa cosa indegna che stanno proponendo....una parte dell'inno è già in un commento anonimo
http://www.silvioperilnobel.it/
Che tristezza!!
Un abbraccio!! Paola

Fabio ha detto...

Ma sei sicura Anna? Guarda qui cosa dice il nostro Presidente....
http://www.laquilanuova.org/?p=9339
...le c.a.s.e. sono per 30 mila cittadini. Io ricordavo numeri differenti. Avranno aumentato la cubatura delle c.a.s.e!

P.S. il tono è da considerarsi alquanto ironico. Tenete duro, vi seguo quotidianamente.

Esserina ha detto...

Non conoscevo questo tuo spazio, ora non riesco a smettere di leggere. (Tieni presente che dovrò leggermi tutti i post precedenti)
Magari sto per dire una banalità e chiedo scusa nel caso: potrebbe essere una buona idea quella di mandare le raccomandate non solo agli "organi" competenti ma anche a quelli di informazione?
Giornali, riviste, redazioni dei notiziari, mica faranno tutti finta di niente. Ora poi ne abbiamo uno nuovo: "il fatto quotidiano" di Travaglio. Possibile che non si riesca a far rumore? Tenete duro!
Esserina

sassicaia molotov ha detto...

@Anna: e questa come la vedi? L'ho trovata sul blog di un amico:http://www.minitrue.netsons.org/2009/tu-mi-dai-le-case-provvisorie-io-ti-compro-il-vaccino/

AleV ha detto...

@Anna: sui comitati la pensiamo in maniera diversa, mi spiace. secondo me chi cerca di mangiare alla greppia non è chi rimane zitto nell'ombra, ma chi cerca di "aizzare" (brutto termine, lo so) i cittadini con l'esca giustificata della pessima gestione del terremoto. cmq la riprova l'avremo alle prossime tornate elettorali, dove gli aquilani presumo voteranno ancora Silvio (cm incredibilmente avvenuto x le europee, e ancora nn me lospiego), e dove soprattutto credo troveremo molti dei promotori di questi "comitati" come candidati. ripeto, ritengo che la maggior parte di questa gente ha solo preso la palla al balzo per cercare di avere visibilità e magari ottenre qlcsa, e a sostegno di questa mia tesi c'è il fatto che sono formati anche da gente di fuori, e alcuni dei promotori stessi ormai praticamente nn vivevano più a l'aquila. cmq tienici informati su cm va la vicenda relativa allo "smarrimento" del tuo modulo di censimento, mi sembra assurda e vergognosa. un abbraccio

Alessandro

Stella ha detto...

non ti conoscevo. è stata emma73 a lasciare il tuo link nel mio blog e devo ringraziarla.
Penso che si potrebbe cominciare con l'inviare le stesse raccomandate a/r al "fatto quotidiano" di Travaglio e ad "anno zero" (ammesso che possa andare nuovamente in onda).
Il resto degli organi di informazione, oramai, viene "epurato" sistematicamente... laddove non sia apertamente schierato per Berlusconi e, di conseguenza, trasmetta solo notizie incoraggianti.
Tieni duro!!
sei in gamba e noi siamo con te... CON VOI!!!

Buon compleanno, Presidente Berlusconi ha detto...

Caro Presidente, da buon Abruzzese debbo dire che non finisci mai di stupirci. Ti vogliamo bene e ti auguriamo lunga vita. TANTI AUGURI!!!

Anonimo ha detto...

sci' 'ccis' la zapp'!!!

Angurije Silvije, angurije!!!

Anna ha detto...

@Alessandro,
rispetto il tuo punto di vista, ma ti voglio porre alcune domande.
Premesso che aizzare è termine improprio, come tu stesso dici, io direi che il punto di vista giusto è "rendere consapevoli", ti invito a dirmi chi sono queste persone di fuori. Io ci sto dentro e posso dire che, ora come ora, sono solo cittadini aquilani. Ma la domanda che mi preme farti è: se rendere consapevoli i cittadini di ciò che ci stanno facendo e cercare di squarciare il velo di imbonimento dal quale loro stessi sono obnubilati,è cosa inutile, quale sarebbe secondo te la linea da intraprendere? Quella di accettare passivamente ciò che ci viene imposto e tacere? Tutto ciò a cosa porterebbe?Chi mangia alla greppia è chi cerca di coltivare il proprio orticello senza pensare al bene comune. Chi, al contrario, ha il coraggio di urlare le proprie idee e di attivarsi, seppur confusamente e con tante difficoltà,credo che abbia ben poco da guadagnare in questa situazione, se non, al momento, ingiurie o indifferenza. Aggiungo anche che penso che, se arrivasse davvero qualcuno di fuori a darci una mano, tutto sarebbe più facile. Avrebbe maggiore lucidità, più mezzi, meno difficoltà e sarebbe più incisivo. La lotta per per la rivendicazione dei diritti non è del singolo cittadino, o solo di colui che è colpito dalla disgrazia. La lotta è di chiunque si ribella alle ingiustizie.Quello che accade a noi potrebbe accadere a chiunque.
Ultima cosa: non credere che sia solo io nella condizione di invisibile. Pare che siano ben 1.500 nuclei familiari. Dico pare, poiché non ci è dato di controllarlo. I comitati, quelli che tu giudichi inutili, stanno cercando di effettuare un censimento di tali persone. I comitati vogliono mettersi al servizio dei cittadini. Cosa che nessuno qui sta facendo.

AleV ha detto...

@anna: io non dico di rimanere passivi e rassegnati alle decisioni prese, ma neanche di strumentalizzare il terremoto. non mi fraintendere, penso che anche tu abbia capito cosa ne penso della gestione del sisma e post sisma della premiata ditta B&B, ma da qui ad andare a manifestare contro il Governo solo perchè di opposta fazione politica e PRETENDERE di rappresentare tutta la popolazione aquilana ce ne passa. purtroppo secondo me l'unica cosa da fare era rimanere uniti, come grossomodo si era nei primi giorni. a Onna ci sono riusciti, anche perchè erano meno persone. da noi si è invece pensato di fare comitati e comitatini, ognuno con "obiettivi" diversi. io personalmente è da fine aprile che ho perso la speranza di "riavere" L'Aquila come era. allora andava "pressato" il governo, non ora che tutto è stato deciso e quasi ultimato. ora ci ritroviamo con le c.a.s.e., che come ho avuto modo di dirti non sono la migliore soluzione, ma UNA soluzione, seppur discutivile e con limiti evidenti. e per formare quella unità di intenti, credimi, non servivano i centri sociali delle altre città, bastava farsi sentire tutti assieme, "aizzando" (questa volta mi sembra appropriato" :) ) gli aquilani dicendogli già allora, a fine aprile, (l'avevo capito io, e chiunque avesse un pò di sale in zuca) la situazione come era e le promesse non mantenute dallo Stato. con a capo i nostri rappresentanti politici, che anzichè pensare ai propri affari dovevano pensare al bene comune. Quello che sta accadendo a noi potrebbe accadere a chiunque, purtroppo è verissimo, ma stai sicura che se riaccadesse a noi si commetterebbero gli stessi identici errori, pensando solo al proprio tornaconto. tanto al potere quanto nei comitati. guarda, già immagino le liste delle prossime elezioni :)

Anna ha detto...

Non mi fare il disfattista :-)
I comitati, per quel che sono, con tutti i loro limiti, sono l'unica realtà che abbiamo. E conviene tenercela stretta ed adoperarci a che crescano concretamente e democraticamante. I nostri politici hanno dimostrato di essere ciò che sono: cerchiobottisti, pappamolli, incapaci eccc...
Non dimenticare che i comitati sono formati da persone terremotate come tutti noi. Gli errori si possono fare, si possono discutere, e si può migliorare. Ci vuole tempo. Io non credo che si urli poiché si è contro questo geverno. Si urla perché la gestione del dopo terremoto è stata fallimentare e criminale. Tu stesso lo sai. Le c.a.s.e. le abbiamo perchè quell'idiota di Cialente non si è opposto. E il progetto era pronto già prima del terremoto. Fregatene, se sei intelligente, se pensi che i comitati siano di sinistra (che poi non è vero, c'è gente di destra dentro). Giudica le azioni e le intenzioni, che sono per il bene di tutti gli Aquilani. Che si stanno svegliando, pian piano.
Tu non immagini quante telefonate stiamo ricevando da cittadini delusi che ora ci danno ragione. La croce della visibilità stigmatizzata ce la prendiamo noi, ma, per favore, non ci venite contro anche voi che avete capito come vanno le cose.
Pensaci!

Roberto Leggero ha detto...

rimesso in circolo su zero321.it. In linea da domani mattina ore 01:00:00
Ciao e grazie per la testimonianza
Roberto Leggero
responsabile zero321.it Novara e la sua provincia

Michele ha detto...

Ciao Anna. So che domani il nostro Presidente sarà lì all'Aquila per ricevere applausi - ma spero che i fischi e le prosteste si possano ugualmente sentire.
Faccio un po' di markette, se permetti! :)
Vorrei invitare te e i tuoi lettori a passare da me. Ho postato la biografia del Silvio Nazionale. Potrebbe interessare a molti e potrebbe essere distribuita a chi non conoscesse le origini inquietanti di un uomo che della democrazia ha un'idea molto variopinta.
Il link è il seguente:

http://oltreilcielovisibile.blogspot.com/2009/09/auguri-silvio-auguri-italia.html

Grazie.
Un saluto!

StefsTM ha detto...

Chiedo scusa per il commento precedente, doveva essere così, eliminatelo pure.

L'Aquila, Honduras.

In previsione della manifestazione per libertà d’informazione:

Se succede in Honduras è una notizia http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/esteri/honduras/sospesa-costituzione/sospesa-costituzione.html se succede nelle tendopoli a L’Aquila non lo è http://www.youtube.com/watch?v=by7Uh4lwhqg e http://www.youtube.com/watch?v=tr0PWPLhUY4 .

Due pesi e due misure?

Anonimo ha detto...

@Anna
si addensano nubi di tempesta...e clangore di battaglia...ci vuole strategia...adesso secondo me l'unica arma utilizzabile è la Magistratura...bisogna trovare avvocati rampanti ed in cerca di pubblicità...ed indire class action(anche se non sono ancora possibili grazie a questo governo)smascherare le responsabilità delle morti degli Aquilani innocenti(vedi mancati avvisi della protezione civile la notte del 5/6 aprile)scoperchiare gli interessi privati nel requisire terreni agricoli per le CASE..anziche quelli edificabili...e... scusa ma devi farlo Anna...se incontri il tuo sindaco...beh...digliene quattro..per soddisfazione...dovrebbe essere piu raggingibile del presidentissimo...
un abbraccio e facci sapere se Ti o se occorre qualcosa di importante a qualcuno per l'inverno...che arriva...
Watka Yo Ota

Anonimo ha detto...

W Silvio Berlusconi Presidente.

Anonimo ha detto...

Forse sono fuori orario e fuori argomento ma ...

Oggi è il compleanno del Grande Succhiatore, il Vampiro di lode (Onna ma anche Alfano) e in giro c'è gente che non sa cosa inventarsi per baciare i piedi della fortuna incarnata in questo vecchietto di 73 anni. C'è chi gli offre escot e droghe a discrezione. C'è chi, più modestamente gli vuole offrire la medaglia del premio Nobel per la pace. Scherzo? no non è una barzelletta. (http://silvioperilnobel.sitonline.it/)
Ci sono anche i nostri deputati e senatori a mettere la firma per sostenere la richiesta. Ma il più avverrà oggi a l'Aquila, il comitato promotore che si è intitolato "Comitato della Libertà per il Premio Nobel della Pace a Silvio Berlusconi", in abbreviato "Comitato della Libertà" (certe parole sono sfruttate fino a l'osso), ha saputo cogliere l'essenza del nostro Premier Saltimbanco: il 'cante e fotte'. E per questa occasione unica nell'arco dei 365 giorni dell'anno ha organizzato la raccolta di una oblazione (se a qualcuno la parola è ignota, chiedete al vostro prete - la parola è di loro) per retribuire una canta-autrice e un tenore per intonare in coro il nuovo successo alle lodi del Presidente Eterno Silvio Berlusconi. Oggi la prima mondiale a l'Aquila. Tenete stretto in mano il fazzoletto se non per le lacrime di compassione per un vecchietto di 73 anni compiuti, almeno per le risate (ma qui non c'è da ridere c'è solo da domandarsi in che manicomio ci hanno messi)

Anonimo ha detto...

in anteprima qualche strofa di "La Pace può" (questo il titolo):

“La pace può, ripeterò queste parole senza smettere e il vento penserà a diffonderle e il mondo ascolterà”.

“La pace può, guarda anche tu l’Abruzzo si risveglia incredulo la neve e il sole che si incontrano e la tua mano è qua”.

“C’è un presidente sempre presente che ci accompagnerà. Siamo qui per te, cuore e anima, Un Nobel di pace, Silvio grande è. Siamo qui per te, cuoro unanime. Un’unica voce, Silvio Silvio grande”.

Anonimo ha detto...

buongiorno ma state scherzando? un premio per questo deficiente? per cosa? per aver portato l'italia allo sfacelo? per aver preso per i fondelli metà dell'italia che l'ha votato? per farci deridere dal mondo intero? per cosa ha questo gli vogliono dare un premio. per i servizi che ha fatto ai terremotati per imilitari che ha fatto ammazzare in afganistan?

Anna ha detto...

Per chiarire una volta per tutte.
A me delle prostitute e della droga nulla interessa. Non è il primo e non sarà l'ultimo uomo di quel tipo. Anzi, l'Italia ed il mondo ne sono pieni ed io sono l'ultima che può e vuole fare la moralizzatrice in merito a queste questioni.Berlusconi ha detto una cosa saggia in una delle ultime esternazioni-delirio che lo caraterizzano: "da oggi non risponderò più sui miei fatti privati, ma solo su cose tipo quando saranno pronte le case per tutti gli Aquilani"
Mi sembra giustissimo. Deve rispondere sui fatti reali e sulle cose di interesse comune. Le mignotte son cavoli suoi e di quelli come lui.
Ma il presidente non risponde a queste domande. Questo è gravissimo. Il presidente non si avvicina a chi vorrebbe porgliele, queste ed altre. Il presidente non ammette il contraddittorio. Il presidente bolla come comunisti tutti coloro che non accettano di farsi imbonire. Tutti coloro che vorrebbero solo capire.Tutti coloro che non si rassegnano al pensiero ed al modello unico.Quello che lui sta sotterraneamente imponendo e che ci pone alla berlina di fronte al mondo intero.

auryn ha detto...

Non c'è più spazio per la meraviglia, ma com'è che ce n'è tanto per l'indignazione..quanto lontano è ancora il suo fondo..?
Forse oggi puo' essere il giorno buono per avere un segnale di risposta..!!

Il primo "tossico" della giornata

http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/cronaca/terremoto-abruzzo/avvisi-garanzia/avvisi-garanzia.html

"...Al centro delle indagini c'è - soprattutto - la Casa dello Studente. Con una novità, forse risolutiva per l'inchiesta: c'è un vuoto sotto l'edificio, proprio sul versante che è franato il 6 aprile scorso, sotto il colpo secco del sisma. La palazzina pubblica - divenuta simbolo della tragedia - sarebbe stata edificata su un buco, forse su una cava di un ex fabbrica di medicinali (dove venivano sepolti rifiuti speciali). E potrebbe essere questa la causa della morte degli otto ragazzi travolti dalla macerie..."

Carissima Anna e "tutti", buona giornata, non farò altro che stare con voi!
ti/vi abbraccio

AleV ha detto...

brava Anna, sul Premier la pensiamo grossomodo uguale :)
cmq guardate qua: http://it.reuters.com/article/topNews/idITMIE58S02720090929

dice tutto e niente, però "il rischio di cedimento riferito a Campotosto e Montereale" è inquietante.

oggi consegnano i primi appartamenti. sono felice per i beneficiari, finalmente qualcuno potrà iniziare a tornare ad una apparente normalità

Anonimo ha detto...

@Anna
non mi trovi totalmente d'accordo Anna questa volta...Io penso che sia giustissima la rivendicazione del diritto alle risposte ai cittadini da parte di un "capo"...ma forse è più importante la sua veste morale...la sua etica...il suo comportamento...le sue prese di responsabilità..sono queste le prime risposte che unCapo Vero deve dare... b sa solo godere dei benefici del capo...ma a parte le chiacchiere ,le menzogne...e la messa in gioco del suo faccino(che comunque nn è poco)il fatto che possa scegliere dei rappresentanti dei cittadini in mezzo a questi di cui si circonda è DEVASTANTE...e quindi ci riguarda eccome....ancor di più è devastante l'idea che non ci siano , a parte sporadici uomini, gruppi o partiti che lo possano controbattere...uno era il tuo piccolo sindaco di sinistra che lo ha lasciato fare a casa vostra...imperdonabile!
un bacio

Watka Yo Ota

Boh ha detto...

di ritorno da due giorni in abruzzo... ti scrivo appena riesco. con affetto Boh

Anna ha detto...

@Gianni,
quando le mignotte diventano ministri, allora sì che ci riguarda. Ma, se le mignotte fossero buoni ministri, ti giuro che sarei la prima a plaudirle.Se diventano veline, non mi importa. Una di più, una di meno, in questo sfacelo....
Un bacio....

@Alessandro,
secondo me in quelle case è IMPOSSIBILE condurre una vita dignitosa. Mi domando se le hai viste e se hai visto qualche foto degli interni.Questione di punti di vista, ovvio.Sono contenta per gli assegnatari, se loro son contenti.
Sono disperata per me, costretta a vagare fra tali mostruosità che mi offendono, come già molte volte ho detto, più del terremoto. Preferisco le macerie della mia vera città. E avrei preferito i moduli provvisori, quelli sì che sarebebro stati una soluzione veloce ed un tetto per TUTTI, già da tempo.

Anonimo ha detto...

ho visto le case assegnate oggi.sono piu' che dignitose, e grazie averne, e per chi ha perso tutto, e' qualche cosa di speciale.
.non puoi dire il contrario.le immagini parlano.

Forza Italia ha detto...

Avete visto la felicità negli occhi dei bambini aquilani quando il Presidente Berlusconi gli ha dato le chiavi della casa? Avete percepito la contentezza di quelle persone che dopo mesi di tenda hanno avuto una casa stupenda? Questo è Silvio Berlusconi, il nostro meraviglioso Presidente: un uomo eccezionale, un campione di umanità, uno stratega della politica e della finanza. Un uomo che sta risolvendo i problemi dell'Italia che gli anni di malgoverni hanno creato. Un uomo che porterà non solo L'Aquila ma anche l'Italia a livelli mai raggiunti per una Nazione e diventeremo forti più che mai. Buon Compleanno Presidente, e grazie di tutto!!!!!!!!!!!

GIO ha detto...

FACCIAMO GLI AUGURI AL NOSTRO CARO PRESIDENTE
AUGURI SILVIO..100 DI QUESTI GIORNI..ALLA FACCIA DI TUTTI QUESTI GUFI

Anonimo ha detto...

@ Anna scusa il piccolo sfogo...
@ TUTTI I SOSTENITORI DEL CARO PRESIDENTE PREMIONOBEL:GESU'(non Carl Marx) DISSE"E' PIU DIFFICILE CHE UN RICCO VADA IN PARADISO CHE UN CAMMELLO PASSI PER LA CRUNA DI UN AGO"..SECONDO VOI...POSSIAMO CONSIDERARE BUONO E DEGNO DEL PARADISO (SECONDO GESU')IL VOSTRO AMATO PRESIDENTE?
VI CHIEDO UMILMENTE..DAVVERO...
MANDERESTE LE VOSTRE ADORATE FIGLIE,NIPOTI,CUGINETTE 16-20ENNI ALLE FESTE DEL VOSTRO ADORATO PRESIDENTE INSIEME A TARANTINI ED APICELLA A VILLA CERTOSA?NON MI RISPONDETE "COSA C'ENTRA" NON POTETE FIDARVI DI COLUI AL QUALE NON AFFIDERESTE CIO CHE PIU AMATE....NON CONTA PIU DAVVERO NULLA L'ETICA,LA MORALE,L'ONESTA' DI CONFRONTARSI ANCHE CON CHI LO ACCUSA ANZICHE' SCAPPARE DIETRO I SUOI MEDIA ACCONDISCENDENTI?
E' COSI GRANDE QUESTO MAGNIFICO PRESIDENTE CHE FA LE CASE AGLI AQUILANI CON I SOLDI DI TUTTI NOI O E' UN DOVERE MINIMO...NON UN MOTIVO DI VANTO?
..scusami Anna...
..ti chiedo sempre se c'è bisogno ,per l'inverno, di qualcosa per Te e/o per Tutti coloro che nn risiederanno nelle CASE...
Watka Yo Ota

Anonimo ha detto...

Amici di Maria De Filippi: Il conteso Emiliano si dichiara soddisfatto: cenetta a lume di candela, ma subito la tronista chiede spiegazioni: - sappi che a me non piacciono le sorprese...mò la prossima volta che famo?
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Gli evasori fiscali italiani possono rilassarsi e prendere fiato. Il Senato approva oggi una legge che rende possibile riciclare il denaro sporco depositato all’estero a condizioni molto convenienti
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

No party vip per Fabrizio Corona, Belen Rodriguez infuriata
Il re dei paparazzi non è potuto entrare in uno degli hotel più chic di Milano perchè, a differenza di Belen Rodriguez, non era stato invitato.
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Non esiste una fuga di cervelli dall’Italia, esiste una fuga e basta: per favore, non chiedeteci di tornare
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Le due veline Costanza e Federica, che hanno passato l’estate a farsi fotografare, hanno trascorso l’una le vacanze in Costa Smeralda con un difensore del Pavia, mentre Federica è andata in Spagna con un calciatore attaccante del Cagliari.
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Strage di via D’Amelio: le rivelazioni di Spatuzza
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Noemi Letizia a Venezia tra i flash, insieme a monsignor Milingo e al produttore di «Kamorrah day» 'Da grande voglio fare il cinema'; il produttore: «E' una grande attrice contemporanea»
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Dai dati sulla libertà di stampa 2009 risulta che l'Italia è al 73° posto, peggiore quindi di Namibia, Guyana, Benin
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

A Domenica Cinque con Barbara D'Urso, Platinette, Serena Garitta e probabilmente Emanuele Filiberto
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Nell’indice sintetico dell’innovazione, che va da zero a uno, la performance dell’Italia risulta essere dello 0,35
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Dal sito Dagospia: VITA PERICOLOSA! INFILARSI AL PAZZAGLIA-PARTY E VENIRE INGOIATI DALLE 'MUTANDE PAZZE'
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

6 aprile 2009 terremoto L’Aquila: Le statistiche citano oltre 300 morti.«Non è possibile che passi il messaggio che L’Aquila sia una città di cartapesta», «si tratta, invece, di una città che ha subito un sisma violentissimo e che in gran parte ha resistito». Contrario «alla generalizzazione di responsabilità tra i costruttori locali». Prima dell’inverno tutti gli abruzzesi nelle case
PRESIDENTE SIAMO CON TE, MENO MALE CHE SILVIO C’E’

Berlusconi hat so einen Erfolg bei den Italienern, weil er ihre schlechtesten Seiten verkörpert
UDO GÜMPEL, FERRUCCIO PINOTTI – Berlusconi Zampano. Die Karriere eines genialen Trickspielers - RIEMANN VERLAG - Übersetzung der im Originaltext italienischen und englischen Teile von Elisabeth Liebl

Tua madre Ornella ha detto...

Anna che dirti??

Se pensi, l'altro giorno parlando con due clienti aquilane, non sapevano neanche chi eri e cosa stessi facendo per l'Aquila...
(e...ancora si crede a B. .....)

Un bacio
Ornella

ALTRO DI FORZA ITALIA ha detto...

MANDIAMO LE NOSTRE ADORATE FIGLIE,NIPOTI,CUGINETTE 16-20ENNI ALLE FESTE DEL DIRETTORE DELL'AVVENIRE ....
MA POSSIBILE CHE NON SAPPIATE PARLARE D'ALTRO..MA FATE PENA
LO SAPETE CHE CAN CHE ABBAIA NON MORDE...
CHISSA QUANTI CANI CHE NON ABBAIANO MORDONO..

Anna ha detto...

A coloro che dicono che quelle case son dignitose, addirittura meravigliose, auguro di poter trascorrere la loro vita in abitazioni del genere.
La dignità non è una casa che costa come una vera ed è finta.Su terreni agricoli espropriati alla povera gente, mentre i terreni edificabili e quelli demaniali e quelli della curia non son stati toccati. La dignità è vivere la disgrazia in una casa temporanea, lavorando per ricostruire le proprie abitazioni e le proprie vite.La dignità non è vivere in quartieri dormitorio. La dignità è lavoro e consapevolezza.

Anonimo ha detto...

@ Altro di forza italia
e di che dobbiamo parlare?
Che consegnano quattro case e ci sono 50000 sfollati?lo facciamo.
Che a casa loro Gli Aquilani sono stati estromessi dalle decisioni?lo facciamo.
Sei Cristiano Cattolico?sai che sostieni uno che andrà all'Inferno?
Non sapevo neanche esistesse questo direttore dell'Avvenire(che non leggo) e non credo faccia tutte queste feste...ma ha tutta la mia stima se si è DIMESSO...per aver fatto chissa cosa, ma si è DIMESSO,DIMESSO,DIMESSO,DIMESSO...a differenza di chi non ha DIGNITA' per farlo(o paura?).Boffo non mi governa,non prende decisioni per me, ma il capo tuo lo fa da 15 anni...con grandi risultati sotto gli occhi di tutti......poi,se hai tempo, vai a sentirti che bella figura fa quello che ha Smascherato quell'ignobile Direttore dell'Avvenire, quando interviene Montanelli in trasmissione ,senti che bella figura di meschino si becca ,che grande senso di dignita Feltriana..
e comunque il solito sistema...VOSTRO..rispondere sempre uguale col copia incolla...anzi non rispondere
Oppure vuoi rispondere anche all'osservazione su cosa dica Gesù...
O all'osservazione che non c'è nulla da vantarsi perche si sta facendo il minimo per ovviare alle sofferenze di un Popolo con i soldi di Tutti Noi..magari spendendo 2400 euri al metroq anziche 500?...ma forse invece hai risposto che nn le manderesti neanche tu le tue figlie dal presidente..oltre che da Boffo...mi auguro...
e ...attento ai morsi...
Popolo delle Ovvietà...
@Anna...scusami ancora
Watka Yo Ota

Michele ha detto...

Comunque penso che con un blog sicuramente non si può ottenere nulla se non inasprire gli animi

Tom ha detto...

ciao, la foto dell' articolo è mia,scattata durante il duro lavoro di sistemazione degli appartamenti(ni)di Bazzano...ne ho circa un centinaio, ho provato a contattare un po' tutti(Repubblica,l'Unità,IlFattoQuotidiano di Travaglio,InformazioneLibera e Beppe Grillo)ma il silenzio delle risposte finora è assordante.se ti interessasse anche il resto del materiale, puoi contattarmi per email crusso8@alice.it o su FB(Alessandro Russo) grazie e buon lavoro!

Anna ha detto...

Michele, questo blog non si prefige di ottenere nessuno scopo, se non quello di informare di ciò che accade a me, alla mia gente, alla nostre vite, alla nostra terra.
Informare e rendere consapevoli non significa inasprire gli animi. Restare nell'ignoranza dei fatti, facendo finta che tutto è come ci viene raccontato dai media ufficiali porta all'indifferenza dell'altro, e, quindi, nel baratro della superficialità e dell'egoismo. Accoglierò comunque con piacere qualsiasi suggerimento tu voglia darmi in merito ad altro tipo di informazione...