giovedì 3 settembre 2009

L'efficienza della protezione civile

Ho deciso: il prossimo che mi dirà che la protezione civile è efficiente, nonostante ci abbia militarizzati, soffocati, imbrigliati, resi inermi e simili a pacchi da collocare a proprio piacimento, si prenderà un "mavaiaquelpaese" grande come una C.A.S.A. E forse anche un calcio in quel posto. Tutti sanno, anche il bambino di prima elementare alle prese con i problemini di matematica, che, per approntare delle casine per chi non ce le ha più, bisogna sapere quante sono le persone senza tetto, conoscere la composizione dei nuclei familiari e fare le divisioni e poi le moltiplicazioni. La protezione civile cosa ha fatto? Ha detto "facciamo le casine, sbrighiamoci sbrighiamoci". Quindi ha iniziato lavori ciclopici, con appalti da capogiro e, non si sa bene con quale criterio, ha operato frazionamenti tali da far pensare che tutti gli Aquilani abbiano famiglie numerosissime. I singoli? Le coppie? Le famiglie con un solo figlio? Ma no, è roba che a L'Aquila non esiste. Quando i cantieri erano già a buon punto e il premier era già venuto una quindicina di volte a mettere bandiere sui tetti e a promettere veline agli operai, solo allora, il primo agosto, dopo quattro mesi dal disastro,decide un censimento del fabbisogno abitativo degli sfollati. Fintecna, l'onnipresente, lo elabora e di cosa si rendono conto lor signori? Che non solo le case non bastano, ma che il taglio degli appartamenti è inadeguato per le esigenze delle famiglie aquilane. Quindi interpella le aziende che stanno costruendo, invitandole a trasformare i bilocali in monolocali e gli appartamenti per quattro e più persone in bilocali. Le ditte che stanno lavorando per garantirci un tetto sulla testa hanno risposto picche: sostengono di aver già acquistato i materiali per i progetti iniziali. 4.500 alloggi avrebbero dovuto ospitare 19.000 sfollati. Sta di fatto che ne entreranno, stante il rilevamento del numero dei componenti di ciascuna famiglia, 15.000. Ma gli sfollati con le case distrutte sono 36.000. Si arriva a 50.000 con quelli che hanno case che necessitano di lavori non strutturali, ma che hanno bisogno di un minimo di 24 mesi per le riparazioni.Perché così tanto tempo? Perchè le ordinanze dell'efficiente Bertolaso sono talemente astruse ed incomprensibili che nessun tecnico è capace di interpretarle. I malcapitati rivolgono domande, ma il plenipotenziario, forse ispirandosi al suo capo, non risponde. E intanto annuncia che le tendopoli andranno smantellate entro il mese di settembre. Dove deporterà gli attendati? Nelle caserme e negli alberghi della provincia. Dopo sei mesi in tenda. Vi rendete conto? Li ha tenuti a crepare, prima al freddo e poi al caldo, per centottanta giorni, per poi mandarli dove avrebbe potuto allocarli dalla prim'ora. Ma non è solo questo il problema. Non essendo sufficienti i moduli abitativi, scatena una guerra senza quartiere tra disgraziati. Nel frattempo premia coloro che si sono sistemati autonomamente, senza arrecargli problema alcuno, con cento euro al mese che, a cinque mesi dal sisma, sono arrivati solo per la prima mensilità e dichiara che aumenterà lo stratosferico contributo a ben duecento euro mensili, ma non chiarisce a partire da quando. Mi fermo qui, con le parole che Bertolaso, il nostro protettore, pronunciò la sera del 31 marzo 2009, qui a L'Aquila in una riunione convocata dal sindaco in seguito alla scossa del giorno precedente, magnitudo 4 della scala Richter, ultima di una serie durata tre mesi e che aveva già procurato considerevoli danni alle nostre abitazioni : "lo sciame sismico che interessa l’Aquila da circa tre mesi è un fenomeno geologico normale, che non è il preludio ad eventi sismici parossistici, anzi il lento e continuo scarico di energia, statistiche alla mano, fa prevedere un lento diradarsi dello sciame con piccole scosse non pericolose". Tutti sapete cosa è accaduto alle 3 e 32 del 6 aprile 2009, sei giorni dopo.

26 commenti:

Luciano B. L. ha detto...

Già. E conosciamo anche le dichiarazioni dell'altro componente la commissione grandi rischi, l'ing. Gian Michele Calvi che è il progettista ed il direttore dei lavori del Progetto C.A.S.E., ovvero della "Polistirolo city " con i caveau antisisma. Ma, in un servizio di J. Meletti su La Repubblica, si dice che smantelleranno per prima la tendopoli del centro, deportando gli stranieri alla caserma di Coppito e gli altri "poveri" in ogni dove, anche fuori Provincia.
Pazzesco.

cristiana ha detto...

Non ne parla più nessuno;penso che il nano non voglia.
E Repubblica? E l'Unità?
Sarebbe il momento per sputtanarlo anche su l'Aquila.
Un abbraccio
Cristiana

Monique ha detto...

Che dire Anna, lo diciamo da mesi che settembre sarebbe stato un mese tragico.
Io sono donna di montagna, vedere quei "cosi" intorno alla vostra città mi da il vomito, sapere che non serviranno a nulla non migliora la situazione.

e non mi consola di certo sapere che la caserma della guardia di finanza e la pasquali sono a disposizione.

Etto ha detto...

ciao Anna, perchè non denunciate Bertolaso e gli altri capiculi per chiedergli tipo 1 miliardo di euro di risarcimento...tanto ormai cani e soprattutto porci fan ricorso alla magistratura considerandola "amica" ...magari potete avere qualche fortuna anche voi
sorry ma non so dare contributo alla tua sofferenza... mi spiace di questo...ma un messaggio ci tenevo a lasciartelo... quindi..ciao.. :)

Pam ha detto...

Che Italia squallida, che classe dirigente ridicola... Sono allibita e disgustata, l'informazione parla solo di quello che vuole il BOSS, non si sa nulla di quello che veramente succede in casa nostra. Quello che so della situazione dell'Aquila lo so dal tuo blog ANNA. Mi pare inconcepibile,ma come ci stiamo riducendo. Meno male che abbiamo un nuovo amico sul quale contare, Gheddafi!!!!! Mamma mia..........

silvano ha detto...

MA SE TUTTO IL MONDO CI INVIDIA LA NOSTRA PROTEZIONE CIVILE?
disfattista.

Anonimo ha detto...

Cara Anna questa mattina mi sono messo a legere i Tuoi scritti e come pensavo non mi hanno deluso, credevo che stesse sucedendo qusalche cosa del genere ma non immaginavo che si fosse arrivati a tanto. Come al solito il Papi non accetta il contraddittorio e di essere messo in discussione,essere criticato.e' triste vedere che anche su trageide del genere c'è chi riesce a raccontare bugie solamente per proprio tornaconto. continua a lavorare così come hai fatto fino ad ora io dal mio piccolo daro voce a te e al Tuo blog. un abbraccio Luciano

Chiara Mazzone Colonna ha detto...

Continua a scrivere, non fermarti mai.
Noi, nel resto dell'Italia, sappiamo poco e niente di quello che sta succedendo all'Aquila.
I tg non ne parlano più, i giornali non sono mai oggettivi.. e per quanto quelli di noi che vengono definiti "disfattisti" immaginino ci siano ancora molti problemi da risolvere non ne abbiamo la certezza.
Continuate a mostrare la forza con la quale ci avete sorpreso e per la quale vi siete guadagnati la stima di tutta la nazione. Continuate a chiedere ciò di cui avete bisogno, a gran voce, e pretendete tutto! Ne avete il diritto.
Un saluto e grazie per tenerci informati
Chiara

Anonimo ha detto...

Ciao Anna sono un vigile del fuoco e alle ore 6,30 del 6.aprile.2009 ero a Villa S.Angelo a scavare con la speranza di poter trovare qualcuno ancora vivo... alle ore 4,00 del 7.aprile, dopo aver scavato ininterrottamente con le luce e sotto la pioggia con le continue scosse che ci facevano rimescolare il sangue, ci siamo resi conto che non avevamo niente da mangiare... le donne del paese si sono prodigate e ci hanno fatto un piatto di pasta...
Mi dirai perchè racconto questo episodio... per far capire che i veri eroi di qusta triste storia siete Voi Abruzzesi... gente forte, piena di orgoglio e dignità... pronti a dare anche se non avete più nulla... veramente delle grandi persone.
Noi abbiamo cercato di lavorare con professionalità e amore vero... quello che viene direttamente dal cuore... Quello che mi fa impazzire dalla rabbia è vedere lo sperpero di milioni di euro per il G8, per tutte le girate e le farse che sono servoti solo all'immagine dello "psiconano" impazzito... e vedere poi che la situazione dopo circa 5 mesi non è cambiata per niente...
Io sono ritornato per la seconda volta l'8.agosto e ho lavorato 4 gg a l'Aquila dove apparte le chiese e alcuni palazzi di personaggi importanti è ancora tutta da bonificare e le soluzioni ancora sono in alto mare, e 4 gg a Paganica dove il paese è abbandonato a se stesso (apparte la chiesa sulla strada) e dove abbiamo subito delle aggressioni verbali (lecitissime) da persone disperate che ancora non hanno visto o avuto contatti con la "protezione civile", preposta per la loro sistemazione, e quindi si arrangiano da soli rischiando la vita tra le macerie... Noi comunque siamo riusciti, con molta umiltà, a parlare e a cercare di fare tutto quello che era possibile avvolte rischiando in prima persona anche più del dovuto... alla fine eravamo entrati in sintonia e questo ci faceva stare bene tutti...
Concludo dicendoti che noi vigili del fuoco (i nostri mezzi sono vecchi, usurati e noi siamo pochi e stipendi da fame...) ci hanno lasciato fuori dalla "protezione civile" (mezzi super-nuovi, migliaia di volontari tutti colorati (prendono i soldi) e finanziamenti senza freni...)...
sperare che qualcosa cambi sta diventando un illusione...insieme forse si può fare... noi siamo Vigili del Fuoco...PER VOI...CON VOI...SEMPRE... Hasta Siempre

Tizio 55

Elle ha detto...

Ciao Anna.

Fabio ha detto...

La guerra è appena iniziata, altre battaglie dovranno essere combattute, l'esito è incerto.
Augurandoti una vittoria in un futuro prossimo, ti esorto dal non demordere.

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Beh non sarò certo io a dirlo....

Lotta tra poveri.... sai che sono oramai decisi a fare una cosa del genere in qualunque strato della società quindi anche con voi applicano la stessa regola...

marina ha detto...

fa paura l'inefficienza mista alla stupidità e alla malafede
certo che con questo contributo ti stai proprio arricchendo! merda!
marina

Anonimo ha detto...

Forse centra poco col post ma guardate cosa succede in Regione.Di seguito l'articolo a firma di Monica Raucci pubblicato su http://antefatto.ilcannocchiale.it

"Una residenza extralusso, certo un po’ fuori mano, dove molti terremotati aquilani potrebbero trovare un tetto: è il civico 210 di Avenue Louise, a Bruxelles, la sede europea della Regione Abruzzo. Mille metri quadrati inaugurati dalla giunta di centrodestra Giovanni Pace nel 2004 e pagati 1,4 milioni di euro, per una sede fuori dal centro nevralgico delle attività politiche. Comunque lì il posto c’è: dentro attualmente ci lavorano solo due dipendenti, che comunicano tra di loro evidentemente con segnali di fumo. Il terzo dipendente, la dirigente Sara Zatta, era stata nominata con contratto a tempo determinato sotto la giunta di Ottaviano Del Turco, l’ex governatore di centrosinistra arrestato (e poi rimesso in libertà) per la Sanitopoli abruzzese, ma è stata fatta fuori grazie all’implacabile regime dello spoil system: cambio di bandiera, cambio di dirigente. E poco importa se si perde in continuità professionale e se ogni volta si deve ricominciare daccapo. E così, con la nuova giunta di centrodestra, è arrivato anche l’ennesimo bando di concorso. Peccato che in pochi ne abbiano avuto notizia. Eppure la posta in gioco doveva far gola a molti: 11.000 euro netti al mese, questo lo stipendio elargito al nuovo dirigente dal Governatore Gianni Chiodi in un periodo di crisi economica e in una Regione al collasso. Un bando ferragostano e soprattutto fulmine, destinato solo ai ben informati: pubblicato il 5 agosto, scadeva il 17. Sarà anche per questo che le domande arrivate sono appena 35. Tra i requisiti richiesti ai candidati, come si legge sul bando, il diploma di laurea e 5 anni nell’amministrazione. Non una sola parola né sull’esperienza maturata in ambito europeo, né sulla conoscenza dei programmi comunitari (eppure la Regione avrebbe bisogno eccome di fondi europei per il terremoto) tanto meno su quella delle lingue. Io no spik inglisc (per farsi un’idea: ogni dipendente, dal dirigente al collaboratore, della sede veneta a Bruxelles di lingue ne deve parlare almeno tre)".

Alessandro Tauro ha detto...

Sugli annunci pre-sisma ho dedicato giusto il mio penultimo post di mercoledì, ricco di tutte le dichiarazioni dell'intera commissione Grandi Rischi (citata per omicidio dall'avvocato Valentini presso la Procura dell'Aquila, sempre meglio ricordarlo!).

Della follia del piano C.A.S.E. per 13 mila persone (per la cronaca, il bando di gara d'appalto parla di un numero compreso tra le 10.500 e le 12.000) ne abbiamo parlato in tanti sin dal giorno della sua ideazione.
Quale senso può avere spacciare per soluzione globale la costruzione di casermoni per 13 mila persone quando la popolazione di sfollati, almeno per questi primi mesi/anni, arriva a 50 mila unità?

Lo stiamo dicendo, tu, io e tanti altri, da mesi. Le "autorità" se ne stanno accorgendo adesso...

Povera Italia, con un sistema informativo come questo ... ha detto...

aspettavo la mezzanotte, non si sa mai...

Berlusconi in data 15 di agosto promise che avrebbe consegnato la prima casa agli abruzzesi (era già pronta e bellissima) in data del 4 settembre.

Siamo il 5 settembre... oppure il calendario è disinformato?

***

Al mattino il premier, con i lineamenti tirati e lo sguardo severo, è andato all'attacco rispondendo ai cronisti che chiedevano un commento sul Boffo-gate. "Credo possiate leggere i giornali di oggi dove c'é tutto il contrario della realtà. Abbeveratevi della disinformazione di cui siete protagonisti. Povera Italia, con un sistema informativo come questo".

***

... certo Super-papi non poteva essere da per tutto. E il suo stato erettivo lo interessa e lo preoccupa tanto in questi giorni.

Mai dire C.A.(zz).O al posto di C.A.S.A (o C.A.SS.A) se no è un C.A.O.S (calma, oh!)

Anna ha detto...

@Tizio 55,
le tue parole mi hanno fatta piangere. E questo proprio per il rapporto che si è creato fra noi Aquilani e voi Vigili del Fuoco.E si è creato da subito, è stato quasi a pelle. Quando vediamo le vostre divise ci sentiamo protetti, e capiti, e vi amiamo. E voi lo sapete bene, avete visto e sentito i nostri applausi al vostro passaggio e ci avete sentito urlare che rispettiamo solo voi.Perchè, in questa situazione, solo voi, insieme ad una parte dei VOLONTARI della protezione civile, siete i nostri eroi. Grazie a te per tutti voi.

vale ha detto...

NESSUNO sta parlando dello smantellamento del campo di Piazza d'Armi.

Il 3 ne han parlato Studio Aperto e La Repubblica... gli altri devono tacere, perché "spedire" quei poveri cristi da una tenda ad un posto ancora più arrangiato non è bello... e lui non può fare queste figure del cavolo.

Ho sentito alcuni residenti del campo e sono tutti sconvolti. Ordinare alle persone di lasciare il campo da un giorno all'altro è davvero vergognoso... e di questo team di "forze dell'ordine, protezione civile, psicologi" loro non han visto manco l'ombra... son solo passati i carabinieri dandogli la loro destinazione, senza dargli manco la possibilità di obiettare.

Che amarezza...

Anonimo ha detto...

Scusa, "@marina ha detto...
fa paura l'inefficienza mista alla stupidità e alla malafede
certo che con questo contributo ti stai proprio arricchendo! merda!
marina", a chi ti riferisci? non si capisce nulla dal post.
Grazie
Fernando

Anonimo ha detto...

ciao anna,
sono carlo e l'intestazione anononimo è solo la pigrizia di registrazione.
ti seguo da molti mesi.
a volte, anzi spesso, non sono d'accordo con la tua linea, ho altre percezioni, ma questo non è importante. l'importante è che continui a esserci, a dire come la vedi, ad avere la forza e il coraggio di dire la tua.
e mi piace COME lo dici, che è un'altro modo - forse lo stesso- di dire che mi piace COSA dici. perchè non è indispensabile essere d'accordo per avere il piacere di ascoltare.
anzi...
da mesi porto in giro una cosa che si chiama animammersa, lettere dal terremoto e canti popolari. le lettere cambiano spesso, secondo la nostra percezione personale di terremotati.
ma dentro ci sei anche tu.
a volte abbiamo letto qualcosa tua.
ma anche quando non lo facciamo, quello che dici lo sentiamo dentro alla nostra animammersa.
magari la prossima volta ti diciamo dove siamo....
un abbraccio forte.
carlo

auryn ha detto...

@ Marina
ne facevi cenno due o tre giorni fa. Ho urlato nel sentire l'unica voce che esprime dolore vero per un'amica in difficoltà.
Leggo un'infinità di commenti dagli "albori" esprimono gratitudine di qua e di là: "se non ci fossi tu ad aggiornarci", "armati di telecamera per la nostra sete di conoscenza", "brava giornalista", "fai così, fai colà", ecc., ma nessuno che si proponga e ponga la domanda come possiamo alimentare (o restituire)questa ENERGIA che ci commmuove tutti ad OGNI suo POST?
Si scambia la dignità con la mancanza di urgenza e necessità della materia prima...
Se pensi di organizzare qualcosa per sostenere anna fammi sapere. non so se hai ancora la mia mail.
ciao Marina :)

@TUTTI
Vi consiglio di riprendere a dire cosa anna dovrebbe fare una volta emersa la risposta dentro di voi.
Con gli elementi che avete, leggendo attentamente i post dal 6/4/09, di cosa avreste necessità oltre agli utilissimi attestati verbali di stima, solidarietà e comprensione?

@Tizio55
GRAZIE CON TUTTO IL CUORE!

marina ha detto...

ciao auryn, rimandami la tua mail, la ricerca in Eudora non è il mio forte :-)) marina

Luis ha detto...

Ciao Anna, seguo il tuo blog da mesi. Perchè è l'unico modo per sapere cosa sta succedendo davvero in Abruzzo. E' triste constatare che nel 2009 un presidente del consiglio di un paese, l'Italia, che fa parte del G8 (le cosiddette potenze economiche della terra), faccia ancora le parate come in un paese del blocco sovietico degli anni settanta. Quando ho visto berlusconi che controllava gli infissi (gli infissi!) delle nuove case, quando tastava le ante delle nuove cucine sotto lo sguardo compiaciuto e sorridente degli astanti, beh, ho avuto un moto di repulsione. Possibile che sia così imbecille mi sono detto? Possibile che chi aveva intorno fosse così contento di codesto presidente? Possibile che chi ha perso una casa, un lavoro o persino degli affetti trovi sostegno da queste buffonate? Intanto il tempo passa e si avvicina l'autunno. Vorrei che gli italiani tutti avessero un sussulto di dignità e cominciassero a manifestare per tutte le carenze di questo governo, emergenza terremoto in testa.
Ciao Anna, continua così.
Luis

monica ha detto...

ciao Anna, sono monica sempre dal piccolo paese ligure
ti ho scritto piu volte ma la posta e sempre tornata indietro, non capisco il perchè
Ti segnalo il programma Presa in diretta che potrai vedere domenica prossima La trasmissione dedica la serata alle grandi bugie sul terremoto Non perdetela
Ti seguo sempre e con mè tantissima altra gente Non mollare
moni

Lukonrad ha detto...

Ciao Anna, complimenti x il blog, se ti può servire ho fatto una vignetta sull'argomento...

http://lukonrad.blogspot.com/2009/09/lavvoltoio-di-laquila.html

marina ha detto...

@Anonimo: hai ragione, seguivo un pensiero tutto mio, ma pertinente, credimi
marina