martedì 22 settembre 2009

La7

http://www.la7.it/approfondimento/dettaglio.asp?prop=reality&video=30919


Grazie alla segnalazione di una lettrice, ecco il servizio girato da La7.
C'è tutto, nulla da aggiungere.

Vi prego di farlo girare.

62 commenti:

Anonimo ha detto...

Non vi piacciono le case, i letti, le lenzuola firmate, i fiori sul balcone, la lavatrice, le pareti ocra, lo spumante, le destinazioni. Preferivate stare in mezzo la strada o in tenda?

Anna ha detto...

No anonimo, volevamo proprio le case come quelle che hai visto. Quelle che poi, quando torneremo nelle nostre,saranno rimosse.Non vogliamo le case che,al contrario, resteranno per sempre a deturpare il nostro paesaggio. Quelle case che costano 2.400 euro al mq e che sono pura speculazione edilizia. Le case che hai visto costano 700 euro al mq. e sono belle e dignitose. E, soprattutto, quelle case le avremmo volute subito e per tutti.Bastano due mesi per tirarle e potevano essere pronte già da luglio. E la nostra comunità non si sarebbe disgregata e, tutti insieme, vicini e coesi, avremmo potuto lavorare per la ricostruzione della città VERA e delle nostre vite.

Anonimo ha detto...

@ Anna...
quando un Essere Umano soffre...tutta l'Umanità soffre...
La tenda 26...Anna se passi di lì...od incontri le Signore Ludovici...abbracciale per me...
@ Anonimo2005
............................................................................................................................................

Watka Yo Ota

Anna ha detto...

@Gianni,
lo farò domani stesso. Andremo lì, con i ragazzi del 3e32, a dare una pulita al piazzale.Le abbraccerò per te. Vedi le persone per bene come vengono trattate? Ora sfido chiunque a venire a dire che le signore Ludovici sono delle pericolose comuniste. E delle sovversive che intendono buttare fango sull'operato della protezione civile. Qui, amico mio, la democrazia è stata ed è calpestata. Non lo capisce chi è abituato ad intrallazzare, ad andare avanti con l'amico dell'amico. Mio marito ed io viviamo in un container comprato da noi da sei mesi e non figuriamo in NESSUNO degli elenchi stilati dall'algoritmo. Pur avendo aderito a tutti i censimenti.
Silvia Resta è una giornalista che dice il vero. Dovrò contattarla per ringraziarla.

MauroC ha detto...

Salve Anna, il video de La7 ancora non l'ho visto, ma penso che questo de LaRepubblicaTV sia altrettanto chiarificatore
http://tv.repubblica.it/le-inchieste/l-aquila-tutte-le-falle-della-ricostruzione/36832?video=&pagefrom=1

Anna ha detto...

Grazie MauroC.
Grazie anche a te per la segnalazione. Purtroppo le voci degli Aquilani,coloro che dovrebbero avere diritto assoluto e prioritario sulle scelte della ricostruzione, come vedi, sono oscurate. Coperte dall'interesse di pochi e dalla cecità ottusa di molti.E dall'ignoranza.

Anonimo ha detto...

Dunque, nel servizio vediamo/sentiamo:
* te coraggiosa, insieme ad altri uomini e donne coraggiosi che lottano per i propri diritti;
* buffoni millantatori - del volontariato altrui, del lavoro altrui, di quanto realizzato con le tasse altrui: tutte attività – ad esempio il pagare le tasse – cui solitamente è meno avvezza quella parte (ma non solo quella), nota per lo più per le evasioni fiscali etc;
* la voce di un becchino che benedice le mirabilie millantate dai buffoni;
* guardie e poliziotti a go-go (Guantanamo?)
* l’intervista ad una amministratrice locale che evidenzia “saggiamente” come potevano meglio essere spesi molti meno soldi;
(manca il viscido servitore, che si sarebbe visto su altre reti)

Considerato:
* che tra i tanti coraggiosi, umili, onesti etc, c’è però una massa forse anche maggiore di approfittatori e disonesti (es chi affittava, pre-terremoto, topaie a prezzi esorbitanti agli studenti e, peggio ancora, specula ancor di più oggi su un’ immane tragedia; i palazzinari locali etc etc)
* che i vostri amministratori locali, di parte politica opposta a quella dei buffoni, sono però ugualmente coinvolti nelle omissioni (se non peggio) che hanno portato alla tragedia (omessi controlli, scarica barile sulle responsabilità etc: “Presa diretta” di Iacona di 2 settimane fa ha dipinto un quadro sconfortante!)
* che la proporzione tra buffoni/disonesti/approfittatori e brava gente non è probabilmente fifty-fifty (come tu invece spesso scrivi);
* che non è vero che "l'Italia non sa", causa black-out informativo: dato il papismo imperante (videocracy docet), a molti non è mai molto interessato del terremoto aquilano ovvero se lo sono subito scordato dopo qualche lacrimuccia di coccodrillo (molti tuoi commentatori hanno osservato che in giro si prova per lo più fastidio "ma che vogliono questi?!")
* che al momento la miglior prova di efficienza è stata fornita da realtà del mondo tedesco o affine e considerate infine le osservazioni scritte in un commento ad un tuo post precedente da un Tirolese

vi consiglio di proporre un referendum per l’annessione dell’aquilano all’Europaregion Tirol-Südtirol – Welschtirol (Trentino), con tanti saluti alla banana republic: stareste senz'altro molto meglio!

Un saluto
Alfredo

fcoraz ha detto...

Mi viene da reagire solo bestemmiando. Non si può prendere in giro la gente in questo modo.

Anonimo ha detto...

Grazie a Simona per il video e ad Anna per averlo postato.

Concordo con quanto hai scritto prima sulla voce negata, soprattutto in televisione (visto che il popolo italiano si informa quasi esclusivamente attraverso la tv), alla gente terremotata.

Linus

amatamari© ha detto...

Ti ringrazio, non avevo visto questo servizio: esiste ancora un giornalismo che non si accontenta di riportare gli slogan ma che è inchiesta, ricerca dei fatti, testimonianza.
Ho la nausea.
Mi è salita progressivamente ad un certo punto del filmato, e non se ne va via.

Il Pifferaio ha detto...

mi sembrava di aver inviato un commento ma non lo vedo. spero non esca doppio.
Ho messo il tuo video sul mio blog e mi permetto di aggiungere qui, per semplificare la diffusione che spero sia elevata, l'indirizzo dove reperire il filmato. Scioccante. Auguri veramente :-)

http://www.la7.it/approfondimento/dettaglio.asp?prop=reality&video=30919

jeneregretterien ha detto...

lo avevo visto su facebook e l'ho messo sul mio blog. Bisogna dare visibilità a tutto questo.
Silvia Resta è una giornalista di valore, il suo Reality affronta sempre temi importanti.
ciao Anna, coraggio

Anonimo ha detto...

Osservare video come questo fa svegliare dal torpore di un falso benessere quotidiano...ed a quel punto è più facile gettare fango addosso agli altri. Accorgersi che viviamo in quel fango tutti i giorni e continuiamo a sguazzarci..ed a lasciarci trattare da burattini...è ben più duro da accettare per la nostre psiche...
Cara Anna, ovviamente mi riferisco a coloro che hanno offeso il video e gli aquilani...e a coloro che, come sempre in situazioni drammatiche come queste traggono i propri benefici...e sono sotto gli occhi di tutti le scelte sbagliate fatte.
Diffonderò il video
A voi va tutta la mia solidarietà, per una situazione che nessuno può comprendere se non ha vissuto.
A voi va tutto il mio augurio di ritornare presto ad una vita normale
Angela S.

Anonimo ha detto...

@Angela S.:
certo, svegliamoci dal torpore, traiamo beneficio dalle tragedie, esortiamo tutti alla vera rivoluzione: imbracciamo i mitra, ammazziamo Berlusconi & c. come Mussolini, tutti appesi a piazzale Loreto senza processo, Vespa, Fede e Bertolaso, ammazziamoli tutti dicendo BASTA al falso benessere e cominciamo a vivere di una vita vera e piena di significato come a Cuba o nella Romania di Ceausescu.
Comincia tu ad andare avanti.

Anonimo ha detto...

Ho rivisto il filmato diverse volte...innegabile la situazione...proteste decorose...Gente Forte e Silenziosa...Assordante la compostezza....
Ma Tutto diventa Poesia nella Tenda 26...
quella Poesia che strazia il Cuore...
quel Canto che diventa Silente Grido di Battaglia...
Adamantina Ode nel fango delle viltà...
Inaccessibil Vetta di Dignità su pendici di sterco...
Dita Luminose conficcate in una Terra Amata...
Donne Fragili e Possenti...
Donne Disperate ed Epiche...
non dimenticherò mai la Tenda 26...
Watka Yo Ota

Anonimo ha detto...

si...Anonimo 1.05
svegliamoci dal torpore...traiamo beneficio dagli esempi di dignità,esortiamo tutti alla vera rivoluzione dell'Amore..portiamo i fiori ..convinciamo Berlusconi a togliere le leggi che si è fatto per non farsi processare così dimostrerà la sua innocenza...così che capirà che neanche il vituperato Benito se l'era fatta per lui una legge così...Vespa Fede e Berolaso ospiti alla Tenda 26 per un caffè e due chiacchiere..offro io...Basta a tutta questa ipocrisia di anonimi e cominciamo a vivere come a CUBA(bellissima) o nella Romania libera da Ceausescu...o nella Libia Libera da Gheddafi
io comincio ad andare avanti....vieni Angela S.?
Watka Yo Ota

Anonimo ha detto...

Tutti hanno diritto ad avere una nuova casa, questo però non vuol dire che ciò che si ha diritto sempre si possa avere... purtroppo l'Italia deve fare anche i conti con i bilanci finanziari, questo comporta scelte, drammatiche, ma sempre scelte... un TRIAGE sociale, chi ne ha diritto per primo e chi per secondo !! Può non sembrare giusto ma quando si hanno poche risorse e molte richieste si deve scegliere !! Io credo che i cittadini dell'Abruzzo debbano cercare di cambiare mentalità e iniziare a ricominciare a prescindere dagli aiuti... il terremoto ha colpito un'intera regione è le persone bisognose sono tante e i fondi pochi !!
Ora sono state date le prime case... bisogna farne altre !! Coloro che parlano che si sono sentiti dei "PACCHI" beh !? Burocrazia non erano infatti dei pacchi ma numeri, la macchina organizzativa lavora in questo modo, non può di certo fermarsi a parlare e chiedere consigli ad ogni abruzzese !!! Quindi ci si organizza e si prendono decisioni per le masse e non si può e non si deve chiedere consigli o consensi !! QUESTO E' IL SENSO DELLO STATO !! Quei cittadini che hanno fatto slogan li posso comprendere perchè la tragedia subita credo che non la si può capire se non la si è vissuta !! Ma fare un servizio per dare voce a queste persone disperate... è come fermare la macchina dello stato che si sà non è efficientissima ma io credo che si fa anche quello che si può !!

Kanna Shirakawa ha detto...

Per l'ultimo Anonimo (ma com'e`, vi vergognate di dire chi siete?)

Ma come fai a dire "i soldi sono pochi" e "lo stato fa quello che puo`", quando le case consegnate ad Onna NON sono state pagate dallo stato, nemmeno un centesimo, e che, come dice Anna, costano 700 euro al mq, mentre le C.A.S.E., quell'orrore edilizio pagato si` dallo stato, costa 20000 euro al mq?

Mi chiedo se la tua sia ingenuita` o malafede. Non ci vuole molto a capire che "lo stato" sta facendo tutt'altro che risolvere i problemi della popolazione terremotata.

E mi sento vagamente offeso, perche` "lo stato" sono anche io, siamo tutti noi cittadini, non certo il branco di boriosi che vanno a farsi belli con il lavoro e i soldi degli altri.

E "lo stato" non e` certamente nemmeno una mera macchina burocratica, come sembri credere. Questa idea di stato, dove i cittadini non sono persone ma numeri, e` alla base di quei regimi che si sono chiamati in vari modi: nazismo, fascismo, comunismo sovietico ...

Al di la` delle immonde speculazioni su questa tragedia, sia finanziarie che mediatiche, la cosa che fa piu` male nel vedere come si comportano le istituzioni (non "lo stato") e` questo assoluto disprezzo per la dignita` umana.

Andrew ha detto...

grande questo servizio di la7

Rebelde ha detto...

Il servizio di La7 (e non solo quello) dimostra che probabilmente le logiche servili di gran parte dei media stanno subendo un' inversione di marcia.
D' altra parte giornali e televisioni sono sostenuti da giganteschi gruppi finanziari e di potere quindi strettamente legati al profitto ad ogni costo (certamente non a quello specifico del singolo giornale che si regge sui contributi statali ma del gruppo di cui fa parte). Fatico a credere che oggi il singolo giornalista sia in grado di battere i pugni sulla scrivania del caporedattore per far passare idee di libertà e verità. Credo piuttosto che la credibilità di berlusconi sia in calo soprattutto tra i grandi gruppi di potere (che sono quelli che realmente hanno strette in mano le briglie del paese)e visto che questi c' erano ieri, ci sono oggi e ci saranno domani, stanno preparando il terreno per il futuro prossimo.
Questo potrebbe comportare oggi prese di posizioni mediatiche molto più scomode per l' incipriato atte ad incrinare quella miserevole stabilità di cui si è riempito la bocca e che si è costruito ad hoc in questi ultimi anni.
E' solo una teoria certo ma da qualche settimana qualche riscontro in più lo si nota. Aldo

Kaishe ha detto...

Buongiorno Anna ...
E mettetemi in lista per quelli che, in risposta all'anonimo dell'1.05, vanno avanti.
Probabilmente non arriveremmo a ripetere piazzale Loreto perchè abbiamo argomenti diversi dalla violenza, fisica e verbale, da poter usare.
Sicuramente sarebbe una soddisfazione premiare il loro lavoro "di gran lunga il migliore degli ultimi 150 anni" a suon di calci in culo (scusa i termini...)

Raffaella ha detto...

ciao anna, non avevo visto il servizio su la7, rispecchia esattamente il mio pensiero e le grida di dolore che urlo da sei mesi a questa parte. non capisco come si possa ancora credere al "profondo impegno" del governo! sono mesi che io, mio marito ed alcuni amici gridamo queste cose..... ma la cosa che mi sconvolge maggiormente sai qual'è? che molti aquilani ancora lo ammirano, concordano con le sue malsane scelte. questo mi fa ancora più rabbia, possibile che la cecità arrivi fino a sconvolgere la realtà dei fatti?

Anna ha detto...

@Rebelde,
ho sentito fare la tua stessa analisi da più parti. Io credo che l'approvazione o meno del lodo Alfano possa determinare le sorti dell'imperatore. Quello che mi sconvolge è, però, pensare a chi possa venire dopo di lui. La situazione è pessima, non metterei le mie sorti in mano a Bersani. Marino, forse.No, neanche lui.Boh.... che tristezza. Mi capita di non curarmi più di cose di partiti da quando vivo sta tragedia. Qua ci sono altre priorità.

Rebelde ha detto...

Anna, la tua preoccupazione è legittima, è anche la mia (la nostra, di molti).
E' ovvio che chiunque sarà il successore dovrà rendere conto ai poteri forti del capitalismo e della globalizzazione. Non ci sono in questo momento all' orizzonte personaggi che sono in grado di ribaltare la situazione (vedi solo le difficoltà di Obama nonostante i reali buoni propositi).
Detto ciò però occorre fare una rifessione: non sono tutti uguali.
Credo che sia per il momento sufficiente liberarsi di berlusconi e di tutto quello che rappresenta, poi chiunque sceglieramo come successore (ovviamente nella parte avversa)sarà sicuramente meglio o per lo meno dovrà, per spirito di sopravvivenza, dare un colpo al cerchio e uno alla botte e non solo alla botte come succede oggi.
Forse sono stato un pò superficiale però, accidenti, cerchiamo di metterci un filo di ottimismo.
Siamo tutti consapevoli che personaggi come Allende nel Cile di allora non ci potranno più essere ma l' auspicio è che anche di Berlusconi nell' Italia di oggi non se ne sostengano più.
Aldo

Anonimo ha detto...

Si Watka Yo Ota, andiamo avanti. Con Marino, forse. O con Giovanni, Alfredo o Terenzio. Anzi, facciamo un'urna coi nomi poi chiamiamo un bambino innocente rubicondo ad estrarre i numeri, ispirato dall'anima nobile del "Che". Poi, assieme al vincitore, tutti insieme con fiori colorati in mano come nella meravigliosa e democratica Cuba, tutti uniti nel nome dell'amore. Tutti insieme a fare la fila la mattina alle 8.00 con la tessera per un pezzo di pane. Tutti insieme a fare la fila in comune a chiedere l'autorizzazione per comprare un gelato. Tutti insieme felici ma stando attenti a nascondere bene quei 10 euro in tasca che se ti scoprono ti fai 10 anni di carcere come ridere, se non ti tagliano le mani. Oppure riunirsi fraternamente al bar per riuscire a guardare 20 minuti di TV in bianco e nero di propaganda di meraviglioso e libero regime.
Comincia a comprare il biglietto, noi ti seguiamo.

Raffaella ha detto...

sul sito di abruzzo24 c'è un altro interessante servizio sul piano C.A.S.E. ....se vi può interessare...
caro Anonimo (10.22)di solito ai fatti si risponde con i fatti, ai documenti con i documenti, alle idee con le idee......di che categoria fai parte?

MFM ha detto...

Anna sei sempre una grande.
In questi giorni faccio molto la spola tra Roma e L'Aquila e la cosa più impressionante è assistere alla crescita di queste New town gigantesche. A Bazzano sono davvero a buon punto, così come a Preturo, attorno a Sasso un po' meno (si stanno aprendo nuovi cantieri proprio in questi giorni) ma la vera domanda che mi faccio ogni volta che vedo questi obbrobri è: che genere di servizi hanno previsto?
Le strade saranno in grado di reggere l'aumento vertiginoso di traffico che si genererà? Le fogne dove scaricano? Una volta ricostruita la città (chissà quando) cosa verrà fatto di questi costosissimi manufatti?
Mi faccio solo io queste domande?

Fabio ha detto...

@anonimo delle 10:22:
mi sembra vano ricordarti che la tua previsione, è infantile, nonché arcaica. Sarebbe veramente bello un "comunismo" moderno... ma non tutti dovrebbero avere il diritto a stare in fila per il tocco di pane. A persone come te, che non credono nella forza celata nelle comunità, inviterei ad andare nei campi a mietere, in maniera da procurarsi il grano per farselo da soli il pane. Tanto, cosa ci vuole? vero? Fino a quando esisteranno così tanti individui che non capiscono che tutte le persone sono fondamentali in una società, che pensano che Totti sia giusto guadagni così tanto, perché fa girare i soldi, mentre non riconoscono l'importanza dei lavori "più umili", dato che non si ribellano per i loro miseri salari, sarà sola utopia immaginare una società italiana più moderna. Scusate lo sfogo.

Anonimo ha detto...

mi fa sempre tristezza vedere questo "andare contro" a tutti i costi.
un calcio in culo a Berlusconi e poi chi viene viene (OVVIAMENTE di sinistra!!!!)
mi viene tristezza nel vedere una sinistra che attacca il governo in carica su ... donnine allegre e inciuci : ma davvero si è disposti a votare questi falliti?!?!?!
mi viene tristezza nel leggere l'immonda incoerenza :
le case subito
pero' che costino poco
pero' belle e con tutti i confort
ovviamente subito a tutti
ovviamente senza sprechi, eh!!?!?
ovviamente tutti trattati umanamente e non come numeri
ovviamente subito anche strade, scuole, ospedali, caserme, centri commerciali, cinema, spazi verdi gia' con alberi centenari,
e l'immancabile sala bingo perchè tutti hanno bisogno di svago!!!
io non riesco a capire cosa si voglia ... non capisco proprio
trovo che sia facile stare in poltrona e/o davanti ad un pc a criticare e sputar sentenze

onestamente non riesco a vedere spiragli di luce ...

Anonimo ha detto...

@ ano nimo 1022
..davvero toccante e meravigliosamente moderno il tuo modo di commentare...
la tua levatura sfiora picchi di assoluta eccellenza...
ma non raggiungerai mai la Poesia della Tenda 26....credo sia inutile tu ti sforzi...
@ Anna...spero tu abbia fatto quella cosa per me....te ne sarei davvero grato...anche se so che hai un infinitò di cose da pensare...un bacio
Watka Yo Ota

Rebelde ha detto...

@Anonimo 10:22
Io non vedo perchè un qualsiasi cittadino non debba aspettarsi che un servizio di cui ha sacrosanto diritto gli venga erogato subito, nella piena efficienza e al costo più basso possibile. Non trovo niente di scandaloso in questo ragionamento.
Sta poi al governante di turno far capire ai cittadini che i soldi non ci sono, che il governo è inadeguato alle aspettative dei cittadini eccetera eccetera.
A questo punto il cittadino, in piena coscenza e conoscenza delle problematiche saprà valutare, o almeno ne avrà i mezzi, se insistere sulle richieste o prendere atto della situazione.
Altra cosa è far credere con ogni subdolo mezzo e con la menzogna che i soldi ci sono e che l' adeguatezza del governo è la migliore che si abbia mai avuta dall' unità d' Italia ad oggi. Peggio ancora far carte false per far credere che il servizio è già stato erogato e con l' efficienza richiesta. E chi non ci crede è anti Italiano, una merda da schiacciare. Io a questo non ci stò, nel mio piccolo con tutta la coerenza possibile continuo a "volare alto" agguzzando la vista così quando vedo di sotto quelli come te cerco di centrarli con un gavettone di merda.
E' allucinante vedere che una fetta sempre più grande di popolazione che certamente non ha niente a che vedere con le banche, la finanza, il catamarano a porto cervo, abbia gettato la spugna e si rifiuta di prendere coscenza della propria condizione e che non vuole rendendosi conto che il sogno americano è solo nei fumetti della Marvel e non nella realtà. Sveglia, nessuno di noi diventerà come berlusconi (dio ce ne scampi). Aldo

Rebelde ha detto...

.......l' Anonimo era quello delle 11:37 ma non cambia nulla

Fabio ha detto...

@anonimo delle 11:37:
gli spiragli di luce non si vedono perché la nostra mentalità italiana ci porta a soggiogarci a qualsiasi cosa. Siamo un popolo di contadini, trasformati in operai, ed ora in disoccupati. Ma facciamo parte di uno stato, e questo oltre a dei doveri, come ad esempio pagare le tasse, prevede anche dei diritti. I cittadini vittime di catastrofi naturali devono essere aiutati dalla comunità nazionale, tramite lo stato. Non ci si scandalizza ad usare i servizi tramite sms, per donare 1€ ai terremotati... a mio parere si dovrebbe. Perché i cittadini dovrebbero essere aiutati dallo stato. E non tramite l'elemosina dei più fortunati del momento.

In questo blog, solitamente gli anonimi, si lamentano delle proteste di Anna. Forse non vi arriva in maniera chiara la sua denuncia. Credo invece di aver capito quali siano le pretese della Signora Anna. Io sono nato e cresciuto, fino a pochi anni fa, a L'Aquila, per cui conosco la sua gente, e la sua struttura sociale ed economica. Lo stato avrebbe dovuto interpellare gente come me. No, non mi sto facendo il "grosso". No, ma credo sinceramente che io, senza alcuna nozione sulla gestione delle emergenze, e sull'urbanistica etc. etc. non avrei fatto grossolani errori che sono stati compiuti. Non ci interessa nulla, se la sinistra avrebbe fatto meglio o peggio. Non mi interessa di parlare circa gli interventi in Irpinia o in Friuli. Stiamo analizzando cosa è stato fatto ora, da lo stato attuale. Si magari Mussolini sarebbe stato migliore o peggiore, ma non mi interessa. Come non mi interessa delle feste private del nostro premier (delle menzogne raccontate al suo popolo si però ;) ). Da aquilano conosco molto bene il freddo autunnale e primaverile del nostro territorio. Ma forse questa è l'unica cosa che la maggior parte degli italiani conosceva di L'Aquila prima del terremoto. Chi sapeva che L'Aquila è la sesta città artistica italiana? Non molti suppongo. Bene, dato il freddo glaciale, che si può avere sin da Settembre (sono stato a L'Aquila la seconda settimana di Settembre e la minima si aggirava intorno ai 7°), avrei subito puntato sulle casette in legno. Oltre a risolvere il problema del freddo, sarebbero stati interventi non perenni, e magari riutilizzabili per la creazione di un campus universitario. Ho letto che sulla collina davanti l'ospedale, dove passa una bella faglia, era prevista la costruzione di tre mega edifici per l'università. A parte il fatto che lì il terreno non è dei migliori per costruire, al posto di case insicure, dal punto di vista sismico, avrei visto molto bene un quartiere in legno, utilizzabile subito per l'emergenza, ed in futuro dagli universitari. E questa soluzione non sarebbe stata più complessa: le case sarebbero costate ovviamente molto meno di quelle che stanno costruendo ora con il progetto C.A.S.E. ed inoltre, sarebbe stato possibile far tornare nella propria città molto prima i suoi abitanti, permettendo loro di riprendere la propria attività lavorativa, non disgregandoli, e si sarebbe potuto iniziare a progettare la ricostruzione dei centri storici, che ad oggi ancora non è in programma.

StefsTM ha detto...

"La prego di dare questa informazione, perchè gli italiani tutti, devono sapere come ci stanno trattando, nel caso per disgrazia dovesse capitare a loro quello che è capitato a noi"

Rabbia e lacrime.

yudhistira ha detto...

@aninimo delle 11,37.
Ci sono delle persone terremotate, che giustamente, con i toni che uno si potrebbe umanamente aspettare, si lamentano della loro situazione, criticano, propongono. E' normale, è umano, che chi abbia patito un male lo dica e magari dia pure le sue soluzioni.
Quello che non è umano, e non è accettabile, è che tu venga da loro e gli dia pure addosso. Cioé gli vorretsi pure togliere la parola per lamentarsi o criticare o dissentire. Dovrebbero stare zitti e subire.
Poi ti ringraziamo per la sinistra a cui dai i tuoi amorevoli consigli. Glielo deve dire Berluscuni e suoi servi, tra cui tu, come deve fare opposizione. Se vi chiede ragioni di Dell'Utri, Mangano e dei rapporti con la mafia... non si può. Se si parla di conflitto di interessi, é esproprio proletario. Se si dice che Berlusconi fa le orge a palazzo Grazioli (sede istituzionale) e si porta le escort a letto ed ha rapporti con uno spacciatore (Tarantini) questo è gossip e l'opposizione non può usarlo.
Insomma l'opposizione deve osannare il tuo padrone, come fai tu.

Anonimo ha detto...

caro anonimo delle 11.37, a me fa invece tristezza che in Italia ci siano governi che propongono e parlamenti che approvano leggi sul rientro di capitali illegalmente portati all'estero per evadere le tasse.
Mi fa tristezza che la gente li voti questi osceni governi pensando pure che facciano il bene del Paese.
A me inceve impressiona e mi fa vergognare.

francesca

Arnicamontana ha detto...

un servizio ben fatto, rispetto alla media, che ci mette di fronte al punto di vista delle persone e non le ipocrite e colpevoli facce istituzionali. Che rabbia! Un abbraccio Anna

Anna ha detto...

Signori tutti,
vi invito a non rispondere agli anonimi che vongono in questo luogo di dolore e di rivendicazione solo a buttare benzina sul fuoco. I loro commenti rozzi ed ignoranti si qualificano da soli. Ancora con lo stereotipo del comunismo da tessera per il pane. E, quando si parla di tv in bianco e nero, si capisce da quale pulpito di telespettatore di grandi fratelli e striscia la notizia provengono le illuminanti parole. Signori, vi prego, ignoriamoli. Non costringetemi ad attivare la moderazione dei commenti.
Io sto come in guerra. A vedere lo scempio che si consuma su di noi.

Anonimo ha detto...

ciao Anna,

si forse hai ragione tu, ma a forza di non rispondere davvero passa l'idea che questo e' un gran governo, il governo del fare che sta ridando lustro all'Italia.

Forse invece bisogna controbbattere con argomenti veri, per aprire gli occhi alla gente in buona fede (e penso ce ne sia tanta anche tra gli elettori di Berlusconi) e per smarscherare quelli in cattiva fede.

Provo ad immaginare, poiche' per fortuna mia non lo vivo, il dolore immenso che vi riempie le giornate. E mi si spezza il cuore.

francesca

Anna ha detto...

Sì Francesca, certo che l'argomentare serve, ma non con gente di bassissimo profilo che non ha argomenti di sorta, se non quello dell'abisso della loro pochezza. Rispondiamo solo a chi dice qualcosa di costruttivo. Il resto lasciamolo fluire nei canali di scolo.....

Anonimo ha detto...

Ogni volta che mi imbatto sull'argomento terremoto a L'Aquila, ripenso alle passeggiate sotto i portici, con il freddo che ti feriva la faccia consolata della bella gente che incrociavo, avvolta nei cappotti costosi e nascosta nei cappelli di pelliccia..... Non ti degnava di uno sguardo.... e se chiedevi solo una semplice informazione, facevano prima un'indagine preliminare su cosa avevi addosso..... Ma andava bene così..... Mi piaceva lo struscio della gente bene... Ho pensato spesso a loro in questi mesi...... ma ho visto solo i volti della gente comune che tanto mi somigliano.... dove sono queste belle signore e gli eleganti signori? Ma perché le tragedie non hanno mai un collo di pelliccia .......Mariarita;

Anna ha detto...

Cara Mariarita,
sono contenta del tuo commento che mi offre lo spunto per dire una cosa che volevo dire da tempo. E' vero quello che dici delle signore e dei signori aquilani. Io per prima non li sopportavo. Poi se mi parli di colli di pelliccia divento una furia. Sono un'animalista. Mai ho lesinato a queste signore impellicciate i miei commenti circa le creature morte uccise che portavano al collo.Attirandomi le loro ire.Però vorrei farti notare una cosa. Non so se ti rincuorerà. A me intristisce profondamente. Il terremoto non colpisce in maniera uguale. Il terremoto colpisce maggiormente chi ha più da perdere. Quelle signore ora sono disperate, poiché hanno perso tutto. Chi non aveva nulla, o poco, ha perso poco o nulla. Ovviamente parliamo di beni materiali, ché la città, quella, la abbiamo persa tutti. E pure l'identità. Stai pur certa che quelle signore e quei signori stanno soffrendo. Come tutti. Forse di più.

Raffa ha detto...

Ciao Anna, da tempo seguo il tuo blog e la tua battaglia per far sentire le voci degli "altri aquilani". Non sono riuscita a postare direttamente il video sul mio blog, ma ti ho linkata.
Un saluto
Raffa

raffa ha detto...

Non so perchè, ma il link che ti ho lasciato nel commento precedente non funziona. Provo di nuovo.
Raffa

Marco ha detto...

Ma scusate, io capisco che si voglia sempre il meglio, tutto e subito.. però andate a guardare il sito www.osservatorioricostruzione.regione.umbria.it sulla ricostruzione dopo il terremoto del settembre 1997: 22604 senza tetto in 5500 tende e roulottes, sostituite entro l'inverno da 4465 container; le prime case in legno nel 1999 ovvero due anni dopo.

E posso capire che chi non è di Onna segnali il fatto che le case sono state consegnate solo ad Onna e non negli altri paesi, ma ovunque fosse stata consegnata la prima casa ci sarebbe stato lo stesso problema.. sbaglio io?

Giandomenico F. ha detto...

io, quando sentii la scossa pensai subito chissa' chi saranno i disgraziati che si ritroveranno senza casa per i prossimi 20 anni?!


poi vediamo quando tutti i mobiletti ikea dopo 3 mesi inizieranno a cadere a pezzi con l'uso, ma quello e'il minimo, speriamo solo nelléffetto serra e che quest'inverso sia piú mite del solito.

Anonimo ha detto...

http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Dall%20Italia&vxClipId=2524_e3cf9b5e-a789-11de-84dd-00144f02aabc&vxBitrate=300
VI INVITO AD ASCOLTARE DAL CORRIERE DELLA SERA L'INNO DEL COMITATO PER IL PREMIO NOBEL PER LA PACE A BERLUSCONI. ASCOLTANDO IL TESTO DI QUESTI DELIRANTI MI PARE DI SENTIRE UN "L'ABRUZZO SI RISVEGLIA..." SENTITE ANCHE VOI QUEL CHE SENTO IO?
NADIA DA VIGONZA (pd)

Raffaella ha detto...

esattamente dice "l'abruzzo si risveglia incredulo".....ho pianto....non ci sono parole per decsrivere quello che ho provato. mi sono sentita violentata nella mia sofferenza, in quella della mia gente......hanno veramente toccato il fondo.......

Fabio ha detto...

@Marco: Onna, centro mediatico rappresentante questo terremoto, è un buco di paese. A causa del tipo di terreno, il sisma è stato molto violento, ed ha distrutto l'intero paesotto (veramente piccolo, un mio caro amico abita lì). Monticchio, sembra non abbia avuto molti danni, ma i paesi del versante opposto, Paganica, Tempera, San Gregorio, Assegi, Camarda, San Pio Delle Camere, etc. etc. sono messi parecchio male. La popolazione, di questi paesi, non ha ricevuto nessuna casetta (a L'Aquila non fa freddo come in Umbria), i loro centri sono distrutti, ed alcune case uscite senza danni dall'evento sismico del 6 Aprile, rischiano di andare distrutte a causa delle case pericolanti, che non puntellate stanno lentamente crollando. Per lo più non sono stato io a dire agli aquilani che a Settembre avrebbero avuto tutti una casa. Come ultima osservazione, vorrei ricordarvi che molti studenti, risiedevano in case, con contratti di affitto in nero, e questi che dovrebbero tornare a L'Aquila a studiare, non vengono conteggiati, tra i bisognosi di un alloggio. Ma forse, ne avranno tenuto conto....

Marco ha detto...

@Fabio: giustamente parli di centro mediatico.. cominciando a consegnare la prima casa, da dove avrebbero mai potuto partire se non a Onna? come tra l'altro è successo per molti altri interventi, per esempio gli aiuti tedeschi indirizzati proprio ad Onna per via degli eventi di Onna della seconda guerra mondiale. Cosa ci vuoi fare, la solidarietà funziona così, e non credo che ci si possa lamentare se hanno costruito una casa per una singola famiglia invece di dare a tutti i terremotati un singolo mattone.
O meglio, capisco che tutti quelli che la casa non l'hanno ricevuta possano lamentarsi: ma "dal di fuori", per come la posso vedere io che non ho vissuto questo dramma, sono proteste che non portano un valore aggiunto agli sforzi per la ricostruzione.

Gli studenti che abitavano in case in affitto in nero.. beh è un altro discorso ancora, si potrebbe anche pensare che forse parte della colpa sia di chi affittava le case in nero: con i guadagni illeciti potrebbero finanziare la ricostruzione, no?

quanto ai mobili Ikea... beh, se sono Ikea spero che durino più di tre mesi altrimenti anch'io me li vedrò cadenti dopo lo stesso tempo (e me li dovrò ricomprare a spese mie)..

infine (e verrò crocifisso per questo, già lo so), io mi pago la mia brava assicurazione contro furto, incendio, terremoto ed eventi atmosferici vari e *non* vivo in zona sismica; molta gente avrà avuto un'assicurazione analoga anche nelle zone colpite dal sisma, e anche questo fa parte della prevenzione.. con tutto questo, anch'io ho cercato di fare qualcosa per le persone terremotate e credo ciecamente nella solidarietà: non credo che il fatto che qualcuno si presenti in televisione dicendo "ecco le prime case consegnate" sia una cosa da stigmatizzare, ma solo da prendere come dato di fatto, sono state consegnate le prime due, o dieci, o mille, case. Aveva detto entro settembre? ok, alle prossime elezioni qualcuno glielo rinfaccerà, e voterà altrimenti, però il senso del mio intervento era che nel terremoto del 1997 le prime case sono state consegnate due anni dopo. Si può sempre migliorare, ma si sarebbe potuto fare anche molto peggio visto le esperienze passate..

un abbraccio a tutti i terremotati e a chi sta lavorando per farli stare meglio

Fabio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Fabio ha detto...

@Marco: sarebbe un problema in più da considerare, se gli studenti universitari abbandoneranno la città; l'unico punto di forza pre-sisma della città era l'università. L'economia di molte famiglie si reggeva sull'indotto fornito dall'università. Non volevo certo dire che è un bene che si abbia l'evasione fiscale... ma anche in questo caso per me la colpa ricade sempre sullo stato, perché è esso che deve controllare che non ci sia evasione, che le case siano costruite a dovere, etc. etc. Purtroppo se si da la possibilità ai cittadini di violare le leggi, qualcuno tra di loro, possiamo stare certi lo farà.

Raffa ha detto...

Marco, perdonami la curiosità, ma quale sarebbe la compagnia assicurativa che ti garantisce il risarcimento danni in caso di terremoti?? E' tanto di quel tempo che ne cerco una che abbia questa clausola nelle sue polizze di assicurazione sulla casa e non c'è verso: nessuna copertura per eventi atmosferici o cataclismi o guerre o atti terroristici o qualsiasi altro evento simile.

Sei sicuro di aver letto bene le clausole dell'assicurazione che hai sottoscritto? perchè se è così, facci sapere chi sono questi "benemeriti", che sottoscriviamo in massa, zona sismica o meno che ci passi sotto le fondamenta.
Rafa

Fabio ha detto...

Anche a me risultava che le assicurazioni non coprano eventi sismici.

Anna ha detto...

Marco ha un'assicurazione che copre da eventi sismici in una zona NON SISMICA. Invito Marco a documentarsi circa le assicurazioni contro eventi sismici in ZONE SISMICHE. Torni dopo aver controllato e ci relazioni.
Invito inoltre Marco a prendere in considerazione ciò che i cittadini consapevoli e responsabili chiedono alle istituzioni. Può farlo semplicemente leggendo il mio blog.
Invito Marco a non venire qui a far sparate insulse senza sapere ciò di cui si parla.
Invito Marco a documentarsi sul fatto che NESSUNO studente è morto nelle case in affitto, in nero o meno. Gli studenti sono morti nella CASA DELLO STUDENTE.Ed erano ragazzi che si trovavano lì per meriti di studio.
Invito Marco a documentarsi circa le C.A.S.E. e poi a venire qui a dirci se sono case vere e come mai costano 2.400 euro al mq.Noi avremmo aspettato anche 5 anni, pur di avere case vere. E avremmo aspettato nei moduli provvisori. Come quelli di Onna.
Invito Marco ad esporci chi e come sta lavorando per farci stare meglio.
Perdonami Marco se sono stata scortese, ma sai, ogni tanto mi girano quando leggo cazzate....

Marco ha detto...

ti ringrazio Anna per avermi dato della persona che spara cazzate e dice cose insulse: sì sei stata scortese.

@Raffa & Fabio: su internet ho trovato segnalazioni su Allianz e Zurich, ma in effetti non riesco a capire quanto può costare la copertura in zona sismica (no, Anna, alle tre di notte non posso telefonare ad un'agenzia Allianz per chiedere quanto mi costerebbe una polizza se avessi una casa a l'Aquila. Da qui non lo so proprio. Cosa costa? non ho idea. a Brescia l'estensione costa un po' meno di un centinaio di euro all'anno, ma Brescia è a rischio medio, non alto); inter nos, ho verificato: e come sospettava Raffa nella mia polizza c'era la clausola di esclusione proprio per i terremoti, quindi pensavo di esserlo ma NON sono assicurato.

@Fabio, avevo interpretato in modo non esatto il tuo commento sugli studenti che non sono conteggiati: sicuramente hai ragione sul fatto che si deve trovare un modo per farli tornare, volevo solo dire che se risultavano 1000 studenti domiciliati a l'Aquila invece di 2000 (sono numeri a caso, ovviamente), e quindi sarà difficile stimare correttamente il numero di studenti che hanno bisogno di alloggio, la colpa è anche di chi ha affittato in nero: peccato veniale finché vogliamo, ma tant'è.

@Anna: lo vuoi proprio tutto, l'elenco degli studenti che sono morti e che non vivevano alla casa dello studente, o bastano solo un po' di nomi a caso? ..che poi non ho capito cosa c'entra..

Anna ha detto...

@Marco,
mi ero scusata in partenza, ma non mi aspettavo che tu accettassi le mie scuse.
Comunque le bagianate(come vedi stamani son più tranquilla) le hai sparate per tua stessa ammissione. Nessun privato cittadino può permettersi una polizza assicurativa che lo copra dal rischio sismico in zona altamente sismica come la nostra, a meno che non sia Berlusconi o simili.
Non mi risultano studenti fuori sede morti nelle case private, ma, ovvio, posso sbagliarmi. Attendo l'elenco dei nomi.
Capisco di essere stata molto scortese e faccio ammenda. Forse per questa ragione non rispondi alle altre questioni che ti ho posto?

Fabio ha detto...

@Anna: Marco aveva una convinzione (la copertura delle assicurazioni in zone sismiche) errata, ma non mi sembra sia stato scortese.

@Marco: cerca di comprendere che gli attori di questa sciagura, sono piuttosto suscettibili. E come non capirli?

Anna ha detto...

@Fabio,
difatti son stata scortese io. Vuoi che mi cosparga il capo di cenere?:-)
Comunque io mi guarderei bene dall' andar a sparare inesattezze a casa di persone che vivono la nostra tragedia e ad ostentare una sicurezza basata sul nulla. Che noi si possa essere suscettibili c'è da metterlo in conto.Come se tu andassi a casa di una persona che ha subito un lutto gravissimo e recente e le dicessi "è morto tuo marito? sei stata imprevidente a non aver stipulato una polizza assicurativa".Polizza, per altro, impossibile da stipulare.
Questione di sensibilità.....

Marco ha detto...

dai, ci siamo chiariti.. ammetto di essere permaloso la mia parte, quindi ti chiedo scusa Anna perché immagino che tu abbia il diritto di prendertela su questo argomento.

per le CASE, sono sicuro di non essere informato abbastanza per parlarne: ma i conti che si fanno sia sulle c.a.s.e. che sulle unità abitative fornite dal Trentino sono passibili di talmente tante interpretazioni che non sapremo mai quanto costa realmente al metro quadro una delle due soluzioni.. sono convinto che hanno entrambe pregi e difetti. Spero però che pregi e difetti non siano colorati di rosso, nero, azzurro, Berlusconi, Protezione Civile, CRI, destra o sinistra, perché *questo* è il vero dramma dell'Italia e *questo* è sicuramente quello che fa sì che ci sia tutto questo caos.

quanto ai morti.. purtroppo Anna ti sbagli, ce ne sono tanti anche nelle case private, di studenti: ne ho trovati alcuni scorrendo la lista dei morti, con gli indirizzi di dove sono morti.. tutti ragazzi e ragazze che volevano solamente studiare per avere un futuro migliore e che non ce l'hanno più. Non c'entra niente il fatto che fossero in nero, con un regolare affitto oppure alla Casa dello Studente. l'Aquila è venuta giù un po' tutta, se ci sono state responsabilità vedremo se qualcuno alla fine le pagherà (ma non ci credo più di tanto).

chi si impegna per far stare meglio i terremotati? scusami Anna, veramente chiunque abbia mandato anche un solo sms da un euro ha fatto qualcosa. la Protezione Civile ha fatto qualcosa, la Croce Rossa ha fatto qualcosa.. non credo che in Italia ci sia qualcuno che non ha fatto niente. Non ti chiedo di ringraziare Berlusconi, non ha senso, ma almeno mi aspetto che tu riconosca che un sacco di gente ci ha messo l'anima, per dare una mano. Poi hai tutti i diritti di fare appunti se ci sono cose che non vanno.
ciao

fuoridalmucchio ha detto...

Anna, si può fare qualcosa per impedire l'autoplay del video di questo post?

Anna ha detto...

@Pinelli,
ti ho accontentato :-)