martedì 7 aprile 2009

L'Aquila non c'è più

Eccomi qui. Gli ultimi post sono stati scritti non di mio pugno. Era la mia amica Chiara che scriveva da Bologna. Questa sono io. La situazione è tragica. Inenarrabile. Io e la mia famiglia abbiamo perso tutto: case, lavoro, vita passata, radici. TUTTO. Ma quello che vorrei urlaste al posto mio è la rabbia di essere stati lasciati soli. Noi Abruzzesi siamo stati mandati a morte scientemente. Erano mesi e mesi di scosse, e nessuno ne ha mai parlato. Nessun giornale, nessun TG. NESSUNO. NESSUNO.NESSUNO. Nessun piano di emergenza era stato approntato. Siamo stati mandati a morte. Avrebbero dovuto farci evacuare. Il terremoto del 700 ha avuto la stessa casistica, gli stessi tempi. Identico. E loro ci rassicuravano. Parlano di 200 morti. Bugia. Al momento sono mille. E non è finita. E gli sfollati sono 60mila.Denuncio quell'imbelle del sindaco Cialente. La presidente della provincia Stefania Pezzopane. Tutte le autorità. L'Aquila non è. Fu. E noi tutti con lei. Si entra in città e non si hanno più punti di riferimento. Mio marito è entrato stamani. E' tornato al campo sfollati. Non connetteva. Non sapeva più neanche il suo nome. Sono lucida. Le cose che vi dico sono verità. A presto. Anna

172 commenti:

la signora in rosso ha detto...

Anna piango con te, tu sei la nostra voce.. i mass media cercano l'audience, io , noi cerchiamo la verità. Un abbraccio forte, forte

Agave ha detto...

Anna, le tue parole ci addolorano, ci sconvolgono e fanno crescere la nostra rabbia. Vorremmo chiederti se ci dai il permesso di poter diffondere in qualche modo la tua tesimonianza. Vi siamo vicini.
Eelin e Marus

Anonimo ha detto...

piango

valeriascrive

Anna ha detto...

DOVETE URLARLO

sileno ha detto...

Sono senza parole in un momento così doloroso e ancora peggio mi sento impotente davanti a tanta sofferenza.
Un forte abbraccio
Sileno

Anna ha detto...

Ho,incredibilmente, la possibilità di disporre di un computer. Non so fino a quando. Ma prendo l'impegno di tenervi aggiornati su questa tragedia. Sono qui a sfogarmi, a parlare, a urlare. Capitemi. Non mi importa di aver perso tutto. Sono viva. La scossa precedente a quella esiziale, alle 23,30, circa, è stata riportata dai media come scossa di terremoto a Forlì. Vi rendete conto? A Forlì. I ragazzi vicini e mio marito ci hanno estratto dalle macerie. I volontari sono arrivati alle 6 di mattina. Piango per il Duomo, per la chiesa dei Raccomandati, Per la Basilica di S. Bernardino, per la Basilica di Collemaggio. Per le mura di cinta, per le porte di ingresso alla città. Per tutti i palazzi storici. E, prima di tutto, prima di tutto, prima di tutto, per i morti. Per i martiri.I martiri di questo sistema scandaloso.Sono tantissimi.

Banana ha detto...

Anna non ho parole,anche se idealmente ti abbraccio fortissimo.

Le Favà ha detto...

Domani, oggi, parlerò di te. O almeno ti riporto. Io ti seguo da un po'. E...e basta. Non saprei che dirti.

"Arturo" ha detto...

Coraggio, cerco di diffondere il tuo post anche attraverso facebook.
Se riesci e se te la senti scrivi ancora, c'è bisogno di informzione vera. Un'abbraccio.

MAQ ha detto...

potessimo ospitare qualcuno...
noi siamo così lontani!
MAQ

marina ha detto...

anna ti sono vicina indignata e addolorata
il coraggio ce lo fai tu!
marina con amore

il Russo ha detto...

Un abbraccio fortissimo Anna, questo post mi ha fatto venire la pelle d'oca, lo linkerò da me.

enzorasi ha detto...

Annuzza, risentirti mi placa, in parte. Sono sinceramente addolorato e sconfortato, leggo le tue verità come più credibili delle altre ufficiali: posterò sul mio blog il link del tuo. Attualmente è tutto quello che posso fare. Sai che ti siamo vicini e che non abbiamo nessuna voglia di farci prendere per il culo. Tu dicci, sfogati...è importante. Ti abbraccio con forza

silvano ha detto...

Ciao Anna, mi consola sentirti comabttiva come sempre. In giornata ti linkerò il post.
ciao, se riesci fatti sentire, con affetto, silvano.

cometa ha detto...

Cara Anna, per quello che può valere, sono vicino a te ed a tutta la gente che all'Aquila e dintorni sta stringendo i denti e sopportando la sofferenza e la perdita di persone care e di ogni cosa con serietà, coraggio, dignità... oggi come un tempo.
Immagino la paura di dormire nelle tende o nelle auto sotto la minaccia costante della terra che continua a tremare.
Ci sarà un momento anche per la rabbia. Oggi, mando a te ed a tutte le persone sfollate e colpite dal terremoto un grande abbraccio.
cometa

diana ha detto...

Ciao Anna, io seguo la signora in rosso che ha postato di te e sono venuta sul tuo blog.mi dispiace moltissimo che oltre alla disgrazia immane , ci sia la forte convinzione di essere stati abbandonati al vostro destino. vero è che nonne sapevo nulla delle scosse, mai visto un servizio tg a riguardo. ho sentito che la procura abruzzese ha aperto un fascicolo per reato colposo, insomma indagheranno. amarissima soddisfazione. è un modo per amettere una colpa, perché non si può morire così. non ti conosco Anna, ma ti abbraccio forte, in nome di ciò che ci unisce e ci rende uguali sotto il cielo.farò presente il tuo blog nel mio , ché tutti possano leggera la tua testimonianza VERA

Pupottina ha detto...

Anna è vergognoso che le autorità vi abbiano lasciati lì sapendo del pericolo che correvate finché non è stato troppo tardi... è assurdo che l'informazione pubblica abbia omesso queste realtà....sono rammaricata per te e per le tue perdite... la rabbia è motivata ed umana... spero con te che chi è colpevole possa almeno sentirsi tale

darksecretinside ha detto...

CIAO ANNA,TI SEGUO DA POCO, MA TI SEGUO.
NON CI SONO PAROLE.
STIAMO VIVENDO TUTTI IL LUTTO NEL CUORE ED AL DOLORE NON C'E' FONDO. NESSUNA NOTIZIA E' PIU' VERA DI QUELLA DATA DA CHI STA VIVENDO LA SITUAZIONE.
SPERO TU POSSA ESSERE PRESENTE SPESSO QUI ED AGGIORNARCI "DEL VERO" E PE FARCI SAPERE CHE STAI UN POCHINO MEGLIO...MI ACCORGO DA CIO' CHE SCRIVI CHE SEI UNA DONNA FORTE E CON GRANDE DIGNITA' HAI TROVATO LA FORZA DI SCRIVERE QUI IL TUO SFOGO.
NON CEDERE.
SIAMO TUTTI MOLTO MOLTO VICINI ALLA TUA TERRA E NOI BLOGGER STIAMO SEGNALANDO MESSAGGI D'AIUTO PER L'ABRUZZO PASSANDOLI TRA NOI, CON POST E COMMENTI.
TI ABBRACCIO, SONO CON TE.

Vagamundo ha detto...

Parole che vadano al di lá della retorica é difficile trovarne.. piuttosto che blaterare e starnazzare come molti politici si affannano a fare, staró qualche minuto in silenzio, solidale anche se di scarso conforto, per te, la tua famiglia , i tuoi cari e tutta la tua terra e la sua gente.

Non facciamo peró che questo silenzio sia un velo di oblìo. Continua se puoi ad essere cronista, in nome della VITA e della veritá.

desian ha detto...

Ciao Anna, non faccio retorica: parla se puoi, racconta e denuncia, come sempre. C'è bisogno di questo coraggio.

Un abbraccio forte.

*Alidiluna* ha detto...

L'Italia,quella vera, è con voi..nel cuore!
Tienici aggiornati per quanto ti sarà possibile,facci sapere la verità,non quella che vogliono farci sentire!
L'Aquila riprenderà a volare ,Anna..

Un abbraccio
Giulia

l'incarcerato ha detto...

Anna...non ho parole, solo lacrime!

ps invierò questo tuo racconto a più siti di informazione possibili!!

Nemo ha detto...

Anna, mi dispiace tantissimo per quello che ti è successo. Sono sempre con te.

stella ha detto...

Anna non ho parole. Parla,urla, sfogati...dimmi, faccio quello che mi dici. Ho pubblicato i numeri per gli sms.
Sono sconvolta, solo ora so di te. Ti abbraccio immensamente. Continua a farti viva, mi raccomando.

Anonimo ha detto...

Cara Anna.. le tue parole mi scatenano tanta rabbia e dolore.. spero che almeno la nostra presenza virtuale ti faccia sentire meno abbandonata e meno sola.
Non ho un blog ma non mi mancherà il modo per diffondere la tua denuncia.
Ti abbraccio forte
Stefi

Angelica ha detto...

Diffondo sul mio blog. Ti abbraccio. A.

Veneris ha detto...

Io non sono più lo stesso. Non riesco a credere che una città come l'Aquila sia stata spazzata via cosi. Vado in Abruzzo almeno una volta l'anno e sono stato sempre accolto con affetto da gente magnifica. Non accetto che gli sia accaduto una cosa cosi orribile. Ed è vergognoso che tutte le scosse precedenti siano state sottovalutate ed ignorate dai media. Anna, non so quanto possa servire, ma mi sento molto vicino a te ed a tutta la popolazione abruzzese. Un abbraccio

Arnicamontana ha detto...

Un abbraccio forte Anna, a te e alla tua gente così dolorosamente colpita...Quando puoi, continua a raccontare, noi applicheremo il passaprola così che la VERA informazioni giri.

serenella ha detto...

Ciao Anna. Mi è stato segnalato il tuo link ed eccomi qui. Non siete soli, noi facciamo quello che possiamo....e sarà sempre molto poco, rispetto alla situazione angoscisa che state vivendo. La tua rabbia è giusta e necessaria....per ricominciare. Ti abbraccio.

Paola ha detto...

Solo ora so di te.
Leggendo questo post mi ha fatto venire la pelle d'oca...
Ho già provveduto a postare questa catastrofe... sono con tutti voi e se hai bisogno chiedi tranquillamente...
Un abbraccio fortissimo Anna

NADIA ha detto...

Hola Anna ...è terribile querida ...ti aiuterò a urlare ...giuro posterò subito ....qualsiasi cosa tu abbia bisogno sono qui.....
ti abbraccio forte forte!!!!

Anonimo ha detto...

cara Anna,le tue parole giustamente lasciano un nodo in gola,continua a darci notizie e cerca di restare se puoi in collegamento.
tornerò a visitarti.
un abbraccio

aria

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

Diffondiamo la tua denuncia. Siate forti. Ciao

rosy ha detto...

Cara Anna, io non ci credo ai mille morti.Per quale motivo dovrebbero dirci questa bugia?

Panzallaria ha detto...

solo ora scopro il tuo blog. solo ora scopro che la terra tremava da tempo e leggendo i tuoi ultimi post mi viene da piangere.
per voi e per la vergogna

la vergogna di essere parte di un popolo qualunquista e individualista che come al solito pensa solo al proprio e si sveglia solo dopo le tragedie.

non posso che fare tutto il possibile attraverso donazioni e aiutando a dare informazione corretta sul mio blog

abbraccio te e tutti i tuoi concittadini
panzallaria

Gap ha detto...

Sinceramente non so cosa scrivere se non che mi impegnerò, per quanto il mio aiuto possa essere piccolo, nel fare qualcosa per i fratelli abruzzesi. Coraggio.

Artemisia ha detto...

Anna, grazie ancora di darci notizie.
Sono con te. Con voi.
Un abbraccio forte.

Wonderland ha detto...

E' una vergogna. E la cosa forse ancora più vergognosa è che NON MI STUPISCE.
Viviamo in un paese di merda. La gente perbene non merita questa disattenzione nei confronti della loro stessa vita.
MissKappa, ho amici in abruzzo e conosco bene la situazione. Proprio ieri parte della mia famiglia è lì con voi a dare qualche piccolo aiuto.
Un forte abbraccio.

Elefterya ha detto...

Sono entrata nel tuo blog attraverso un amico comune. Cercherò nel mio piccolo di fare il possibile per diffondere il tuo grido.

Ho un amica a l'Aquila.. non mi risponde... si chiama Maria Giovanna Raschiatore. Scusa s lo chiedo a te, così come lo sto chiedendo a molti. La conosci? Puoi darmi notizie?

Un abbraccio.. davvero grande.
Stefania

Kaishe ha detto...

Anna... ero già passata alcune volte a leggerti ma non posso certo annoveramrmi fra i lettori fedeli.
Oggi però sono tornata per dirti la mi solidarietà e la certezza che vi risolleverete ...
Quando ascolto certe interviste, e vedo che già vi ribellate alle etichette che alcuna stampa vorrebbe appiccicarvi, sento voi abbruzzesi molto simili a noi friulani.
Gente che sa cosa significa rimboccarsi le maniche. Gente di grande spessore e dignità.
Noi avevamo un motto, dopo la devastazione del sisma del 1976: "Di besoi"... cioè "Grazie degli aiuti ma sappiamo che se vogliamo conservare la nostra identità, molto lo dobbiamo fare DA SOLI"...
Coraggio, dunque...
La parte migliore dell'Italia vi è a fianco... credo che lo possiate sentire.
Ripasserò...

Anonimo ha detto...

Sono lontana 800 km, ma il mio cuore è con voi, con i miei cognati, le loro bambine che come te sono vivi. E sono con A. che è ancora sotto le macerie. Mi sento così impotente...

Mister_NixOS ha detto...

Anna, non so che dire. Mi viene solo da piangere.

Mammamsterdam ha detto...

Anna, sei reperibile telefonicamente? Perché queste cose vorrei fartele dire per la nostra radio onda italiana ad Amsterdam. E se può aiutarti, offrirti eventualmente ospitalità a casa nostra ad Ofena, mio fratello ha detto che ci sono crepe sottili ma che sta lì. Ma non so dire in questo momento se ci siano acqua e luce, devo chiedere ai vicini, che però anche loro dormono in macchina per star tranquilli.

mi trovi su orsovolante@gmail.com, ma adesso vado a cercarmi il tuo numero che forse ho in giro nel computer e cerco di chiamarti.

lerinni ha detto...

anna, sono arrivata qui tramite graz. ho amici a l'aquila, disperati e incazzati quanto te. sono con voi, per quel che posso.
segnalo il tuo blog ad un paio di amici giornalisti indipendenti: chissà che non ne venga fuori una voce sincera.
in bocca al lupo. ma sincero sincero.
(ti linko)

Tua madre Ornella ha detto...

Anna forza!!!
Coraggio, io sono di Avezzano (lo sai hai seguito la mia storia), Anna fai sapere tutto, io lì all'Aquila ho parenti ed ex colleghi ma tutti sotto shock!
Anno io ho modo tramite i soccorsi di farti avere quello di cui hai bisogno, ti lascio il mio telefonino non farti scrupoli qualsiasi cosa( ho amici nel volontariato che vengono all'Aquila tutti i giorni) fammi sapere 338/4751744 Chiamami per qualsiasi cosa (non ti offro ospitalità perchè anche noi, come saprai, nella marsica ,siamo fuori casa da tre giorni, in macchina a dormire, ma per qualunque altra cosa ci sono)
FORZA DAI L'IMPORTANTE E' CHE SIETE VIVI!!!
Ornella

Pietro ha detto...

forza Anna

Anonimo ha detto...

Anna...che orrore! sono con te...grazie per la segnalazione sulle organizzazioni serie...
un abbraccio
Roselia

Sonia ha detto...

Anch'io ti sono vicina, e sono vicina a tutti gli abbruzzesi. Come sempre in Italia si aspetta che le tragedie avvengano per poi mostrarsi capaci di saperle superare. Un forte abbraccio

rosy ha detto...

vedo che il mio commento non è stato pubblicato perchè?

thecatisonthetable ha detto...

E in TV c'è chi ha il coraggio di definire "spettacolari" le testimonianze di chi ora è chiuso nelle tendopoli in attesa di chissà cosa...

Che vergogna, questa italietta.

Spero non ti dispiaccia, ma vado a postare un link a questo tuo.

Alessandro ha detto...

ciao Anna ho appena trovato il tuo blog leggendo il tuo post su repubblica che i media stiano facendo solo campagna pubblicitaria lo si vede chiaramente ma spero fortemente per il bene di tutti voi che queste tue parole siano esagerate e dettate dalla disperazione,vi sono vicino e tornero' presto a leggere i tuoi sfoghi spero davvero che tu possa continuare a scrivere la verita'

luly ha detto...

Urlo con te, con voi.

Igraine ha detto...

bisogna che i media lo scrivano, tutto questo!

MammaTuttoFare ha detto...

Arrivo in questo blog tramite mammastersdam, sono allibita davanti a questa verità, la "vera" verità.
Mando un forte abbraccio a tutti voi, forza e coraggio!
PS passerò ancora a trovarti, tienici aggiornati e se serve qualcosa, facci sapere.

upupa ha detto...

....ANNA ..SIATE FORTI...SIAMO CON VOI!!SONO DI AVEZZANO...E TREMO CON VOI!POSTO IL TUO INDIRIZZO SUL MIO BLOG...UN ABBRACCIO

La Mente Persa ha detto...

Anna, ogni cosa per aiutarvi!
Faccio girare questo tuo post tra i miei amici/conoscenti TUTTI DEVONO SAPERE!
Per qualsiasi cosa, sono qui.
Piango e mi indigno perchè NESSUNO merita un simile trattamento!!!
Giovanna

Ed ha detto...

Ciao Anna, per quanto mi sia possibile ti sono vicino. Come se non bastasse il dolore leggo da te che le vittime sarebbero mille. Bisognerebbe che citassi una fonte affinché la cifra possa essere verificata. Perché se fosse vero (e non dubito di te) allora il governo e i media lecchini dovrebbero essere i primi a pagare, in qualche maniera.
Appena puoi facci sapere. Grazie.

eridgiu-spizza ha detto...

sono senza parole! e ti sono vicino! ho pubblicato il tuo post sul mio blog, se può servire...
http://viaggiononviaggio.blogspot.com/2009/04/terremoto-e-cosa-succede-veramente.html

eleonora

Bastian Cuntrari ha detto...

Anna cara, ho ripreso il tuo grido di dolore da me, oggi: e per quanto non serva a nulla, ti sono vicina e ti abbraccio.
Sii forte, tesoro.

indierocker ha detto...

ed (e rosy prima): "se fosse vero il governo e i media lecchini dovrebbero pagare" ... DEVONO pagare. I primi soccorsi TRE ORE DOPO. E sui TG delle 7:00 si parlava di 4 morti, forse 9. VI RENDETE CONTO?!?!?

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Anna mi spiace. Ti sono vicino e come posso sono pronti ad aiutarti

In primis postero questi tuoi ultimi due post sul mio blog come tam tam.

Vorrei poterti abbracciare davvero mi limito a farlo da questa inutile tastiera di computer

Daniele

ALESSANDRA ha detto...

Con profondo dolore e affetto vi abbraccio.

Crocco1830 ha detto...

Anna, ti sono vicino, innanzitutto come persona e poi come abruzzese.
Fai bene a gridare la tua rabbia. In questi giorni, dietro certe richieste ipocrite di evitare polemiche, si nascondeva la volontà di nascondere le vere cause e le responsabilità di una strage che poteva essere evitata.

LENINGRAD COWBOYS ha detto...

Ho letto il tuo post sul blog lo starnuto, davvero agghiacciante. Nel mio piccolo ti sono vicino, la mia rabbia per i vertici che ora fanno a gara nelle tv di regime è pari soltanto alla necessità di giustizia, di reale democrazia, di vicinanza a chi come te ha subito ciò nell'indifferenza di chi, invece, avrebbe potuto fare qualcosa. Un abbraccio,
Marco

LaGolosastra ha detto...

sono senza parole.
Il mio cuore e il mio respiro si sono fermati dalla prima all'ultima parola.

Se potessi fare QUALSIASI cosa, non hai che da contattarmi, ti prego anche se non ci conosciamo di non farti in alcum modo riguardo.

Ti abbraccio.

monica ha detto...

il tuo post sta girando nei blog e credo (almeno il link l'ho messo).
siamo con te. e con voi.

monica

Anonimo ha detto...

Non so dirti quanto mi spiaccia per questa tragedia, per le persone che non ci sono più, per lo sciacallaggio dei mass media... Metto il tuo link su facebook.
Dovete farvi forza.
Siamo con voi.

JAENADA ha detto...

Arrivo qui grazie alla Signora in rosso.Un abbraccio,forte e commosso.Linkerò il tuo post sul mio blog.

Anonimo ha detto...

ciao io invece non ti seguivo e non sono tuo lettore
anzi sono pure all'opposto dell'italia a momenti

però il tuo messaggio è arrivato lo stesso, e l'ho letto

questo potrà quantomeno darti un senso, se ti domandi se vale la pena scriverlo: si, vale la pena
fai arrivare messaggi diretti alla gente anche lontana

porti messaggi di gente normale ad altra gente normale, in barba al "passaggio share - tv - spettacolo"

quindi forza, scrivi pure, sfogati
noi "gente normale" a regioni e regioni di distanza ti leggiamo

dovremmo far girare i messaggi di chi è direttamente coinvolto
diamogli dignità e visibilità e VERITA' che meritano

- dal piemonte

Lucinda Byatt ha detto...

Grazie, Anna. Il tuo post e' arrivato anche in Scozia grazie a Facebook ed alla mia amica Giorgia. Ti siamo vicini in questa situazione tragica.

Vania e Paolo ha detto...

Arrivo da Alidiluna..
solo un bacio. Vania

Saretta ha detto...

cazzo anna, cazzo.
non so proprıo come spıegartı qunato.... mamma mıa... faro gırare questo messaggıo perche qualcuno sappıa... sono, per quanto posso, lı con te... e tı abbraccıo.

Sarik ha detto...

Ciao Anna.
Sono di Pescara, mi hanno segnalato questo post. Ieri sera sono stata da mia cugina, vive e L'Aquila da 18 anni, è aquilana come te insomma. Lei è riuscita a scamparla, a infilarsi in macchina e scappare via; è un po' ammaccata ma ha il cuore lacerato. anche lei come te, non crede, dice che è l'inferno, che L'Aquila non si riconosce più, che è impossicile che siano solo 400 i morti. Che quello che ci mostrano i giornali è nemmeno la centesima parte. Io immagino che chi ha vissuto quelle cose sia veramente terrorizzato. Lei è qui da 2 giorni e ancora dorme in machina, trema alla minima vibrazione. Noi non possiamo immaginare. Solo veicolare i vostri racconti.
Io credo anche che ci sarà tempo per le polemiche, ma che ora no, è solo tempo di usare la rabbia per ricostruire. Quello che facciamo noi corregionali sembra così poco... ma noi non vi dimenticheremo.
Coraggio, ti abbraccio e con te tutta L'Aquila.

Sara

luposelvatico ha detto...

Un abbraccio, pensando a cosa fare di più e di meglio.

fiordisale ha detto...

Ciao Anna, il tuo post sta girando eccome e dopo questo spero che ne farai altri per aggiornarci sulla reale situazione, al di là di quello che raccontano i giornali che spesso è fazioso e finto.
Sto cercando di organizzare raccolte e quant'altro possa esservi di primo aiuto e ho messo la firma per far devolvere alla ricostruzione i soldo del referendum. Anzi, chiunque mi legga vada a firmare, il governo non potrà igorare milioni di firme e in momenti come uesti è un delitto sprecare 400 milioni di euro per un referendum che si può fare insieme alle europee.

FIRMATE L'APPELLO perfavore

http://www.unita.it/index.php?section=news&idNotizia=83770

ladyoscar ha detto...

Anna un abbraccio fortissimo.
Ti linko per diffondere. Tutti devono sapere la verità.

4 dogs records ha detto...

Un forte abbraccio da genova!
Vi siamo vicini!
Paolo,Monica & Nancy

andrea sessarego ha detto...

Anna, la tua testimonianza è importantissima e spero che tu possa aggiornarla anche tramite altre persone. A tutti quelli che finora hanno commentato vorrei dare appuntamento fra poco più di due mesi, quando arriverà l'estate, e vedere quanto spazio i tg daranno al terremoto: minuti? secondi? silenzio totale?
Un abbraccio da un altro genovese

Alessandro Arcuri ha detto...

Tranquilli che i morti non sono come il denaro... non li si possono nascondere tanto a lungo. Se sono davvero il quadruplo di quanto detto, state sicuri che si verrà a sapere.

Nicole ha detto...

Io ho scritto qualcosa , ma non sapevo , non potevo immaginare, nascondessero tutto questo.
Dio mio...fatevi forza!

Fabio ha detto...

Perdonami Anna, ma qual è la fonte dell'informazione riguardo al 1000 morti?

Archimede ha detto...

Desolatamente illuminante quest'ordinanza del sindaco de L'Aquila del 31 marzo...

http://www.comune.laquila.it/documenti/inEvidenza/20090331_180800.doc

Un abbraccio a te ed a tutti gli abruzzesi.

ღღ Š î $↕ Ŧ ۞ ღღ ha detto...

Vorremmo poter fare di più.
Senza parole un abbraccio con l'angoscia nel cuore
Sisifo

Anonimo ha detto...

Ciao mi chiamo Maurizio e sono arrivato qui tramite Fabio su fb.
Vorri avere una - triste - conferma su quello che hai detto... ma davvero i morti sono più di mille?

perchè se così fosse.. sarebbe gravissimo quello che stanno facendo i media..

spero in un errore.. ci spero in primis perchè erano tante 20 persone il primo giorno.. figurati 1000...

ho il cuore a pezzi.
Maurizio Petti

Anonimo ha detto...

Molto di quanto è stato scritto sono solo cazzate.

Anonimo ha detto...

non ho parole, tranne... la solita schifosa italia...
buona fortuna

Ikki of Phoenix ha detto...

Consiglio a tutti di andarci coi piedi di piombo su certe cose. Certe affermazioni, blog, info ed altro lasciano il tempo che trovano e spessissimo sono false o sono strumentalizzate.
La cosa migliore in certi casi in cui non si hanno fonti sicure è di evitare di parlarne.
Su questo blog si parla di 1000 morti, ma è una cazzata immensa.
Nei titoli dei telegiornali avrebbe fatto molto + notizia riportare 1000 morti anzichè 250, non vi pare?
Quindi non fidatevi di quei dati.
Parlano di oltre 80.000 sfollati ma la città stessa ne ha 70.000...
Infatti i primi dati riferivano dello sfollamento della Città in toto, ora le stime sono ridimensionate e stabilizzate a 20-25.000.
I terremoti non si possono prevedere con certezza scientifica, alle volte è possibile avere delle avvisaglie ma altre volte le stesse avvisaglie non protano a niente.
In questo momento fare denunce a destra ed a manca non fa altro che aumentare le difficoltà.
Se vogliamo dare delle colpe possiamo cercarle nei materiali di costruzione e nei criteri di costruzione degli edifici stessi.

Alessandro Tauro ha detto...

Sono un abruzzese fortunato, in qualità di cittadino pescarese e tesista presso l'Università dell'Aquila, dal momento che ho fortunatamente evitato sulla mia pelle questo terribile disastro.
Non ho parole di conforto da usare, perché non le trovo. E perché sono a pezzi anch'io...

Concordo. Si è lasciato che la popolazione dell'Aquila e della sua provincia andasse incontro a questo massacro (che con le ripetute enormi scosse di queste ore si sta trasformando in uno stillicidio continuo) senza alcuna prevenzione.
Un popolo mandato al macello. Con la tipica superficialità da "autorità di stato italiana".

Chantilly ha detto...

mammamsterdam mi ha portata da te.
ti vorrei abbracciare, te i tuoi e tutta la tua città. ti voglio citare da me e fare girare questa tua testimonianza.
uso parole scontate ma sentite, coraggio il mio pensiero è con tutti voi.

phoebe ha detto...

E' terribile, davvero terribile.
Un pensiero ed un abbraccio, non siete soli.

Anonimo ha detto...

sono stata censurata?

Cristina ha detto...

niente che possa servire io posso dirti, io che neanche ti conosco e capito qui per la prima volta. solo che prego ogni giorno per voi, solo che so che le mie preghiere non serviranno. se la natura è distruttiva, l'uomo è PEGGIO PEGGIO PEGGIO. un abbraccio alla tua famiglia.

Anonimo ha detto...

se il numero di morti che riporti non è vero, ti auguro il peggio del peggio!Quali sono le tue fonti?

Minu ha detto...

Anna, è veramente un fiume di gente quello che scorre vicino a te. Ho dovuto faticare per potermi mettere in coda e postare.
Ho letto di te ieri sera su la stampa, ho letto di te oggi sul blog di Silvio di Giorgio, ho letto dei riferimenti al tuo blog su quello di Pietro.
Anna, c'è un mare di gente, seppure virtuale che vi vuole bene, che si sente in colpa per avere ancora un tetto sopra la testa, perchè continua a vivere senza che nulla sia successo.
Sembra.
Qualcosa è successo, sono giorni che mi sveglio pensandovi, sono giorni che ogni gesto mi porta a voi.
Coraggio Anna, estindi la mia, la nostra solidarietà a tutti quelli che ti camminano al fianco. Non siete soli. Noi ci siamo.
Anche il mio blog urla con te, con voi.

Anonimo ha detto...

con te, con voi tutti.

Alba

Daniele Florio ha detto...

Ehm... come si nascondono gli altri 750 morti che mancano all'appello?

Seconda domanda: quale è la fonte di questa informazione?

Terza domanda: do stanno sti 80.000 sfollati se l'Aquila ne ha circa 70.000?

Quarta domanda: come ha scritto il post se non c'è energia elettrica?

Ragazzi informatevi prima di "piangere"...

Sto blog è na bufala grossa come una casa...

Anonimo ha detto...

scusa, come fai a sapere dei 2000 morti??? i miei amici che sono rimasti lì non ne sanno nulla, anche un mio amico del soccorso alpino e il ragazzo pompiere della mia amica sara, che stannoa scavando ancora, non mi hanno detto nulla. e io stessa, finchè non sono riuscita ad andarmene, non avevo avutro nessuna informaizone in merito. qual'è la tua fonte??? roberta di donato

passerorosso ha detto...

cara miss kappa...purtroppo ho scoperto il tuo blog proprio a causa di questa tragedia...sarei voluto capitare in queste pagine in circostanze migliori...lascio comunque, per quanto possa valere, un mio virtuale abbraccio di solidarietà, a te e tutte le persone coinvolte...e un invito a tener duro...forza...

aurora ha detto...

conosco molti amici dell'aquila ce ci sono stata assai di recente per le elezioni. i miei amici - non ho timore a nasconderlo - sono 'compagni ds come Betty Leone e Giovanni Lolli e Stefania Pezzopane.
Quanto dolore, davvero indicibile ma anche rabbia perchè l'incuria e la mancanza di rispetto delle regole anche quelle che attendfono alla vita delle persone non vale niente di fronte al guadagno.
L'ospedale dal '70 in costruzione e la casa dello studente e i suoi loschi passaggi di proprietà.
Ti abbraccio fortissimo.
Come ho detto mi atterro' alle disposizioni della cgil che solo oggi ha fatto breccia nel MURO di Bertolaso.
Capisco non bisogna fare inutili interventi che potrebbero andare a discapito dell'efficienza, dunque io ci sono solo che mi si chieda.

Aurora da roma

max ha detto...

Che Dio benedica Te tutti i tuoi famigliari e concittadini..
un bacio.
max

talentosprecato ha detto...

mi dispiace tantissimo.

melania07 ha detto...

Anna non ho parole... sono di sasso e provo un dolore grande e indicibile. Non so quanto possa contare di fronte a questa tragedia, ma ti sono vicina, ti penso, sei nel mio cuore.

Riverinflood ha detto...

Siamo profondamente costernati e vi siamo vicini atutti gli abruzzesi che soffrono. Sosterrò il tuo grido di dolore. In bocca al lupo.

nuvoledimusica ha detto...

Ciao ho letto i tuoi post dal facebook di Maria.....Sono addolorato e addirato per cio che è successo a te e a tutti gli altri de L'Aquila e Provincia...non ho parole per esprimere cio che sento ma mi riserbo tanta speranza in cuore per voi tutti per una sistemazione piu rapida e definitiva possibile.

Gaspare Armato ha detto...

Triste triste triste
Un abbraccio con forza e coraggio.
Rino

Anonimo ha detto...

la tua rabbia e la tua denuncia le riscrivo nel mio blog, in modo che tutti sappiamo il più possibile. è il minimo che vi dobbiamo. siamo con voi,al di là di ogni retorica. un grande abbraccio

Admin ha detto...

Hai perfettamente ragione Anna. Non ci credo, non può essere tutto imputabile al terremoto. Le persone devono essere messe al sicuro, bisogna fare controlli periodici nelle zone a rischio sismico. io scrivo dalla Sicilia, sono passati 20 dall'ultimo terremoto, fu di pari intensità a questo de L'Aquila. Nessuno di noi sa se le nostre case resisterebbero ancora. Io me lo ricordo il terrore del '90 ero piccola ma me lo ricordo ancora perciò sono con voi, tutti vi siamo vicini. Fateci sapere cosa possiamo fare.
Sonia

Tat ha detto...

Anna, ma perché dici che i morti sono 1000? come hai questi numeri?

Il dolore è terribile anche fosse solo una persona! magari...

Daniele Passerini ha detto...

Cara Anna,
come tanti arrivo qui dal blog de "la signora in rosso", sono nato a L'Aquila, ho in particolare una carissima amica aquilana che ha perso vicini di casa e la cui famiglia in questo momento è sfollata, che mi ha raccontato la situazione... pensare a tutti i morti, a questa città, dall'atmosfera così unica e speciale, ora deserta e fantasma, a tutti i paesi attorno rasi al suolo mi fa piangere.
E proprio perché mi sento vicino al tuo dolore mi permetto di chiederti di spiegare meglio la questione delle 1000 vittime? Quali sono le tue fonti? Ho cercato in internet ma non ho trovato nulla che lo suffraghi (nemmeno tra la "controinformazione"). Sono pronto a dare eco al tuo post anche sul mio blog, ma prima vorrei capire come sia possibile far mancare all'appello 750 persone e perché.

Un abbraccio

Anonimo ha detto...

Sono sconcertata da quello che vedo e sento, soprattutto perchè lo vedo e sento dall'altra parte del mondo rispetto a dove sei tu. Ti scrivo dalla Cina Anna x mostrarti tutta la mia ammirazione..........sei una voce nel silenzio di tutto.............urla Anna urlaaaaaa!!!

desaparecida ha detto...

Ti avevo scritto...ma nn trovo + il mio commento.

Ti ho linkata e messo un post nei miei blog....la voce si diffonde e gli aiuti pure!
Un abbraccio

Anonimo ha detto...

Sono choccata dalle tue parole, ho pensato anche io che vi avevano trattati come carne da macello ma leggerlo da te che lo stai vivendo è drammatico. C'erano mille presupposti per capire che poteva avvenire un terremoto così ma soprattutto vi hanno costruito case di burro facendovele strapagare come antisismiche.Mi spiace Anna per il dramma che stai vivendo, sappi però che gli italiani non vi lasceranno soli e in qualche modo gli aiuti arriveranno.TI abbraccio forte.

M.Cristina ha detto...

Sono senza parole ma colma di tanto dolore e di tanta rabbia.
Non serve forse a nulla ma ti abbraccio forte forte.
M'Cristina

bessemer451 ha detto...

vi siamo vicini.

catone ha detto...

Dopo aver letto quanto hai scritto non ho che lacrime di dolore per le vittime ed i superstiti e rabbia, tanta rabbia che cova dentro di me e non sa come esplodere. Ti sono vicino almeno con il cuore. Un abbraccio

Anna ha detto...

Ciao Anna,
arrivo a te dai giornali nazionali.
Ho linkato il tuo post al mio blog, per quanto possa essere utile.

Per tutti coloro che hanno criticato Anna: è ovvio che dietro Miss Kappa ci può essere ipoteticamente chiunque e che il post può essere una bufala ma sono una giornalista e conosco le regole del gioco abbastanza bene da considerare la cosa verosimile.
Ad ogni modo se volete contestarla non fatelo riportando male i dati da lei scritti. I morti sarebbero 1000 e non 2000, e gli sfollato 60.000 non 80.000 (quindi ci starebbero perfettamente nella popolazione totale di 70.000 persone).
Va benissimo criticare, ripeto che per quanto ne so Miss Kappa può essere Babbo Natale, però almeno fatelo bene!

Anonimo ha detto...

Questo come tanti altri blog sono l'esempio di come l'ignoranza divaghi in maniera incontrollata.
Non posso far altro che sorridere di front ad asserzioni del tipo " questo blog è volutamente fazioso" oppure "questo blog si batte per la laicità ecc.."
NE ABBIAMO PIENE LE PALLE DI FINTI SOGNATORI; IDEALISTI A PAROLE MA CHE NON FANNO ASSOLUTAMENTE NIENTE DI CONCRETO.

abbiamo bisogno di oggettività, il"partito preso" è il germe della rovina del mondo.


e per cortesia, cerchiamo di dire le cose come stanno, senza essere faziosi ,che senz'altro non è motivo di vanto per un blog.

L'Abruzzo non è solo. vedo tanta solidarietà,mettiamo da parte le critiche inutili: adesso c'è da lavorare. Chi ha sbagliato pagherà, ma adesso, diamoci da fare, e non a parole.

Andrea

Anonimo ha detto...

Al di la dell'infinito dolore per tutti i defunti (che siano 300 o che siano 1000, anche solo uno sarebbe stato troppo), non si devono assolutamente diffondere notizie errate (se per semplice disinformazione o anche peggio per malafede) è un atto assolutamente irrispettoso per chi la situazione la sta vivendo sul serio..
Innanzi tutto per verificare le informazioni sui terremoti basta andare a visitare i siti dell'ingv e dell'usgs..
Secondo poi nessuno ancora ha dimostrato in modo scientifico di saper prevedere i terremoti perciò questa non è stata una tragedia annunciata, di terremoti ce ne sono in continuazione in tutto il mondo e non sempre hanno queste fatali conseguenze..
Questi tremori erano seguiti attentamente già dalla fine di dicembre e dal 31 marzo era stata "avvertita" protezione civile..
Non è possibile criticare l'opera di tutti quei volontari che sono li da giorni a spostare macerie e a tirare fuori corpi, anche loro sono esseri umani e non automi..
Si ha una minima idea di cosa possa significare organizzare operazioni di questo genere in appena qualche ora? Si ha un idea di quanto può essere ridicola la critica "non siamo stati allertati"? nessuno, e sottolineo nessuno avrebbe mai e poi mai lasciato la proprio casa se qualcuno a gennaio gli fosse andato a dire :"guardate la vostra casa potrebbe crollare oppure no da domani ai prossimi 6 mesi..." e questo rivolto a tutto l'abruzzo e non solo l'area che è stata effettivamente colpita...
In conclusione non sprechiamo le nostre misere forze a fare futili critiche, per lo più basate sulla disinformazione, facciamo qualcosa di più concreto e utile nell'immediato e magari per il futuro per evitare simili tragedie....
con affetto a tutte le famiglie che sono in lutto a causa di questo "capriccio" della natura

Cassandra ha detto...

Intanto siamo un centinaio a sapere... magari non ci crediamo ancora, ma una pulce nell'orecchio l'hai messa, eccome.
Anna, se puoi raccontaci ancora, dacci un indizio su cui lavorare per suffragare la tua testimonianza (se leggi bene tra i commenti parecchi di noi son pronti a dare risonanza alla cosa).
Ma, per cortesia, prima cerca di rimanere al sicuro, di affrontare con coraggio questa prova che, anche con le cifre ufficiali, trovo incredibilmente difficile.

bruno ha detto...

Anna per quel che conta voglio esprimerti la mia vicinanza.
Penso di capire il tuo dolore e la tua rabbia.
A Forlì alle 22,31 c'è stata una scossa del 3,8.
E' vero, comunque, che i media fanno casino

Anonimo ha detto...

per tutti quelli come me hanno una parte di cuore legata all'abruzzo....
basta con queste stupidaggini... basta con i sensazionalismi...
basta con finti dati che vogliono rendere ancora più nera una situazione che è già tragica di per se..
Perchè infierire sul dolore di chi già sta soffrendo tanto perchè in nemmeno un minuto si è visto spazzare via l'intera famiglia?
questi fenomeni non sono una novità, ce ne sono sempre stati e sempre ce ne saranno.. l'unica cosa da poter fare, anzichè perdere tempo a gridare a lupo a lupo, è rimboccarsi le maniche, aiutare le persone colpite, e da oggi in poi costruire o ristrutturare gli edifici in base alle norme antisismiche già esistenti, in modo che le nostre case non vengano più giù come fuscelli per terremoti simili che in altre parti del mondo non farebbero nemmeno delle crepe nei muri...
spero davvero che tutti quelli addolorati e vicini alla popolazione colpita smettano di perdersi in simile chiacchere false..
rubber

Anonimo ha detto...

Non sono abruzzese ma pugliese. Sono stata tantissime volte a l'aquila perchè ho degli amici (anche loro sfollati ma stanno bene). Dalle immagini trasmesse dalla tv direi proprio che della bellissima città dell'aquila non è rimasto quasi nulla. Non ci credo mi sembra un brutto sogno. E' come se mi avessero tolto qualcosa, è come se una persona cara mi fosse venuta a mancare. So che non rivedrò mai più quei luoghi cari ma una cosa vorrei dire agli aquilani: Non mollate l'italia, l'europa, il mondo è con voi! Insieme ce la faremo! Per quanto riguarda tutte le vittime e i sopravvisuti, sono nelle mie preghiere! MI DISPIACE!

Anonimo ha detto...

Ciao Anna ho letto di te su un FORUM professionale, il FORUM FNADA. Siamo impiegati delle segreterie scolastiche.
Ho letto i tuoi numeri,1000 morti contro i 260 dei media?
Io sono friulana ma nel 1976, l'anno del terribile terremoto ero fuori regione.Qui negli ospedali arrivarono i gli sfolalti. C'era vgente che ti chedeva umilmente della biancheria intima, avevano perso tutti, altri chiousi nel dolore che ti dicevano che non avevano bisogno di niente da quanto si sentivano mortificati. non dimenticherò mai gli uni egli altri.
Ciao cara.
Pratolina

spero potrai scrivere ancora

Harmonica ha detto...

L'ho già detto su un altro blog e lo ripeto: è più conveniente economicamente gestire un dopoterremoto che non un'evacuazione preventiva.
Ne ho viste tante in questo dannato paese che non mi stupisco più di nulla.

Anonimo ha detto...

I professoroni dicono che i terremoti non si possono prevedere..ma non hanno mai spiegato in questi giorni come mai,dal 16 gennaio fino a domenica notte,ci sono state piu' di 200 scosse nell'aquilano e zona gran sasso (http://cnt.rm.ingv.it/~earthquake/index_web_cnt.php?year=2009&month=01&ml_selection=0 ) senza che nessuno si permettesse il lusso di verificare perchè tutto questo e almeno controllare cosa avrebbe causato una scossa piu' forte.Un OMICIDIO DI MASSA che si poteva evitare.
Ore 03.32.39 lunedi 06.04.09
Hanno DEMOLITO L'AQUILA.

maurizio da Sulmona

Dida70 ha detto...

Anna,
ti abbraccio e linko il tuo blog nel mio tramiete un post!

Emiliano B ha detto...

Dolore, incredulità, vicini col cuore a quanti hanno perso tutto....

cometa ha detto...

Tutte queste persone che stanno criticando Anna, dovrebbero rendersi conto della situazione degli sfollati dell'Aquila. Non riuscite proprio a immaginare il dolore di chi ha perduto amici, parenti, la casa, le cose? Non conoscete la compassione?
Se non riuscite a mettervi nei loro panni, se non riuscite ad abbracciare chi è nel dolore, nell'angoscia, nella depressione, nella disperazione, almeno abbiate la dignità di tacere.
I vostri commenti, la vostra grafomania, è scandalosa. Fa vomitare.
Vergognatevi!

Valeria e Marco, ovvero i Filibustieri ha detto...

Anna, arrivo qui tramite il blog di Thecatisonthetable che ha linkato il tuo post...
Non mi meraviglio che i mezzi d'informazione diffondano false notizie, lo fanno sempre...
per fortuna esiste la rete, dove ci si può ancora esprimere liberamente...
Forza e coraggio, continua a tenerci aggiornati, per quello che ti riesce, noi provvederemo a diffondere, e come vedi non siamo pochi.
Le voci per così dire "dissonanti" ci sono, ma se non hanno la dignità di tacere, come dice giustamente Cometa, tocca a chi legge ignorarle.

Sar@ ha detto...

Ciao...
Sono tristissima per quello che è successo a te e ai tuoi concittadini, e mi fa rabbia che si calpesti così la vita, per poi fare della retorica sui volontari e sui soccorsi che sembrano miracolosi...
Anch'io ho un blog, e volevo scrivere sul terremoto, se non ti dispiace metterei la tua testimonianza, è mille volte più vera di qualsiasi cosa potrei scrivere io...

paola (tivoli -roma-) ha detto...

Un abbraccio enorme a tutto l'Abbruzzo, a tutti coloro che con una grandissima dignità stanno affrontando il terremoto...un pensiero dolce a chi non c'è più...un grazie a chi sta, in questa immane tragedia, mettendo a disposizione le proprie forze...Anna ti auguro anzi vi auguro di poter tornare al più presto alla normalità, a riprendere la vostra vita...noi vi siamo vicini con il cuore la testa e l'anima!!!!
Un abbraccio enorme a tutti voi!!
Paola

La Mente Persa ha detto...

Calma ragazzi!
QUESTO BLOG NON E' UNA TESTATA GIORNALISTICA. ANNA SOFFRE, ANNA NON CREDO POSSA COLLEGARSI A INTERNET CON FACILITA'.
IL SENSO DEL SUO POST E' "L'ABBANDONO" DA PARTE DELLE AUTORITA' E IL DOLORE PER LA TRAGEDIA.
ANNA HA PERSO CASA E OGNI PUNTO DI RIFERIMENTO DELLA SUA VITA, RIFLETTIAMO SU QUESTO, A SUO TEMPO SARA' LEI A SPIEGARCI OGNI COSA!
GIO

Miranda ha detto...

Quanta disperazione...è inimmaginabile un dolore così...
Forza

Anonimo ha detto...

Veramente....la TV dice niente allora....Che strazio! Ciao

Daniele Florio ha detto...

Probabilmente ho sbagliato a dire che il blog sia una bufala e chiedo scusa all'autrice.

Credo invece a questo punto che il post sia stato scritto in un momento di disperazione e di stato confusionale... però non posso credere che i morti siano 1000 se i dati forniti da tutti protezione civile, vigili del fuoco, carabinieri, polizia, esercito, media indicano essere 280.

In ogni caso, le nostre parole sono solo chiacchiere... uniamo le nostre forze e doniamo soldi che di quelli ce n'è sempre bisogno

48580 donazione 1 euro

ciao daniele

La Mente Persa ha detto...

Esatto, cerchiamo di aiutarli e di fare pressione affinche' un domani, questa città e i suoi abitanti possano riavere una casa sicura.
A suo tempo avremo tutte le risposte.
gio

nicle ha detto...

Non ti conosco, ma il tuo blog mi ha molto colpito. Sono anche io una "sopravvissuta" al terremoto del 1980 e so perfettamente cosa stai vivendo in questi giorni.
Ho linkato il tuo blog sulla mia pagina di facebook.
ti sono vicina

Viviana ha detto...

Anna, la cugina di mia mamma ha detto le tue stesse cose.. lei da 9 giorni dormiva su una poltrona.. è scappata con la famiglia e non sa se la sua casa dentro esiste ancora, ora tutti sono a Roma a casa della madre.
ho i brividi per voi.. se puoi dicci come possiamo aiutarvi..
ti sono vicina e ti posterò sul mio profilo di facebook..
un abbraccio

Fabio ha detto...

I morti sono molti più di quelli censiti perché a L'Aquila vi erano tantissimi clandestini... di cui nessuno parla! Sono rimasti sotterrati negli scantinati che gli venivano affittati.

Leggete e guardate cosa dice byoblu in merito: clicca qui.

agnorisis ha detto...

Anna, per quello che può valere vi siamo vicini da tutta Italia: il terremoto non è colpa di nessuno ma chi sapeva ed ha fatto finta di niente, per leggerezza o peggio per qualche interesse, stavolta non riuscirà a cavarsela in silenzio. Hanno lo strapotere dei media, ma noi grazie ad internet possiamo essere un pò più vicini.
Resistete, un abbraccio.

Maurizio Pratelli ha detto...

è tutto così angosciante, ti abbraccio forte

Chiara ha detto...

scusa ma questa cosa mi sconvolge
dire che i media nascondono i morti è un'accusa grave, anche se non è del tutto incredibile...
ma come sai che sono mille?

Giusy ha detto...

La mia città in ginocchio ...i miei parenti ora per strada e dicono le stesse cose che dice Anna.
Vorrei urlare di dolore per la cronaca di una catastrofe annunciata.
Anna tu continua a scrivere se ce la fai ...
Sono con te.

Orsovolante ha detto...

Intanto tutta la mia solidarietà e comprensione a chi si trova a vivere una tale tragedia.

Poi vorrei capire da dove arrivano i numeri.
Purtroppo vi sono alcuni personaggi a cui in realtà ben poco interessa dei terremotati ma che stanno marciando sulla tragedia per tirare acqua al loro mulino.

Due o tre si sono già fatti vivi qui (tra cui uno che talvolta si spaccia per medico, altre per chimico o ingegnere civile e fin anche da pilota ... vero Arturo?)

Quindi, comprendo lo sfogo e la disperazione ma ti prego con certe notizie di darci anche la possibilità di verificare la fonte.

Pensa anche che altri vivono nell'angoscia di non riuscire a rintracciare parenti ed amici e certe notizie non possono certo rincuorarli.

Detto questo io temo che il numero delle vittime lo vedremo ancora crescere a lungo. Spero si fermi molto prima dei 1000 ma di sicuro non siamo ancora alla fine.

gg ha detto...

Anche qui da Bologna vi siamo vicini.
Purtroppo non son potuto partire con il gruppo dei Geologi per la protezione civile, ma vi siamo vicini nel nostro piccolo, con sms pro causa. Coraggio.

Anonimo ha detto...

Da Genova,non smettere di sognare.Guarda alla luna, ti porterà fortuna.Pap.

Anonimo ha detto...

Cara Anna ti ho letta su Indymedia e arrivo quì da dove parti, ne ho scritto e scrivo della tua terra che è anche la nostra, su http://www.reset-italia.net/
la Rete è tale perchè raccoglie, dacci informazioni appena puoi, precise. Del prima durante e poi.
Responsabilità coscenza bene individuale è collettivo, il dolore che devasta rimane singolare dopo le emozioni e il sentirsi partecipi come si può.
Abbiamo bisogno di voi, quanto voi di noi tutte e tutti. Senti il mio abbraccio forte come se davvero fossi vicina a te e ai tuoi cari che sono migliaia. Se credi invio anche sul tuo blog le informazioni di aiuti che si stanno formando da Roma, dal basso Anna, senza andare in voli alti che ricordano quelli dei condor.Sto per inviare la tua lettera dove posso.
Con amore
Doriana Goracci

Anonimo ha detto...

Ciao...ho letto della tua denuncia tramite il sito della repubblica.Tu parli di extracomunitari che sarebberò morti,sotto le macerie,perchè erano alloggiati nei scandinati.L'ultima parte me lo ha riferito un amico di rete...il fatto degli scantinati.
Ora voglio fare solo una valutazione pratica.Quei corpi devono pure apparire prima o poi.Lo devono trovare,non credi?Qualche scandalo deve pure scoppiare!!Per ora sta andano il tam-tam in rete...ma qualche giornale affamato di scoop,deve pur fare questo scoop per aumentare la vendita dei suoi giornali?Se vogliamo parlare cinicamente,vediamolo cosi...tutto fa brodo,purchè si sappia!!!
Perchè l'essere umano è solo un essere umano,senza colre di pelle o provenienza.Soffre come noi...ama come noi.
Abbraccio,Frederika.

Anonimo ha detto...

Anna ho scritto di te e per altre e altri. Titolo
http://www.reset-italia.net/2009/04/10/scrive-anna-laquila-non-ce-piu/

Scrive Anna: L’Aquila non c’è più

C'è il sole...si aprano le finestre.
Doriana Goracci

gg ha detto...

Se è vero quel che si dice è uno scandalo, ma bisognerebbe, oltre che denunciarlo, documentarlo con foto e video, per poter denunciare le istituzioni che hanno nascosto i numeri. Non è un discorso cinico, servirebbe per dare omaggio alle persone che che son morte senza un nome.
Senza documentazione, questa testimonianza (se è vera) potrebbe, ahimè, rimanere solo un'altra diceria da voci di corridoio.

armyz ha detto...

Che dire?
Hai tutta la mia comprensione.
Un grosso abbraccio e fatti forza.
Spero vivamente che ne esca una coscienza civica nuova grazie soprattutto a denuncie come la tua e quella di altri in rete.

Un abbraccio,
A.

Anonimo ha detto...

Anna sono vicino al tuo dolore e a tutti gli abruzzesi......per coloro che ancora dubitano dei 1000 morti faccio presente che L'Aquila ha o meglio aveva 72.000 abitanti e parlo solo della città, vogliamo mettere gli altri comuni colpiti?
280 morti?
2000 feriti?
20.000 sfollati?.......dov'è l'altra metà?

Daniele ha detto...

Sii forte. E parla.

Un abbraccio,
Daniele

Luc. ha detto...

Sei salva. Forza. Ti sono vicino.Un abbraccio. Luc

giulia ha detto...

Anna, la tua forza sia di esempio a tutti... Veramente sono senza parole non ne ho più, ma ti abbraccio forte... Facciamo sapere quello che dici. Inserirò il tuo post nel mio blog...
Giulia

Anonimo ha detto...

...so che non serve a nulla ma le mie lacrime sono per voi...

I Care ha detto...

Con tutto il cuore ti sono vicina

Anonimo ha detto...

Ciao Anna, nn ho parole x esprimerti il mio dolore, ma attraverso te abbraccio tutta la tua terra e chi oltre aver perso tutto, ha perso persone care... sei un'amica di Giulia e quindi anche amica mia e con te tuo marito; nn riesco a trovare le parole x esprimerti il dolore che provo...io sono su fb e lì ho postato un mio intervento in risposta ad un argomento...dice molto di quello che pensi tu e che pensano in tanti : te lo invio insieme ad un grandissimo abbraccio e con me tutta la Sardegna vi sta vicina...

Simona Serra Domani alle 11,00 se avete tempo, fermatevi e chiudete gli occhi...se avete tempo....


Alessandro S.

09 aprile 2009
Si, fermiamoci per rispetto delle vittime di una intera comunità, di una Regione duramente colpita : ma nn mi sento di chiudere gli occhi...nn voglio fare parte della " schiera " che
li ha tenuti chiusi per tanto tempo, tappandosi anche le orecchie...4 mesi di scosse continue avrebbero dovutofar aprire gli occhi anche ai ciechi...
Ogni volta ... è la stessa storia...vedrete, fra qualche settimana se ne parlerà molto meno, succede sempre così...nn fa più audience...Mi auguro che quella povera gente abbia una sistemazione "decente" e che la provvisorietà nn diventi una definitiva sistemazione ( come esperienze del passato insegnano ); personalmente ammiro il popolo italiano x la solidarietà che ha sempre dimostrato nei momenti critici come questo...ma mi fanno schifo le istituzioni che avrebbero dovuto, nn dico impedire, xchè sono eventi che purtroppo accadono, ma almeno cercare di limitarne i danni...
Come ??? con una semplice parola : PREVENZIONE ...!!!!
Io domani guarderò...

Alessandro

Dal profondo del cuore...un grandissimo abbraccio...

caramella-fondente ha detto...

Ti abbraccio e ti aiuto a diffondere il tuo urlo...

Emanuela ha detto...

urleremo

Anonimo ha detto...

le tue parole riescono a far gelare il sangue piu' del terremoto stesso.perche' se sapevano vi hanno tenuti li'?perche' permettere un cosi' alto numero di morti?convenienza?ma convenienza di che?ieri sera fra le tante ipotesi durante una cena ,qualcuno ha detto "questo terremoto e' capitato a fagiolo,ora l'economia si rialzera'..."IO faccio parte di un gruppo di volontari che raccolgono viveri e tutto quanto serve per gli animali ,vittime silenziose in quanto non possono chiedere aiuto,ma ci occupiamo di mandare giu' anche roba per le persone,per i bambini,uova di cioccolato,una magra consolazione,ma cerchiamo di fare l'impossibile,e dai nostri volontari sul campo scopriamo che nelle campagne,nessuno e' arrivato ad offrire aiuto,e manca tutto.ci sono tante cose che lasciano perplessi,troppe.Io non parlo di politica,perche' non mi piace piu'ne' la destra ne' la sinistra,e il centro secondo me non esiste,esiste solo una poltrona che chiamo verme solitario,chiunque ci poggi il kiulo sopra diventa vorace,e mangia tutto a discapito di tutti.Mi auguro solo che il popolo abruzzese riesca a riprendersi nel profondo.Le case si ricostruiscono,i lavori ricominciano,ma i morti ,quelli faranno male per sempre,soprattutto quando potevano essere evitate le loro tragiche fini. danielasanremo@yahoo.it ciao anna,un mondo di auguri!

ragno62 ha detto...

tremendo e difficile poter mettere un commento adato quando io sono nella mia comodità della mia casa

Giovanni Greco ha detto...

Quello che è accaduto in Abruzzo è immane siamo vicini al vostro dolore.

Anonimo ha detto...

Sono nato a l'Aquila ho parenti lì ho studiato lì. Conoscevo persone morte. La nostra bella città è morta

Lucio ha detto...

"La scossa precedente a quella esiziale, alle 23,30, circa, è stata riportata dai media come scossa di terremoto a Forlì. Vi rendete conto? A Forlì"
messaggio 8 aprile 2009 2.55

hai perfettamente ragione, abito a Tivoli, nella parte alta del paese, la scossa che vi ha distrutto, non l'ho avvertita, mi ha letteralmente buttato giù dal letto, una perfetta sensazione di impotenza. Guardai subito il televideo, per capire come, dove.. parlavano di Forlì! solo 1 ora dopo, nella scossa successiva delle 4.30 il televideo menzionò l'Aquila.. un caro abbraccio

Carlo from Adelaide ha detto...

I can not find words to show the sadness in my heart, I also have family that lost everything they worked for in l’Aquila.
I am wishing all of you all the best from Australia.
Someone has written:
Though nothing can bring back the hour of splendour in the grass, of glory in the flower, we will grieve not; rather find strength in what remains behind.
When someone you love becomes a memory, the memory becomes a treasure.

Gatta bastarda ha detto...

Immaginavo che i giornali e tv non dicessero tutto ma non fino a sto punto... ti siamo vicini e cercheremo di aiutarvi per quanto possibile.

Anonimo ha detto...

Ho appena letto di te e di quello che sarebbe effettivamente successo. Sembra incredibile, un altro mondo. Ci presentano le cose che vogliono e noi tutti che crediamo di sapere....
Poveri illusi che siamo!! Nel partecipare al tuo dolore contribuisco come posso alla ricostruzione di una città meravigliosa. Coraggio. ADJ

estrellazul ha detto...

Ciao Anna, ti ho appena conosciuta arrivando da un altro blog, perché cercavo informazioni piú vere di quelle che posso leggere sui quotidiani online, visto che sono immigrata in perú da un pó di mesi ormai. Che i media raccontino una realtá virtuale, me ne sono accorta dopo la manifestazione di genova in cui morí carlo giuliani, io c'ero e lí ho capito. E' importante poter contare con testimonianze come la tua

Anonimo ha detto...

Ciao Anna, mi chiamo Simonetta e sono aquilana. Da due anni vivo a Milano perché non avevo più un lavoro e dopo aver lottato e sofferto tanto nella mia città sono dovuta andare via, con mio marito e mia figlia. Certo oggi questo assume un significato diverso per noi...la vita a volte.
Quello che mi chiedo come te, come mai nessuno abbi adetto nulla. Il papà di mia figlia che vive a LAquila (leggi viveva perché ora è ad Alba Adriatica come tanti) sarebbe veuta a prenderla il martedì ed io gli avevo detto che quelle scosse che avevo sentito a natale quando ero venuta a trovare i miei, non mi convincevano e per questo gli avevo consigliato di andare al mare per qualche giorno.
La notte di dommenica ho dormito stranamente con il cellulare acceso e lui mi ha svegliato alle 3,38. Da lì in poi un delirio. Telefonate a mio padre ai parenti agli amici a tutti...ti lascio immaginare. dopo un apio di giorni sono venuta giù perché avevo bisogno di stare di persona nella mia terra. Ho dentro la ferita, grande e tante emozioni. Tornerò giù per la metà di giugno e ti scrivo perché sono una fotografa, se ti venisse in mente qualcosa da denunciare che si possa raccontare con la fotgrafia o qualcosa da suggerirmi puoi contattarmi al mio indirizzo mail. Tu non mi conosci, io ti vedevo passare a Costa Masciarelli, da quelle parti aveva lo studio di grafica un mio amico e forse sei la sorella di una prof che mi dava lezioni di greco e latino...simonettacaruso@hotmail.it
mi farebbe piacere conoscerti, il terremoto deve ricondurci all'uomo, l'uomo all'uomo, sai di cosa parlo...un abbraccio

Cappanella ha detto...

ciao Anna, quello che è successo a L'aquila mi ha molto turbata e cerco sempre di avere notizie sugli sviluppi, oggi ho letto su Micromega la lettera di Andrea Gattinoni
http://www.facebook.com/ext/share.php?sid=88968927554&h=9VTva&u=Wh2bi
e ne sono rimasta sconvolta, l'ho condivisa su fb e mi sento dire che ci sono polemiche, che è stata smentita anche dai ragazzi dei centri sociali impegnati lì.
Ricordavo di aver letto il tuo primo post dopo il terremoto e sono tornata a cercarti per sapere da te cosa ne pensi, cercando su internat ho trovato di tutto, molte testimonianze di abbandono come quella tua e di Andrea ma anche storie sull'america che tiene in ostaggio i governi stranieri con la minaccia di scatenare un terremoto con l'uso di certi apparechhi...mah! non sono una che lancia allarmi infondati ma voglio contribuire a diffondere notizie sulla vera situazione della popolazione aquilana, non sono un giornale , ho solo il mio spazio su fb ma vorrei divulgare la realtà che la "stampa corretta" (da mister B) non dice.
sul mio blog c'è il mio indirizzo al quale se vuoi puoi rispondere, Ti faccio tanti auguri e ti abbraccio.
Antonella Cappai

Anonimo ha detto...

http://www.wallwisher.com/wall/seiaprile

Diffondi la voce!!!