giovedì 30 aprile 2009

Precisazione

Mi corre l'obbligo di una precisazione. E la faccio riprendendo il commento di La Donna Cannone http://blog2piazze.blogspot.com/ , che mi ha lasciata basita. Lo riporto :
" Mi sorprende che manchi così tanto la luce della razionalità in decine di commenti che mi precedono. Anna, fatta la tara sulla situazione gravissima in cui ti trovi, e quindi sullo sconvolgimento emotivo, credo che in queste tue parole ci sia una grave mancanza di obiettività, o lucidità.In situazioni così gravi, serve una organizzazione che gestisca decine di persone. Non sono lì per prendere in considerazione gusti personali, hobby, passioni, idiosincrasie politiche o religiose, ma per gestire una massa che non ha più nulla.Vorrei sapere che alternative proporresti. E vorrei leggere in questi post dei dati, delle informazioni, non solo degli sfoghi di pancia. Comprensibili, sì, ma se preannunciati come tali, non spacciati per informazione.Detto questo, rinnovo il mio augurio che ogni giorno la situazione sia migliore e la sofferenza minore.Che si traccino nuovi legami solidali e che dal fango rinasca la vita"
Credo che sia visibile agli occhi di tutti che io qui non stia facendo giornalismo. Non sono una giornalista e, qualora lo fossi, non mi trovereste a sciacallare su una tragedia che mi coinvolge in prima persona.E che coinvolge la mia terra. Io sono io e basta. La Miss Kappa di sempre. Quella che molti di voi conoscono ed altri stanno imparando a conoscere. Non dispenso verità assolute. Riporto quello che vedo e giungo alle mie conclusioni.E dico la mia. E gestisco questo spazio come meglio credo. Rivolgo a tutti l'invito che ho rivolto alla Donna Cannone: se ritenete che il luogo sia fazioso ed inutile, volate altrove. L'informazione potete trovarla da Bruno Vespa, ma anche da Il Manifesto.O da Libero. Cercatevela dove meglio credete. Qui si viene a trovare me, come sempre. Donna Cannone, mi spiace deluderti, ma non scriverò prima di ogni post " queste sono le opinioni di una povera terremotata non dotata di lucidità ed obiettività, per cui, prendetele con le dovute precauzioni". Ritengo di essere sufficientemente lucida per poter raccontare ciò che sento e vedo. Se non ti sta bene, vola altrove, oppure porta il tuo sederone qui e poi ci racconti la tua.

88 commenti:

Elle ha detto...

ciao, Anna.
e.. lasciali perdere... non meritano altro che silenzio.

Anna ha detto...

Elle, ho risposto a La Donna Cannone perchè la conosco come blogger da tempo. Ed a Matteo perchè spero di incontrarlo qando verrà a L'Aquila.
Gli anonimi li ignoro....

Anonimo ha detto...

che dirti Anna..
la cosa ridicola, si fa per dire, è che chi si arrabbia per "leso volontariato di protezione civile" non si rende conto che queste misure sono idiote e pericolose prima ancora che odiose per chi le subisce. Da volontari della protezione civile io mi aspetto che siano in grado di gestire gli eventi per cui dovrebbero essere stati costosamente preparati. Non c'entra nulla la generosità gratuita del singolo volontario. Per capirsi: se faccio il volontario su un'ambulanza devo essere in grado di intervenire se mi capita di soccorrere un trauma spinale piuttosto che un infarto. Per far questo si riceve un costoso (per la collettività) addestramento. Ora qualcuno gentilmente mi spiega chi è il genio che addestra una squadra di protezione civile a tenere chiuso a chiave di notte un campo di terremotati dove ci sono molti anziani e rischi di incendio? Infatti il problema si è presentato, fortunatamente in modo per ora lieve.
Grazie per far sentire la tua voce.
paolo

Anna ha detto...

Vorrei far presente a quanti arrivano su questo blog che Monique e Marco sono stati introdotti da me presso i campi dei quali vi parlano.Io li ho portati ad Arischia e a Spogna. E vivono nel mio accampamento. Li ho aiutati con piacere perchè sono persone generose e perchè credo che un occhio esterno alla tragedia possa essere prezioso.

Serenella ha detto...

Cara Anna, credo che la donna cannone volesse mettere in evidenza che situazioni come quella del terremoto non sono di semplice gestione e che, nella globalità degli interventi, oggettivamente non tutti negativi,può accadere qualche disfunzione. Nessuno condanna te per aver riferito quelle che tu sottolinei essere delle gravi carenze, almeno , io non lo faccio. Si pensa soltanto che vivendo in uno stato di estrema difficoltà materiale e psicologica, forse non si è completamente obiettivi. Detto questo ritengo che chiunque soffra abbia il sacrosanto diritto di essere arrabbiato e di manifestarlo. Mi piacerebbe, anche se so essere impossibile, sentire la voce di tutti gli altri che vivono sotto le tende.
Un pensiero costante a voi tutti e un augurio che la situazione si risolva nel più breve tempo possibile e nel migliore dei modi.

Anonimo ha detto...

Vorrei far presente a quanti arrivano su questo blog che Monique e Marco sono stati introdotti da me presso i campi dei quali vi parlano.Io li ho portati ad Arischia e a Spogna. E vivono nel mio accampamento. Li ho aiutati con piacere perchè sono persone generose e perchè credo che un occhio esterno alla tragedia possa essere prezioso.

secondo te sono di destra o di sinistra?

zefirina ha detto...

oh my god!!!!!!!

anna ti tocca fare un esorcismo!!!!!

ma chi è che ha perso tempo a ricopiarti encicliche papali ed altro???

per quanto riguarda le critiche per quello che scrivi, tu non hai bisogno di avvocati difensori ma non posso stare zitta: si capisce chiaramente che tu nonhai mai voluto essere una portabandiera di chissà quale pensiero politico o filosofico, o detentrice di una verità assoluta, come molti di noi, blogger, vuoi semplicemente esprimere in piena libertà le tue considerazioni, le tue emozioni, il tuo modo di vedere e di vivere la tua, riperto tua, vita, i predicatori, i capipopolo sono altri e mi pare che a noi non piacciano un granchè, a noi che ci sentiamo empaticamente vicini a te, credo che sia così per molti di quelli che si possono dire tuoi "amici".

Bruna ha detto...

Intervengo solo per dire che quello che davvero mi sembra di cattivo gusto siano questi messaggi assurdi messi qui solo per occupare spazio. Mi sembra di cattivo gusto anche nei confronti di chi legge questo blog. Quindi, se pensate di essere scorretti solo con Anna, vi sbagliate e dimostrate solo il contrario di quello che dite!

ulivinico ha detto...

Altro che sciacallaggio da parte di persone che chiedono soldi per tenere gli oggetti dei terremotati e altro che inefficienza della Protezione Civile...
..basta leggere questi commenti per capire il grado di bestialità dell'italiano medio, che dispensa consigli a una persona sfollata, costretta in una roulotte.
Eh certo, Anna dovrebbe essere più pacata, non deve prendersela col papa, con la protezione civile...
....oh! Ma la comprensione per chi vive in quella condizione no? La libertà di parola e di espressione non dice nulla? Perchè non andate a vedere coi vostri occhi? Mah!?
Anna, mi sa che come sta succedendo con Byoblu, vogliono metterti al silenzio, con pressioni psicologiche e altro. Se dai troppo fastidio, poi devi essere pronta a un bel combattimento...ma questo lo stai già facendo.
L'unica soluzione secondo me è far si che questo blog sia conosciuto il più possibile. Scrivi a Byoblu,DiPietro,Travaglio,PieroRicca,Grillo,Luttazzi, JacopoFo.
La tua è una testimonianza importante.
Auguri.

Bruna ha detto...

Chi ha perso tempo a ricopiare lo stesso messaggio più volte? (Credo che sia lo stesso perchè nessuno si metterebbe mai a leggere un messaggio messo lì apposta per distrurbare: brutto, bruttissimo usare un messaggio religioso per 'dare fastidio'! Occhio, signori miei!) Ebbene, si tratta di qualcuno che vuole dimostrare che in effetti non sa affatto cosa significhi la parola amore e rispetto, soprattutto dopo quello che ha detto Anna nei messaggi passati! Un po' di correttezza, grazie! Anna ha le sue idee. Dimostrate di saperle rispettare! E sappiate che non è detto che io la pensi esattamente come Anna, però potreste farmi cambiare idea e condividere tutto quello che dice!

Donatella ha detto...

Rimango senza parole quando vedo l'idiozia di certi"anonimi"
Mi ricordano molto il "branco" l'individuo preso singolarmente è pressochè innocuo ma quando preso in branco è distruttivo.
Questo branco di "anonimi" che arrivano per ridicolizzare o per offendere mi disgustano.
Sono convinta che ormai la repubblica delle banane sia al'ananas!

Pillole Di Psicologia ha detto...

Mi permetto di ri-postare un commento che ho fatto in precedenza, perché mi sembra molto pertinente a quanto scritto da Anna e da Donna Cannone:

Io credo che non sia giusto fare di ogni erba un fascio. Credo che non sia giusto accusare i 5000 volontari della protezione civile, perché dicendo "la protezione civile" si colpiscono persone in carne ed ossa e probabilmente la maggior parte di essi svolge il proprio lavoro con umiltà e convinzione. Credo che sia oggettivamente estremamente complicato gestire catastrofi del genere, ed è del tutto naturale che le persone commettano degli errori nel farlo. Credo, naturalmente, che moltissime persone che fanno volontariato (tra cui matteo) debbano seriamente interrogarsi sulle motivazioni che li spingono a farlo: non è un giudizio, perché non c'è niente di male, ma è vero che spesso le motivazioni più profonde sono differenti dal "vero" altruismo (bisogno di potere, di ammirazione, di gratificazione, di essere ringraziati, e così via...).
Ma è così per tutti, anche per quelli che giudicano i volontari come Matteo. Non è giusto giudicare le persone in momenti di stress simile. Non è giusto giudicare neanche Matteo, perché probabilmente si sente chiamato in causa, offeso da critiche non rivolte a lui. Forse è per questo che è sbagliato dire un generale "protezione civile". Tutto ciò ha portato matteo ha dire delle, per usare un termine tecnico, "stronzate", però da ciò non possiamo passare ad insultare gli altri 4999 volontari presenti.

Ovviamente non è giusto giudicare Anna, perché è la reazione minima che possa avere in una situazione così stressante. Sebbene mi sembri una donna forte, ovviamente in questa situazione non è oggettiva, ed è giusto che sia così. Le parole di Anna hanno un valore immenso, per quanto mi riguarda meriterebbero di entrare in un piccolo pezzettino di storia, ma hanno valore perché rispecchiano un VISSUTO, che è del tutto personale.

Non credo che il valore delle sue parole sia l'oggettività, la razionalità. Sinceramente, perdonatemi per questo, quando leggo i post di Anna fatico a pensare: "è sicuramente così, guarda la protezione civile che ti pone in stato di polizia"; però penso: "caspita, deve essere terribilmente difficile vivere una situazione del genere, soprattutto da parte di Anna, ma anche da parte di molte persone arrivate per aiutare". Il valore delle sue parole è dato dal fatto che lei coraggiosamente ha deciso di condividere con noi le sue intime emozioni. Faccio fatica a condividere alcuni suoi "attacchi", ma io sono seduto sulla mia comoda poltrona, e da questa posizione non ho il minimo diritto di giudicare.

Nemo ha detto...

Come sempre, io passo da qui a trovare la mia amica Anna, cercando, per quanto possibile, di farle sentire la mia vicinanza.
Non mi aspetto di trovare notizie da prima pagina, ma solo l'apprezzata, ammirata, combattiva Anna di sempre.
Con tanta stima.

Stefi ha detto...

Ciao Anna,
hai fatto bene a precisare..!!:-) e poi...scommettiamo che tu e Matteo diverrete amici??
Infine ti rivolgo una "preghiera" di ordine pratico: potresti democraticamente lasciarne solo uno dei commenti "santi e apostolici".. che ho impiegato tre ore per scorrere tutta la pagina??...
Grazie! :-)
Un forte abbraccio purtroppo da lontano
Stefi

Mary Valeriano ha detto...

Un blog è il territorio di chi lo ha creato. E' cosi semplice da capire! Eppure... La gente è proprio scema.
Non farti scoraggiare Anna.

la sorella bionda ha detto...

In effetti non capisco,un blog è un diario personale,se lo si vuole leggere,lo si fa,restando sempre nel rispetto di chi lo scrive,ma uno sarà libero di scrivere quello che cavolo gli pare sul SUO blog o no?
Se volete obiettività,c'è l'ansa,c'è il tg 4..!!

Io nemmeno mi permetto di immaginare lo stato d'animo di chi è li e non ha più un cazzo,manco un paio di mutande sue,neanche più le sue fotografie della vita.
Potrebbe darsi che me la prenderei ocl mondo,può darsi ocn nessuno,può darsi tutto.
Ma lascio che gli altri siano liberi di dirci come si sentono li.

..quanto ve piace baccagliare su tutto,giudicare,sentenziare..state tutti un pò in pace cribbio!!

alidicera ha detto...

Premessa ad uso e consumo di quanti mi tacceranno di faziosità: mi permetto di aggiungere la mia in qualità di volontario in ambulanza e presente in quei luoghi il giorno dopo l'accaduto per 2 settimane.
Chiunque e ripeto chiunque sia stato in quei posti non può non dire che ci sia stato e probabilmente c'è ancora un deficit di organizzazione. A titolo di banale esempio la prima sera dopo la tragedia molte tende non sono state montate per il semplice fatto che nessuno sapeva dove montarle. Deficit organizzativo derivante da gravi carenze di programmazione ancora più gravi se si pensa ai fatti precedenti alla tragedia.
Adesso con una organizzazione di tipo militare si cerca di inquadrare in logiche che non appartengono alla società civile, il dissenso. Per capirci in una: ad un inquadrato militarmente non è permesso lamentarsi, ma solo di eseguire gli ordini.
In questo modo si coprono le mancanze di cui sopra e sopratutto si zittisce il dissenso.
La proposta reale e di facile attuazione è il coinvolgimento nella fase organizzativa ed attuativa degli ospiti dei campi. La protezione civile o chi per essa dovrebbe mettere a disposizione i mezzi e l'esperienza nella gestione delle emergenza ed essere di supporto, nell'organizzazione dei campi che dovrebbe vedere il forte coinvoglimento degli ospiti stessi. Ci sono mamme e nonne in grado di sfamare 1000 persone molto meglio di quanto non siano capaci i volontari della protezione civile. Nessuno qui attacca la buona volontà dei volontari (altrimenti sarei schizzofrenico essendo io stesso uno di quelli), quello che si rileva sono le tante falle dell'organizzazione. Falle che magari non impedisco la distribuzione di un pasto caldo ed una branda a tutti al coperto a tutti, ma comunque falle che impediscono una parvenza di vita normale e che potrebbero essere risolte se solo le si ammettesse.
Gli abitanti di quelle zone non devono essere aiutante per spirito caritatevole, ma, gli abitanti di quelle zone, hanno il diritto alla solidarità in quanto facenti parte di una cominità che hanno contribuito a far nascere e crescere. Comunità che qualcuno chiama "Italia"

ZeruTituli ha detto...

Dici di non voler fare informazione ma la notizia "ENORME" dei 1000 morti l'hai data.
Continui a ribadirla o era una bufala?

tarta ha detto...

Non mi fermo a leggere i commenti qui sopra
mi dispiace molto Anna di come stai girando le cose
è vero ... questa è casa tua ... ma è pur sempre una casa pubblica dove quello che scrivi vuoi tu stessa che venga letto e commentato
purtroppo in questo momento in base a quello che scrivi è logico che alcuni si schierino con te e gli altri contro
quello che mi dispiace è che tu usi i commenti delle eprsone per scrivere dei post che nascondono solo rabbia per la tua situazione
l'obbiettivià in effetti ti manca
e credo sia dovuto al fatto che ormai sei stremata
perchè invece che fermarti a perdere tempo a scrivere cattiverie su chi ti è contro non te ne vai via qualche giorno? ..... non è vigliaccheria credimi ... è solo riprendere la situazione in mano
perchè ti sta proprio sfuggendo .... scrivi come se solo tu fossi l'angelo custode del tuo campo e nella realtà non credo sia cosi e non credo lo pensino nemmeno i tuoi concittadini
sarebbe bellos e tu raccontassi qualcosa .... l'andare di ogni giorno
con qualche critica ma anche con qualche merito per chi merito ce l'ha
i tuoi due amici .. da te invitati e ospitati nel tuo campo ... non sono gli unici a far del bene
e il fatto che li abbia invitati tu non li rende sicuramente più bravi di molti altri
meno critiche e più obbiettività

serenella ha detto...

X alidicera. Io in televisione ho visto che in alcuni campi le signore più anziane (o comunque chiunque volesse) ha messo a disposizione le sue capacità per aiutare la comunità, proprio come dicevi tu. C'era chi cucinava, chi tagliava i capelli ecc...). Non può essere che in alcuni casi l'organizzazione abbia funzionato e in altri no?

Anonimo ha detto...

Qui nessuno capisce un cazzo.
Volete capirla che i campi funzionano bene, che ci vuole ordine proprio perchè la situazione è grave e potrebbe degenerare in un disordine diffuso e pericoloso per la stessa incolumità delle persone coinvolte? Si tratta di migliaia e migliaia di persone allo sbando. La protezione civile mantiene l'ordine necesario in queste circostanze. Io sono odontotecnico: sono stato 4 girni nei campi e in questo tempo ho sistemato 40 protesi dentarie, in modo completamente gratuito. Se avessi agito come libero professionista l'operazine sarebbe costata 20.000 euro. Invece non abbiamo fatto spendere neanche un centesimo. Smettetela di dire cazzate o chiederemo l'oscuramento di certi siti. Onore ai morti.
Giorgio da Ancona

Anonimo ha detto...

La piega che ha preso questo blog è davvero pessima. Mi dispiace per Anna e per quelli che credevano di aver trovato un punto di vista reale sulle cose.
Qualcuno ha chiesto se Monique e Marco fossero di destra o sinistra, ironizzando credo.
Già, loro saranno pure di sinistra ma certamente i volgari troll di oggi sono di destra altrimenti non si spiega tanyta stupidità e volgarità.
Anna a 'sto punto censura!
Un bacio Miryam

Anonimo ha detto...

quoto in pieno Xeru Tituli:
Dici di non voler fare informazione ma la notizia "ENORME" dei 1000 morti l'hai data.
Continui a ribadirla o era una bufala?
.........
e ti faccio la stessa domanda, alla quale sei troppo fasulla per rispondere.

Anonimo ha detto...

"all'anonimo a luci rosse: SCRIVI ANCORA E ANCORA E ANCORA E ANCORA."

Senti malato questo commento te lo sei scritto da solo certamente come tutto quello che fai da solo e si capisce dal tuo livello di esaurimento!
Che vergogna!

Nicola ha detto...

Sono vicino a te e a tutti coloro che si trovano su quella terra mortificata. E' troppo facile pontificare quanto determinate situazioni non si vivono. La massa che non ha piu' nulla è fatta di persone che hanno una dignità e dei sentimenti che devono sempre essere rispettati.

arrgianf ha detto...

Anna faccio subito un post con il tuo punto di vista. Poi mi fai sapere se ti piace.

Anonimo ha detto...

Embè, se vi divertite a copia/incolla... beati voi!
E pensare che qualcuno starà anche lavorando mentre perde tempo a scrivere cretinate...ma se il vostro piccolo cervello si diverte così...
Che pena!
Anna intervieni.
Miryam

Artemisia ha detto...

Ma uno potra' scrivere quello che vuole sul suo blog, no?

Anna, dammi retta, rimetti la moderazione o cancella un po' di quelle sbrodolate sopra.
Mamma mia, porella!
Non le bastavano i problemi che aveva!
Un abbraccio,
Artemisia

Anonimo ha detto...

diciamo che a qualcuno danno fastidio le molte visite a questo sito e non gradisce nemmeno il fatto che si possa commentare anonimamente (liberamente) e quindi fa di tutto per far si che le cose cambino. io promuovo gli spazi aperti a tutti e credo che non ci vogliano più di tre righe per capire quale sia la natura dei commenti. Anna continua così! facciamo capire cos'è una Persona a tutta questa gente che ama gli automi.

Anonimo ha detto...

Anna lasciali perdere, non vale la pena incazzarsi con i meschini.
Grazie per il fatto che ci tieni aggiornati, continua così. Una cosa mi ha colpito vedendo tante di quelle infami interviste ed è la vostra straordinaria dignità.Io sono sardo e sai che noi non sopportiamo molto chi si piange addosso e vedere gente che ha perso tutto, figli, genitori, fratelli, casa e i ricordi di una vita reagire con forza d'animo e, ripeto, con straordinaria dignità, mi ha commosso tantissimo, vi avrei voluto abbracciare tutti. Occhio adesso alla ricostruzione,state attenti agli sciacalli di stato, pensa che a La Maddalena i lavori del G8 costavano 3800€ a mq a fronte del prezzo normale di 2000€ a mq che chiede una qualunque impresa per costruire una villa di lusso, ma non si poteva fare niente perchè c'era il segreto di stato e nessuno poteva ficcare il naso. Tenete duro, ho visto che il carattere non vi manca.
Ciao a presto.
Paolo Deliperi (deliperi@libero.it)
p.s.ho chiesto la tua amicizia su fb

alidicera ha detto...

serenella, tutto può essere: può essere vero (e sopratutto quotidiano) quello che hai visto in tv, può essere che quello che hai visto in tv sia una racconto ad arte della situazione (in questi giorni ha piovuto, non oso immaginare gli acquitrini che si sono formati nelle tendopoli e immagino il motivo per cui nessuno in questi giorni vada a farsi riprendere nelle tendopoli), può essere che l'organizzazione sia diversa tendopoli per tendopoli per cui in una tenpoli è consentita l'autorganizzazione in altri no, può essere che io abbia mentito, può essere che Anna sia al soldo della propaganda comunista...
Tutto può essere e l'unico modo per togliersi ogni dubbio è andare di persona e chiedere in giro. L'importante che non mi si dica che tutto va bene perchè lo dice la tv.

Qualcuno che fa domande in giro c'è: http://www.youtube.com/watch?v=8gCHie-wimU

non che questo video abbia il certificato di autenticità o perlomeno è autentico tanto quanto quello che vedi in tv.

Perciò sta a tutti noi capire chi racconta la realtà e chi la manipola.

ragno62 ha detto...

sono assurdi questi interventi a luce rossa, fea l' altro possono dare anche problemi legali, e quelli su l' aluce vago. basta con queste buffonate

NADIA ha detto...

hola querida,
non ho parole non capisco chi si diverte a fare copia incolla o addirittura questo schifo di racconto a luci rosse...ma lasciamo perdere forse non hanno niente da fare beati loro.....

certo che il tuo blog a preso una piega sbagliata querida, io sono dalla tua parte ma a volte quello che leggo mi lascia stupita!!!
credo che dovrai riprendere a controllare i commenti eviteresti tante stronzate che la gente scrive!!!
ti abbraccio forte!!!
hasta siempre!!!!

arrgianf ha detto...

Anna il post l'ho fatto e l'ho citato, ho messo il tuo punto di vista e le tue parole. Però non ho voluto "appoggiarlo". Mi son solo limitato a far conoscere il tuo pensiero. Spero tanto che stai dicendo cose non vere, mi dispiace troppo quello che sta succedendo e che dici succede :(

Anonimo ha detto...

Se ti servisse saliva a fiumi da scaricare sulle 1000 facce di giullari,perbenisti, vespisti,tuttologi e quant'altro conta su di me. Donne cannoni, mattei, servi, allineati, inconsapevoli, figli di fede ecc. abbiate almeno la voglia di imparare l'unico sentimento che vi abbisogna: LA VERGOGNA. Grazie Anna.
Giovanni

Anonimo ha detto...

Bella risposta Anna :D
Ci è piaciuta tanto a qui a casa. Una casa piena di studenti abruzzesi atei fuorisede!
Siamo con te e ti leggiamo tutti i giorni :)

un abbraccio da parte di tutti noi!

p/s
Matteo ma ancora ci vuoi andare a l'Aquila??? °_° Su, su, su... Cambia meta ;)

Anonimo ha detto...

All'Anonimo che posta le interminabili parti di testi sacri. Vedi quello che devi fare cumpà, scognati!

studenti abruzzesi atei

Lucien ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lucien ha detto...

Facile parlare e pontificare dal calduccio della proprio abitazione.

Andrea rm ha detto...

A questo articolo trovate alcune dichiarazioni che lasciano intravedere la possibilità che non ci si fermi alle 300 vittime, purtroppo.

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=56527&sez=HOME_INITALIA

Ciao Anna, seguo il blog da quando il terremoto ha devastato l'Abruzzo.
Quello che posso fare lo sto già facendo, non c'avrò 10 anni di "volontariato" alle spalle ma certi "volontari" è mejo perdeli che trovalli, se poi ti rispondono che stanno solo eseguendo gli ordini.
'Sta frase l'avemo già sentita qui a Roma da chi ha trucidato 335 persone 65 anni fa e fa ribrezzo perché svuota il singolo di risponsabilità, spersonalizzando qualsiasi azione.

Non far "deviare" i tuoi racconti quotidiani da commenti pretestuosi e polemici nei tuoi confronti.

Ti prego di continuare a raccontare ciò che vedi e come lo inerpreti. E' molto importante far giungere quelle informazioni a quanti più possibile.

Molti sono in grado di capire a cosa ti riferisci, qualcuno invece per difendere i suoi superiori, le decisioni che essi adottano sulla pelle di tutti, il colore della divisa che indossa ancora non ci riesce e non capisce che non si tratta di un attacco personale al proprio operato ma alla gestione della situazione in generale.

Saluti resistenti dalla prov. di Roma

Andrea

ashasysley ha detto...

Che dire, la cosa si commenta da sola.
Speriamo solo che tutte le encicliche papali e parabole connesse, ci portino un pò di fortuna e smobilitino qualche santo per l'Aquila.
Ci vorrebbe infatti proprio un miracolo.

Le Favà ha detto...

Io ti lascio un abbraccio.

Anonimo ha detto...

Passo per lasciarti un abbraccio Anna... sulla tua lucidità mentale non avevo dubbi, mentre mi accorgo che qualcuno ha davvero bisogno di supporto psicologico... cosa mai può farlo stare tanto male da schizzare di brutto in questo modo? Quali verità non vuole sentire, quali notizie non riesce proprio a metabolizzare?
Anna, cerca di stare bene e non dare peso alle critiche, sei a casa tua qui e sei libera di scrivere quel che ti pare...
Francesca - Vicenza

Anna ha detto...

@Tarta,
ti rispondo perchè hai un blog e ti ammanti di autenticità. Il consiglio che mi offri lascia il tempo che trova. Mi è stato offerto da amici sinceri, ma io resto qui e continuo a guardare le cose come più mi piace.Ed a fare ciò che desidero, te ed altri permettendo. Ho dato una scorsa al tuo blog. Frettolosa ahimè, per via della connessione. Scopro che sei una volontaria e che sei stata a prestare soccorso qui.E le mie convinzioni si vanno rafforzando tenacemente. Evidenzio solo una cosa: la città che hai visitato e che ora è devastata dal sisma si chiama L'AQUILA. Con tanto di articolo.Sai, noi sciocchi terremotati, ci terremmo affinchè non ci decurtiate anche di quello.
Sei stata a L'Aquila, capoluogo della regione Abruzzo. L'AQUILA.

Daniele Verzetti, il Rockpoeta ha detto...

Cara Anna solo due parole per questo tuo ultimo post: STANDING OVATION.

Sono sempre al tuo fianco. E non solo io come ben puoi vedere!

Daniele

Anonimo ha detto...

Ciò che dici è vero solo sulla carta, cioè è falso. Sono rappresentante di autorevoli marchi industriali e commercilali e sto in Abruzzo la metà della mia vita, per lavoro; e ti posso assicurare che il capoluogo vero della regione Abruzzo è Pescara. A l'Aquila, città storica e bellissima che avrebbe dovuto investire completamente sul turismo (non quello religioso di una buffonata chiamata Perdonanza, ma quello vero)non c'è niente: è solo un centro di potere, pieno di uffici centrali o periferici assolutamente inutili e improduttivi, pieni di burocrati e impiegati di clientele politiche di tutti i colori, che lavorano con il mal di pancia dalla mattina alla sera. Io ho incontrato in questi uffici decine di persone non valide, assenteiste, raccomandate, e ne ho girati tanti. Altrove non ho vissuto queste esperienze. Senza fare di tutt'erba un fascio, dico che a L'Aquila queste situazioni assolutamente improduttive si toccavano con mano. Speriamo che il futuro non sia più così, speriamo che la vostra città sia ricostruita come si deve, in una funzione storico-artistica-turistica che sicuramente le appartiene e le compete, ma speriamo pure che tutta la pletora amministrativa sia trasferita per sempre in altro luogo. Spero di essere stato obiettivo.
Luciano - Trevi (PG)

Lumumba ha detto...

@Anna
il poveretto che sta cercando di sabotare il tuo blog lascia messaggi anche agli altri tuoi post precedenti.
Se qualche tenico (hacker) passasse di qua e avesse voglia di far passare un brutto quarto d'ora (informaticamente parlando) al nostro buon tempone...

Anna ha detto...

@Anonimo di Trevi,
il tuo punto di vista non è obiettivo, ma puo essere condivisibile.Senz'altro è fuori luogo.

tarta ha detto...

non sono sta a L'AQUILA Anna .... li da voi ci è stato un'amico che fa parte fra le tante cose di Medici senza frontiere ..... ha visto cose diverse in posti diversi ....
l'articolo può essere importante non lo metto in dubbio .... anch'io vivo in una frazione che finisce con D'Asolo ..... e a volte qualcuno sbaglia ..... non significa decurtare nessuno di qualcosa .... è un puro e semplice errore
e io ... alla luce di questo .. continuo a pensare che devi mollare e farti aiutare
sei troppo sotto pressione

tarta ha detto...

p.s. quelle foto non sono state scattate a L'AQUILA .... ma ad Ocre ... e l'articolo è stato scritto dal mio amico
è giusto che la sua eprsonale esperienza la racconti lui
e seguiranno altri scritti

LeleTesla ha detto...

Ciao Anna, grazie per tuoi articoli e le discussioni che hai stimolato. Grazie a te forse qualche altro sonnecchiante nel bene o nel male si risveglia o incomincia a dormire scomodo. Per favore non ti arenare sulle polemiche inutili che i troll inseriscono per demolire il tuo blog.
In definitiva fottitene e continua a tenerci informati su quello che stai vivendo e vedendo in questi giorni a L'Aquila.
Grazie
Lele

Anna ha detto...

@Tarta,
faccio ammenda, ma ho letto solo il post che trattava del terremoto. La valutazione rimane identica. Vedi, il tuo paesino credo sia sconosciuto ai più. L'Aquila è, al contrario, un capoluogo di regione. Quindi chi la chiama Aquila più di una volta non commette errore,è semplicemente ignorante.
Ancora non riesci a farmi perdere la pazienza, so che ci stai provando tenacemente. Ti comunico,però, che la prossima volta che mi inviti a mollare ti caccio da questo posto, purtroppo solo metaforicamente, a calci in culo. Spero di essere stata chiara.

P.S. Vedo bene che le foto non ritraggono L'Aquila, conosco la mia città meglio delle mie tasche. La precisazione è del tutto fuori luogo.

Anonimo ha detto...

La mia maestra delle elementari direbbe "fuori tema". Mi scuso con te e con tutti i lettori.
Mi chiamo Luciano e vivo a Trevi.

Uno che ti aveva sovvenzionato ha detto...

Credo che la questione sia nata quella volta che tu , Anna, hai dichiarato che si volevano nascondere 1000 morti e che volevi al più presto un pc con connessione per fare informazione vera. Informazione, non opinioni personali e non argomentate. Se fossi rimasta semplicemente una blogger che scrive giustamente ciò che le pare sul suo blog, nessuno avrebbe avuto nulla da ridire. Ma c'è stata gente che ha tirato fuori soldi immediatamente per permetterti di continuare a tenere un blog. Forse era meglio se chiedevi aiuto ai tuoi parenti, chiedendo aiuto ai bloggers ti sei fregata da sola. Ora si pretende da te documentazioni VERE e non alterigia individualista contro tutto e tutti.

uno che ti aveva sovvenzionato il pc ha detto...

Allora, a quelli che dicono che qui si da voce a tutti : non è vero, Anna cancella allagrande cose che non potrebbe confutare. bye

silvano ha detto...

Forse per evitare incomprensioni sarebbe il caso di ricordare a tutti e ricordare a noi stessi il significato originario di blog: TRATTASI DI DIARIO ONLINE - non è un sito internet nè giornalistico. Se domani mi va di dire che Anna mi sta sul culo lo dico...anche se dopo conoscendola mi farebbe morire.
;)

Anna ha detto...

@Anonimo che mi ha sovvenzionata,

mi rincresce averti deluso. Sei l'unico che si è lamentanto, fino ad ora. Ti prego di fornire la ricevuta del tuo versamento ed il danaro, così mal riposto, ti verrà immediatamente rimborsato, con gli interessi bancari. La mia amica Marina provvederà in tal senso.

silvano ha detto...

Io sono uno che in piccolo l'ha "sovvenzionata" (o mica è una zoccola!) per il pc, ma non l'ho fatto per sapere il contenuto della puntata successiva del post...mille morti sì/mille morti no...m'interessa poco, forse sarebbe il caso di chiedere a Vespa che lui se ne intende. L'ho fatto per aiutarla a mantenere i rapporti con il mondo, con la parte del suo mondo che ancora esiste - dopo aver perso tutto. Se non hai capito questo "Uno che ti aveva sovvenzionato..." non hai capito un accidenti, e se permetti (non me ne frega niente ma te lo devo dire) è quantomeno maleducato per non dire idiota recriminare sulla sovvenzione ed umiliante...sensibilità zero.
A proposito, se hai bisogno, ti rimborsiamo con tanto di interessi a patto di non dover più leggere certe bestialità.

Anna ha detto...

@Silvano,
come vedi lo sprovveduto ha pensato che lo censurassi. Ho messo la moderazione unicamente per eliminare il patetico spam erotico-cattolico.
Io e te andiamo all'unisono, rispondendo le medesime cose, allo stesso momento. :-)

silvano ha detto...

Lo spam erotico-cattolico mi mancava. Questa la salvo.
ciao, silvano.

aquiletta ha detto...

Silvano parli di sensibilità e ammetti che dei 1000 morti nascosti chissà dove e perchè (vedi primo post terremoto anna)non te ne importa niente. (!?!)
Non sono cifre, 1000 morti sono esseri umani che mancano all'appello delle famiglie.
Io non ti ho finanziato per il pc però da una che la canta a tutti e per tutto mi aspettavo che parlasse seriamente. Buffona

censura pure, per una nazista mascherata da comunista è facile.

Anna ha detto...

Mbè, dopo l'illuminante commento di aquiletta, stacco, vado a fare una passeggiata nel fango. Meglio il fango, decisamente. E il diluvio. Scusate se i vostri commenti non saranno pubblicati subito. A presto e buon Primo Maggio a tutti.

arrgianf ha detto...

ti ringrazio Anna per la visita sul mio blog e del commento lasciato, da come mi avevi considerato qui, pensavo di essere invisibile. Ti ringrazio e cmq ho espresso nel blog di marta quello che volevo dire, cioè semplicemente "che mi dispiace tantissimo a tal punto che vorrei e spererei che non fosse vero".

silvano ha detto...

Allora guarda Aquiletta, ti dirò: anch'io rimasi interdetto sui 1000 morti, poi conoscendo Anna da prima di questa tragedia che ha investito lei e migliaia di altre persone, ho pensato che probabilmente si sbagliava (l'ho anche sperato come l'abbiamo sperato tutti), ma ti assicuro che se lei in quel momento lo scrisse lo fece in buona fede su questo non ci sono dubbi. Non era solo sotto shock ma era in buona fede. Sbagli a darle della buffona. Non lo è nè lo è mai stata puoi star tranquillo. E' una persona in buona fede. Se ha sbagliato non facciamole un processo, non lo merita, e siamo invece contenti che in buona fede si è sbagliata.
ciao.

sassicaia molotov ha detto...

Una persona che vive una situazione d'estrema emergenza ha una sola realtà: quella di gestirla ed uscirne al più presto possibile. Quindi probabilmente è più lucida che mai. E che molto probabilmente non ha bisogno di consigli da parte di chi di queste situazioni non ne sa una beata fava.
Pensateci su.

Daniele Passerini ha detto...

C'è modo e modo di gestire una "crisi", queste sono alcune mie considerazioni su quel che leggo nel web sulle tendopoli ...

tarta ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Donna Cannone ha detto...

Noto con perplessità che è di nuovo stata attivata la moderazione dei commenti. Non ne capisco il motivo.
Noto nell'altalenanza dell'attivazione della moderazione una fragilità che mi commuove.

Vista l'aria che tira qui, mi aspettavo una reazione così, ma le dimensioni sono maggiori del previsto.
Ripeto, da tanti mesi seguo con interesse i tuoi post e so che non sei una giornalista. Non smetterò di leggerti; continuo a ritenere che tu sia molto provata dalla situazione e quindi prendo le tue reazioni focose e troppo arrabbiate con il beneficio del dubbio.

Come altri prima di me, ho letto su questo blog che desideravi un PC e una connessione per raccontarci della vostra tragedia quello che non passa dai filtri dei mezzi di comunicazione di massa.
E pur essendo tornata giorno dopo giorno a leggerti, non ho trovato quanto ci era stato promesso.
Rimango del mio parere, ribadendo la legittimità del mio parere, dei miei dubbi, della mia perplessità.

Trovo piuttosto scorretta (ma anche molto comica) la tua reazione infantile.
Ripeto, non corrisponde all'idea di Anna che avevo e secondo me è molto probabile che sia falsata dal dramma che stai vivendo. Rinnovo i miei auguri di ogni bene a te e a chi con te sta attraversando questo periodo drammatico.
(Quando avrò tempo mi soffermerò sulle decine di commenti, ma ora, come a Donna Cannone si confà, devo sorvolare).

1,2,3stella ha detto...

cara anna:
purtroppo dopo il disastro ti tocca pure sopportare gente talmente vuota ed inutile dal venire a sfogare la loro meschinità qui..
ti abbraccio

dani ha detto...

Proprio oggi ho parlato di quanto leggo a proposito del terremoto su internet e sul tuo blog con una ragazza di qui (Roma) che partirà per l'Aquila la prossima settimana come volontaria portando avanti lo stesso tipo di lavoro di cui si occupa qui e cioè situazione degli animali.. anche loro in difficoltà ovviamente e a cui deve pensare qualcuno.
Ci si diceva quindi come tutto su intrnet si ain contrapposizione rispetto al tutto positivo di cui blatera la tv e annessi..
Questa ragazza è già stata in Abruzzo per alcuni giorni la settimana scorsa ... e non per occuparsi degli animali.
E mi ha dato conferma personale che la situazione è ben lontata da quanto la televisione sbandieri..
A tutti quelli che ti accusano di voler attaccare e non rispettare quanto faccia il "prezioso" operato della Protezione Civile io voirrei invitare a leggere e capire veramente quanto io penso che tu cerchi di dire..
Credo sia scontato che la situazione sia difficile da gestire e che sia necessaria una certa organizzazione.. ma penso che la preziosa protezione civile non debba mai dimenticare di avere a che fare con esseri umani duramente provati ma soprattutto cio che infastisce.. per dirla sul soft.. perchè rende meglio il concetto.. ciò che fa incazzare è perchè mai si debba comunicare falsamente che tutto fila liscio come l'olio!!
Non sarebbe più umano e dignitoso parlare delle vere e reali difficoltà? Il loro lavoro e i loro tentativi di risolverne una parte sarebbero sicuramente più apprezzati.
E invece continua a regnare questa illusorio ma falso sistema di presentare sempre tutto ok.. e nascondere poi la verità..
Un abbraccio a te Anna.

oscar ferrari ha detto...

semplicemente, buon primo maggio anche a te

dario 512 ha detto...

Cara Anna:quale volontario della protezione civile nazionale alpini,provo anch'io un po' di rammarico nei tuoi spot.Posso capire la sofferenza in cui vi trovate,ma credo fermamente che le "regole"fatte nelle varie tendopoli siano solo per ragioni di sicurezza e di convivenza civile tra persone disagiate.Non certo per imporre volonta o divise di nessun tipo.Credimi che se anche non ho la "laurea in disaster manager"posso dirti che gestire 3-4000 persone in un campo,garantendo loro 3 pasti caldi e tutti i servizi necessari non e' cosa facile.
Lavorare dalle cinque del mattino fino alle dieci-mezzanotte e' duro ma in quei momenti lo fai col cuore in mano e perche' ci credi fermamente,altrimenti te ne stai a casa al calduccio.
Riconosco che qualche mela marcia puo' esserci,ma non dobbiamo per questo gettare tutta la cesta!
Mi auguro in uno dei prossimi turni di poterti incontrare,scambiandoci le nostre opinioni davanti ad un caffe'.

Sinceramente:Dario 512-A.N.A.Schio Vi.

mariella ha detto...

Buon primo maggio anche a te Anna.
Non ti curar di loro ma guarda e passa.
Aspetto di leggerti.
Un abbraccio
Mariella

La Mente Persa ha detto...

Ti mando il mio solito grande abbraccio, l'incubo che stai/state vivendo a causa del terremoto non lo dimentico mai.
Gio

Pierre ha detto...

Anna pubblicando e rispondendo alle trollate fai il gioco dei trolls, cioe' di impedirti di fare informazione e disperdere le tue energie a rispondere a quello e a quell'altro. Francamente certi commendi non meritani proprio di essere pubblicata, ignorali proprio, se dai retta a tutti non ne esci piu'.

amatamari ha detto...

Cara Anna, buon Primo Maggio per ben iniziare, anche se mi rendo conto che tutto può apparire distante ed ovattato oppure stridente.
Continuo a leggere dal tuo e dagli altri blog cose che rasentano la denuncia, una incapacità complessiva non tanto e non solo organizzativo-gestionale quanto di formazione al sociale.
Qunado andai nel Friuli terremotato la protezione civile non esisteva o, per meglio dire, esisteva l'idea.
Sono partita con la CroceRossa perchè i singoli volontari non potevano raggiungere le zone e posso testimoniare che mai e poi mai in nessuna delle tendopoli che ho visto o prestato soccorso si sono verificati episodi quali l'identificazione attraverso un numero di matricola o la chiusura delle stesse ad orari prestabiliti.
Nel campo dove ho prestato il primo intervento si è chiesto a chi non aveva i documenti nome cognome e parentela: le persone che avevano un documento facevano da testimoni e questa anagrafe è stata redatta unicamente per la distribuzione dei materiali più costosi - preciso che arrivarono nei primi giorni e non solo dall'Italia una quantità enorme di beni...mi ricordo che ad esempio la Germania spedì non so quanti sacchi a pelo nuovissimi oltre a tende tipo canadesi e coperte -
Nessuno si è mai permesso di sindacare sulla possibilità di circolare: l'unico divieto era di recarsi nelle zone ove erano avvenuti i crolli o pericolanti.
Quanto sta accadendo adesso in Abruzzo in certi campi di fatto lede la dignità della persona.
Cercherò di diffondere, per quello che posso, tutte queste notizie.
Grazie per il tuo prodigarti nell'aggiornarci.
Spero che un giorno potremmo incontrarci.

Pina ha detto...

Cara Anna, io e i miei due mici ti mandiamo un forte e caldo abbraccio! Ti ho incontrata solo dopo il 6 aprile e avrei voluto conoscerti già da prima, quando le vostre vite non erano ancora spezzate.Buon Primo Maggio anche a te, Anna! Buona notte e un bacio.
Pina da Verona.

Anna ha detto...

@Donna Cannone,
capisco che a te confaccia sorvolare, ma sai, sorvolando sorvolando, si rischia di diventare superficiali. Se ti fossi soffermata, avresti capito che la moderazione è stata attivata solo per lo spam che ha invaso questo spazio e che impediva la lettura dei commenti.
Tutti gli altri sono pubblicati. Forse verso di te non godo di credibilità, ma è così, devi fidarti. Dal tuo risentimento circa l'informazione che fornisco sul tragico evento devo dedurre che anche tu sei una di quelli che hanno pagato per il pc e sono rimasti delusi(in verità, per ora, siete solamente due). Come già detto al tale che si definisce "uno che ti aveva sovvenzionato", se la mia deduzione è esatta, ti prego di fornire la ricevuta del tuo versamento e ti sarà rimborsato quanto versato con i relativi interessi legali.
Son contenta che tu abbia trovato comica la mia reazione: vedi? ti ho fatto sorridere, pur nella mia tragedia. Tu non mi hai fatto sorridere affatto, purtroppo. Su una cosa voglio rassicurarti: la Anna che trovi qui è la stessa di prima. Forse avevi sbagliato la tua valutazione all'origine. O, forse, sorvolando sorvolando,avevi capito ben poco di me. In bocca al lupo.

@Dario512,
sarò ben felice di incontrarti e di confrontarmi con te.


@Tarta,
son certa che quanto scrivi faccia capire più di mille mie parole di quale pasta siano fatti un certo tipo di volontari.Se ti asterrai dall'intervenire,non solo renderai un piacere ai frequentatori di questo luogo, ma ne renderai uno molto più grande a quanti degni volontari si vedono così indegnamente rappresentati.

Anonimo ha detto...

cara Anna, buon Primo Maggio ogni sera visito il tuo blog e leggo i tuoi post con piacere, trovo molto utile che tu continui a raccontarci della situazione che voi tutti state vivendo. Questa sera ho letto tutti i commenti è stato un pò pesante sono rimasta sconvolta da alcuni commenti concordo con Pierre quando dice di non disperdere le tue energie rispondendo a quelle persone che mi sembra vogliano solo provocare.
Tutte quelle cattiverie nei tuoi confronti mi danno sui nervi e non solo, quel finto "buonismo" quel "tutto è perfetto" quel "protezione civile" quello che prima dona e poi si incazza ecc.ecc. è veramente intollerabile.
Purtroppo visito parecchi blog e alla fine vedo che con i commenti tutto finisce a taralucci e vino, dappertutto esistono questi famosi troll ....
Scusami se ho utilizzato questo spazio per un mio " sfogo di pancia" mi ha fatto bene. Anzi mi sono trattenuta.
Fallo anche tu, scaricando la tua tensione e continuando a raccontare. A presto un abbraccio.
Mery

Anna ha detto...

@Tarta,
vedo che hai provveduto ad eliminare tu stessa il commento che pensavi io non ti pubblicassi. Spero che tu lo abbia fatto per rispetto dei volontari e per rispetto a te stessa.

Future Jurist ha detto...

Ma insomma la Protezione civile che cos’è? Non è forse l’istituzione chiave che, in attuazione dell’art. 32 della Costituzione, “tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” riguardo alle catastrofi, prima che avvengano e dopo che sono avvenute? E riguardo a quello che essa fa, sempre secondo l’art. 32, non è tenuta a garantire l’informazione e il consenso della collettività? E’ la Protezione civile che ha l’obbligo di informare, mentre la collettività ha il diritto di essere informata e consultata dalle istituzioni. E’ soprattutto quando la Protezione civile viene meno a tale obbligo che bisogna far sentire alta la voce dell’art. 21 comma 1 della Costituzione, un altro dei suoi cardini: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”

La reazione, anonima e non, che si accanisce con violenza contro questo spazio libero, mi dà da pensare. I quartieri alti, molto alti, da cui dipende la gestione delle zone terremotate considerano la Costituzione off limits rispetto al campo militarizzato in cui cercano di trasformare L’Aquila e i paesi circostanti. Lo stato di necessità è sempre stato un ottimo pretesto per limitare diritti da cui potrebbero nascere pericolose forme di controllo dal basso.

Buon Primo Maggio.
giovanni

arrgianf ha detto...

Anna buon primo maggio, ma non capisco, accusi Donna Cannone eppure l'hai linkata facendosi una pubblicità incredibile.. Se non l'avessi linkata tu non l'avrei mai conosciuta.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
chit ha detto...

Semplicemente e per quel che può essere...
buon I° maggio a tutt*!

gaia ha detto...

Cara Anna, sono rientrata adesso a casa e ho letto quello che hai scritto sui vigili del fuoco. Condivido completamente ciò che hai detto. Uno dei miei nipoti ha fatto il servizio militare in questo corpo e so come agiscono. Comunque, a quello che so (potrei dire una sciocchezza) loro sono "protezione civile". Cioè ormai da molti anni, da quando esiste la protezione civile ne fanno parte a tutti gli effetti. Questo solo per dire che è molto probabile che le cose che tu lamenti siano da attribuire o a singoli incapaci o a disposizioni precise adottate in queste particolari circostanze. Comunque sia, auguro a te e a tutti gli aquilani un presente ed un futuro migliore.

nonsisamai ha detto...

saro' un'extraterrestre, ma non mi sembra che la donna cannone sia stata cosi' offensiva o incoerente.
ha solo espresso la sua opinione personale motivandola. non ci si puo' apettare che siano tutti d'accordo con quello che scriviamo.
credo che tutto questo livore non porti a molto. c'e' altro su cui concentrarsi in questo momento.

fiorella ha detto...

ciao anna.
non vengo nel tuo blog per trovare il verbo, ma per sapere se riuscite a trovare un "barlume" di vita normale. nei telegiornali ormai non fate piu' notizia...tranne quando il reggente dice che il 10 settembre sarete tutti dentro a case vere.
mi associo al tuo invito: andate a leggere altrove se pensate che qui si scrivano solo cazzate.
un abbraccio a tutti

Anonimo ha detto...

Rammento a chiunque arrivi su un blog su internet che i blog sono PERSONALI e quindi ogni persona scrive ciò che più gli aggrada.
Miss Kappa ha vissuto il terremoto e quindi ha una propria opinione e, nel suo blog, può allegramente fare ciò che vuole e scrivere ciò che pensa, senza che Donne Cannone di sorta facciano le maestrine e si offendano. Che vadano a leggere il blog del nano!
Saluti a tutti e in bocca al lupo a Miss Kappa

Patrizia da Modena